Carrello
Carrello vuoto



Lavori ed atti vietati in modo assoluto nella fascia di rispetto delle acque pubbliche, loro alvei, sponde e difese


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL CODICE DELLE OPERE IDRAULICHE E DELLE RISORSE IDRICHE
anno:2019
pagine: 2851 in formato A4, equivalenti a 4847 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 40,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


VINCOLI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI E LEGALI --> FASCE DI RISPETTO --> TIPOLOGIE --> CORSI D'ACQUA

I divieti di edificazione stabiliti dall'art. 96 del regio decreto n. 523/1904, in materia di distanze delle costruzioni dagli argini, hanno carattere assoluto e inderogabile e sono informati alla ragione pubblicistica di salvaguardare non solo la possibilità di sfruttamento delle acque demaniali, ma anche - e soprattutto - il libero deflusso delle acque scorrenti nei fiumi, torrenti, canali e scolatoi pubblici.

L'obiettivo di salvaguardare la possibilità di sfruttamento delle acque demaniali ed il libero deflusso delle acque scorrenti nei fiumi, torrenti, canali e scolatoi pubblici, perseguito dall'art. 96 del regio decreto n. 523/1904, può essere messo a rischio anche da strutture temporanee, amovibili, di dimensioni modeste e prive di rilevanza urbanistica.

L'art. 96 del T.U. sulle opere idrauliche di cui al R.D. 25 luglio 1904, n. 523 contiene un'elencazione di lavori ed atti vietati in modo assoluto sulle acque pubbliche, loro alvei, sponde e difese. Nello specifico, la lett. f) vieta: le piantagioni di alberi e siepi, le fabbriche, gli scavi e lo smovimento del terreno a distanza ... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...egli argini e loro accessori da fiumi, torrenti e canali navigabili, minore di quella stabilita dalle discipline vigenti nelle diverse località, ed in mancanza di tali discipline, a distanza minore di metri quattro per le piantagioni e smovimento del terreno e di metri dieci per le fabbriche e per gli scavi. Il divieto di edificazione ha carattere assoluto e riguarda in genere tutte le acque pubbliche, ed è informato alla ragione pubblicistica di assicurare, oltre che alla possibilità di sfruttamento delle acque demaniali, anche (e soprattutto) il libero deflusso delle acque di fiumi, torrenti, canali e scolatoi pubblici.

Il R.D. 25 luglio 1904, n. 523, art. 96, lett. f), per come è formulato, è indubbiamente una norma intesa a conferire prevalenza, in materia di distanza dagli argini, alla normativa locale, svolgendo, pertanto, una funzione sussidiaria, nel senso che essa è destinata ad operare solo laddove siffatta disciplina manchi.

In materia di distanza dagli argini, la normativa locale, anche espressa mediante l'utilizzo di uno strumento urbanistico, per prevalere sulla norma generale di cui al R.D. 25 luglio 1904, n. 523, art. 96, lett. f), deve avere carattere specifico, ossia essere una normativa es... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ... dedicata alla regolamentazione della tutela delle acque e alla distanza dagli argini delle costruzioni, che tenga esplicitamente conto della regola generale espressa dalla normativa statale e delle peculiari condizioni delle acque e degli argini che la norma locale prende in considerazione al fine di stabilirvi l'eventuale deroga.

Alla luce del generale divieto di costruzione di opere in prossimità degli argini dei corsi d'acqua ex art. 96, primo comma, lett. f), del r.d. 25 luglio 1904, n. 523, il rinvio da quest'ultima disposto alla normativa locale assume carattere eccezionale: tale normativa, per prevalere su quella generale, dovrebbe avere carattere specifico, ossia essere espressamente dedicata alla tutela delle acque e alla distanza delle costruzioni dagli argini, nonché tener conto, in modo esplicito, della regola generale espressa dalla normativa statale e delle peculiari condizioni delle acque e degli argini prese in considerazione al fine di stabilire l'eventuale deroga.

Laddove il Comune ritenga presente in loco un fossato appartenente al reticolo idrico minore, si giustifica certamente la previsione di una fascia di rispetto, indipendentemente dalla circostanza che manchi allo stato un tubo di sversamento nel predetto fos... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...e la portata d'acqua possa variare o addirittura, in alcuni periodi, essere del tutto assente.

Gli artt. 133, lett. a), del r.d. n. 268 del 1904 e 96, lett. f), del r.d. n. 523 del 1904 regolano due diversi regimi, che, in ragione dell'oggetto e delle esigenze poste a fondamento di ciascuno, sono da ritenersi tuttora vigenti malgrado il sopravvenuto art. 144 del d.lgs. n. 152 del 2006 (secondo cui tutte le acque superficiali e sotterranee, ancorché non estratte dal sottosuolo, appartengono al demanio dello Stato) atteso che il primo, concernente le opere di bonifica e le loro pertinenze, prevede, a seconda dell'importanza, una distanza minima per i fabbricati che può essere fissata da 4 a 10 metri, mentre il secondo riguarda tutte le altre acque pubbliche, le loro sponde, alvei e difese e fissa la distanza minima di 10 metri per le fabbriche, sicché è legittima la trasposizione nella propria normativa urbanistica, da parte di un comune, di differenti regimi per ciascun corso d'acqua.

E' legittimo il diniego di rilascio di permesso di costruire in sanatoria relativamente ad un fabbricato realizzato all'interno della c.d. fascia di servitù idraulica, atteso che il divieto di costruzione ad una certa distanza dagli ar... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...rsi d'acqua demaniali ha carattere assoluto ed inderogabile.

La rilevanza degli interessi pubblici tutelati dal divieto di costruzione di opere ad una certa distanza dagli argini dei corsi d'acqua comporta che il vincolo opera con un effetto conformativo particolarmente ampio, determinando l'inedificabilità assoluta all'interno della fascia di rispetto.

Il divieto di costruzione nella c.d. fascia di servitù idraulica ha carattere assoluto ed inderogabile e permane nonostante la tombatura del corso d'acqua.

La c.d. fascia di servitù idraulica imposta dall'art. 96 lett. f), r.d. 25 luglio 1904, n. 523, essendo informata alla ragione pubblicistica di assicurare non solo la possibilità di sfruttamento delle acque demaniali, ma anche (e soprattutto) il libero deflusso delle acque scorrenti nei fiumi, torrenti, canali e scolatoi pubblici, ha carattere assoluto e non derogabile in relazione a qualsiasi costruzione (recinzioni, strade, depuratore e quant'altro).

Anche i semplici muretti rientrano tra le "fabbriche" che sono vietate in modo assoluto sulle acque pubbliche, loro alvei, sponde e difese, ai sensi art. 96 del R.D. n. 523 del 25 luglio 1904.

Non assume rilievo alcun... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...udere l'applicabilità della fascia di servitù idraulica, il fatto che un corso d'acqua che è sempre stato tale si possa presentare privo d'acqua.

La distanza di un manufatto dall'argine di un fiume deve essere determinata riferendosi alla delimitazione effettiva del corso d'acqua, partendo dal ciglio della sponda, quale confine naturale dell'ordinaria portata d'acqua, e non già dal piede esterno dell'argine ogni qual volta esso non esplichi una funzione analoga alla sponda nel contenere l'acqua, rappresentando invece una barriera esterna artificiale eretta a difesa del territorio nell'ipotesi del verificarsi di piene eccezionali.

Il divieto di costruire ad una certa distanza dagli argini dei corsi d'acqua demaniali, essendo volto principalmente a garantire il libero deflusso delle acque, ha carattere assoluto e le ipotesi di deroga eccezionalmente previste dalle normative locali sono ancorate a rigorosi presupposti la cui dimostrazione grava sul privato.

Per le aree gravate dal vincolo di cui all'art. 142 lett. c) d.lgs. 42/2004, che tutela direttamente il paesaggio idrico relativo all'alveo del corso d'acqua e indirettamente il profilo estetico-culturale, il diniego di nulla osta non è sufficienteme... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...o con l'indicazione del pregio paesaggistico della zona dovendosi invece accertare in che misura l'opera pregiudichi il valore paesistico-ambientale dell'alveo del torrente limitrofo.

Il divieto di costruzione di opere sugli argini dei corsi d'acqua, previsto dall'art. 96, lett. f), R.D. 523/1904, risponde all'esigenza di natura pubblicistica di assicurare non solo la possibilità di sfruttamento delle acque demaniali, ma anche (e soprattutto) il libero deflusso delle acque scorrenti nei fiumi, torrenti, canali e scolatoi pubblici e ha carattere legale e inderogabile.

Ai fini del divieto di costruzione di opere sugli argini dei corsi d'acqua, previsto dall'art. 96, lett. f), R.D. 523/1904 è irrilevante la circostanza che manchi una sorgente a monte e che, pertanto, abitualmente non vi scorra acqua, perché anche un fossato creatosi naturalmente tra due rilievi collinari, convogliando le acque meteoriche, può determinare il dilavamento dei terreni, mettendone in pericolo la stabilità e turbando il regime delle acque superficiali.

La disciplina di cui all'art. 96 r.d. 5231904, che impone la distanza minima di dieci metri dal piede degli argini e loro accessori per i lavori di scavo, ha carattere sussidia... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...o destinata a prevalere solo in assenza di una specifica normativa locale. La disciplina derogatoria, che può anche essere contenuta nello strumento urbanistico, deve comunque essere espressamente destinata alla regolamentazione delle distanze dagli argini, esplicitando le condizioni locali e le esigenze di tutela delle acque e degli argini stesi che giustifichino la determinazione di una distanza maggiore o minore di quella indicata dalla norma statale.

L'emanazione di uno strumento urbanistico e il rilascio della licenza edilizia non comportano di per sé l'assorbimento di ogni valutazione di compatibilità delle erigende costruzioni con il regime dei corsi d'acqua, trattandosi di tutela di interessi pubblici cui sono preposte esclusivamente o prevalentemente altre autorità amministrative dalle quali occorre acquisire l'apposita autorizzazione.

I divieti di edificazione e movimento terra previsti dall'art. 96 comma 1-f del RD 523/1904 a tutela del vincolo idraulico (integrati, nella Regione Lombardia, dalla disciplina regionale di cui alla DGR n. 7/7868 del 25 gennaio 2002, e successive modifiche, sulla polizia idraulica di competenza comunale) devono essere intesi non tanto come strumenti di protezione dello stato attual... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...i, ma come misure dirette a impedire l'alterazione del regolare deflusso delle acque.

La sistemazione o l'ampliamento di una strada possono comportare la modifica dell'alveo di un torrente, ma questo non significa che tali interventi siano automaticamente in contrasto con il vincolo idraulico: in realtà, il compito dei comuni nell'esercizio delle funzioni di polizia idraulica è proprio quello di individuare le condizioni tecniche idonee a garantire il potenziamento delle infrastrutture e allo stesso tempo il mantenimento (e se possibile il miglioramento) del regolare deflusso delle acque.

La presenza del vincolo idraulico non impedisce la realizzazione di un intervento privato di sistemazione dell'alveo del torrente e di messa in sicurezza della strada demaniale, che risulta esposta alle esondazioni, a condizione che il Comune (anche avvalendosi delle competenti strutture tecniche regionali e provinciali) stabilisca esattamente le prescrizioni tecniche in grado di preservare, e possibilmente migliorare, il regolare deflusso delle acque.

L'unico soggetto legittimato a far valere la violazione delle distanze da un canale è l'ente proprietario del canale stesso e non altri soggetti.

Il riferimento alle... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...e vigenti nelle diverse località" contenuto nell'art. 96 del R.D. 25 luglio 1904, n. 523 deve intendersi come un rinvio mobile ad una disciplina non applicabile sull'intero territorio nazionale e che tenga conto delle specificità locali; tale carattere è riferibile anche alla disciplina regionale.

L'art. 96, lett. f), del r.d. 25 luglio 1904, n. 523, in materia di distanze delle costruzioni dagli argini, ha carattere sussidiario, essendo destinato a prevalere solo in assenza di una specifica normativa locale. Tuttavia, quest'ultima, che può anche essere contenuta nello strumento urbanistico, per derogare alla norma statale, deve essere espressamente destinata alla regolamentazione delle distanze dagli argini, esplicitando le condizioni locali e le esigenze di tutela delle acque e degli argini che giustifichino la determinazione di una distanza maggiore o minore di quella indicata dalla norma statale.

I divieti di edificazione sanciti dall'art 96, lett F), del RD 25 luglio 1904, n 523 (tu delle leggi sulle opere idrauliche), sono precipuamente informati alla ragione pubblicistica di assicurare la possibilità di sfruttamento delle acque demaniali per i diversi usi disciplinati dalla speciale legislazione sulle acque,... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...e, di assicurare, ai fini di pubblico interesse, il libero deflusso delle acque scorrenti nei fiumi, torrenti, rivi, canali e scolatoi pubblici: ne consegue che, qualora risulti oggettivamente non sussistente una massa d'acqua pubblica suscettibile di essere utilizzata ai suesposti fini pubblicistici, deve escludersi la operatività, ad ogni effetto, dei divieti predetti.

L'articolo 96, primo comma, lettera f), del R.D. 25.7.1904, n. 523, ha introdotto il divieto assoluto di costruire a distanza minore di 10 metri dalle acque pubbliche (compresi alvei, sponde e difese).

Nella Provincia autonoma di Trento il divieto assoluto di costruire a distanza minore di 10 metri dalle acque pubbliche è stato derogabile dall'articolo 7 della l.p. n. 18 del 1976, la quale ha però previsto che eventuali deroghe possono essere concesse solo fino alla distanza di metri 4.

La disciplina delle fasce di rispetto delle costruzioni dai corsi d'acqua trova la sua fonte normativa: a) nell'art. 133, lett. a), R.D. 368/1904 che si applica ai corsi d'acqua/canali facenti parte del sistema di bonifica e prevede una distanza minima da 4 a 10 metri, secondo l'importanza del corso d'acqua; b) nell'art. 96, lett. f), R.D. 523/1904, che si applica... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...i corsi d'acqua e prevede la distanza minima di dieci metri.

Il divieto di costruzione di opere dagli argini dei corsi d'acqua, previsto dall'art. 96, lett. f), R.D. 523/1904 ha carattere legale, assoluto e inderogabile, ed è diretto al fine di assicurare non solo la possibilità di sfruttamento delle acque demaniali, ma anche (e soprattutto) il libero deflusso delle acque scorrenti nei fiumi, torrenti, canali e scolatoi pubblici; cioè, esso è teso a garantire le normali operazioni di ripulitura/manutenzione e a impedire le esondazioni delle acque.

L'art. 96, lett. f), R.D. 523/1904 risponde all'evidente finalità di interrompere la pericolosa tendenza a occupare gli spazi prossimi al reticolo idrico, sia a tutela del regolare scorrimento delle acque sia in funzione preventiva rispetto ai rischi per le persone e le cose che potrebbero derivare dalle esondazioni.

L'art. 96, lett. f), R.D. 523/1904 opera con un effetto conformativo particolarmente ampio determinando l'inedificabilità assoluta della fascia di rispetto.

Nel divieto di cui all'art. 96 R.D. 523/1904 è inclusa ogni opera che alteri o lo stato o la forma o le dimensioni o la resistenza dell'argine, trattandosi di i... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...la legge prevede tutte in via alternativa tra loro, poiché l'alterazione dello stato dei luoghi, che la norma intende assolutamente impedire, può derivare dalla modificazione anche di una soltanto delle caratteristiche dell'argine, senza che occorra che la modificazione le investa tutte.

La potatura di una siepe collocata sulla parte esterna dell'argine non rientra nel divieto di cui all'art. 96 R.D. 523/1904.

Il divieto di edificazione di cui all'art. 96, lett. f), R.D. 523/1904 si applica anche alle sponde dei laghi: tale disposizione, infatti, ha la finalità di consentire il libero deflusso delle acque, e tale necessità si impone pure con riguardo alle acque dei laghi, anch'esse soggette a innalzamenti di livello.

In presenza di un divieto di edificabilità, l'esistenza di eventuali abusi edilizi non potrebbe di per sé legittimare la pretesa a identico trattamento.

Il divieto di cui all'art. 96 lett. g) R.D. 523/1904 si riferisce anche ai cumuli di materiale lapideo, di cui, di conseguenza, è vietato il posizionamento lungo gli argini dei fiumi.

I divieti posti dall'art. 96 R.D. 523/1904 sono inderogabili e sono posti a tutela non solo della demanialit&ag... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ... acque ma soprattutto del libero deflusso delle acque scorrenti nei fiumi, torrenti, canali e scolatoi pubblici ed dell'agevole svolgimento dei lavori di manutenzione di volta in volta necessari a tale scopo.

L'obbligo di motivazione dei provvedimenti che ordinano il ripristino dello status quo ante in caso di violazione dell'art. 96 R.D. 523/1904 è da ritenersi assolto mediante il semplice richiamo alle norme di legge o regolamento ritenute violate, stante il carattere tendenzialmente vincolato e doveroso degli stessi.

I divieti di edificazione sanciti dall'art. 96 R.D. 523/1904, informati alla ragione pubblicistica di assicurare la possibilità di sfruttamento delle acque demaniali ovvero di assicurare il libero deflusso delle acque scorrenti nei fiumi, torrenti, canali e scolatoi pubblici, debbono ritenersi non operativi soltanto quando risulta oggettivamente non sussistente una massa di acqua pubblica suscettibile di essere utilizzata ai predetti fini.

L'art. 96 lett. f) R.D. 523/1904, il quale stabilisce che i fabbricati non possono sorgere a distanza inferiore a dieci metri dal piede degli argini dei corsi d'acqua, è applicabile anche quando i corsi d'acqua siano stati coperti da una strada pubblica
[Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...vieto di costruzione ad una certa distanza dagli argini dei corsi d'acqua demaniali (c.d. fascia di servitù idraulica), contenuto nell'art. 96, lett. f), R.D. 523/1904 ha carattere assoluto ed inderogabile.

La "fascia fiume" è la fascia di rispetto pari a metri dieci prevista dall'art. 96, lett. f, del r.d. n. 523 del 1904 e rispetto alla quale l'art. 115 del d.lgs. n. 152 del 2006 si è limitato solo a disciplinare gli interventi ammissibili ai fini della stabilizzazione delle sponde e del mantenimento dei valori ambientali presenti.

A fronte del divieto di edificazione discendente dall'esistenza della fascia di rispetto fluviale non è richiesta una particolare attività istruttoria da compiere, quanto piuttosto l'assoluto rispetto del divieto.

Il divieto di edificazione a distanza inferiore a 4 o 10 metri dai canali di bonifica stabilito dall'art. 133 R.D. 368/1904 si differenzia da quello di cui all'art. 96 lett. f) R.D. 523/1904 per i corsi d'acqua più importanti perché è assolutamente inderogabile da parte delle discipline locali.

L'interesse del privato proprietario al mantenimento dell'edificio entro la fascia di rispetto dei canali di bonifica (art. 133 R.D. ... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ... a distanza inferiore a quella minima è ttelato solo se ed in quanto l'immobile non subisca alcuna trasformazione fisica, rimanga tal quale, come esistente: peraltro, nemmeno in tale ipotesi l'interesse ha una tutela assoluta, potendo disporsi l'arretramento o l'abbattimento dell'immobile che "rechi pregiudizio" all'interesse pubblico relativo alla più funzionale ed efficace manutenzione di argini, sponde, corsi d'acqua e canali e/o se presenti rischi in ordine all'esondazione e al naturale deflusso delle acque.

Il limite minimo di quattro metri di distanza dal canale di bonifica (art. 133 R.D. 368/1904) non è derogabile nemmeno dal Consorzio di bonifica.

La pulizia del letto di un corso d'acqua non fa venir meno la relativa rischiosità idraulica se questa risulta giuridicamente tuttora in essere per effetto di un vincolo di inedificabilità assoluta.

Nel bilanciamento dei contrapposti interessi, quelli dell'autore di un abuso edilizio a ridosso di un corso d'acqua appaiono del tutto recessivi rispetto all'interesse pubblico ad evitare il possibile rischio all'incolumità delle persone coinvolte nella sua attività produttiva.

Il divieto di costruzione di opere ad una determ... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...nza dagli argini dei corsi d'acqua, previsto dall'art. 96 lett. f) R.D. 523/1904 ha carattere assoluto ed inderogabile, in quanto teso a consentire le normali operazioni di ripulitura e di manutenzione, e di impedire le esondazioni delle acque.

La deroga contenuta nell'art. 96, lett. f), R.D. 523/1904 per cui la distanza minima dai corsi d'acqua si applica in mancanza di "discipline vigenti nelle diverse località" è di carattere eccezionale: pertanto, la normativa locale, per prevalere sulla norma generale, deve avere carattere specifico, ossia essere una normativa espressamente dedicata alla regolamentazione della tutela delle acque e alla distanza dagli argini delle costruzioni, che tenga esplicitamente conto della regola generale espressa dalla normativa statale e delle peculiari condizioni delle acque e degli argini che la norma locale prende in considerazione al fine di stabilirvi l'eventuale deroga.

Nulla vieta che la norma locale che deroghi alla distanza stabilita dall'art. 96, lett. f), R.D. 523/1904 sia espressa anche mediante l'utilizzo di uno strumento urbanistico, come può essere il piano regolatore generale, ma occorre che tale strumento contenga una norma esplicitamente dedicata alla regolamentazione del... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ... delle costruzioni dagli argini anche in eventuale deroga al R.D. 523/1904 in relazione alla specifica condizione locale delle acque di cui trattasi.

Le disposizioni contenute nel P.T.P.R. devono ritenersi inidonee a derogare alla distanza stabilita dall'art. 96, lett. f), R.D. 523/1904 in ragione sia della loro valenza generale ed indistinta per tutto il territorio regionale sia della diversa finalità di tutela ambientale – propria delle norme contenute in un piano paesistico – che esse intedono perseguire.

Il divieto di piantagione di alberi, di edificazioni o fabbriche e di movimento del terreno del piede esterno e interno degli argini ad una certa distanza dal corso d'acqua (che per i manufatti è da 4 a 10 metri secondo l'importanza del corso d'acqua medesimo) vale non solo per i corsi d'acqua superficiali, ma anche per le altre opere di bonificazione di cui all'art. 133, co. 1, R.D. 368/1904, tra le quali va certamente compresa anche la tombinatura che non può dirsi come tale opera definitiva, essendo possibile riportare in qualunque momento il corso d'acqua allo stato precedente.

Il rispetto delle distanze di cui all'art. 133 R.D. 368/1904 deve ritenersi inderogabile anche per i corsi d'acqua tom... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...fine di consentire uno spazio di manovra nel caso di necessità di porre in essere attività di manutenzione delle condutture.

Gli strumenti urbanistici non hanno la capacità di far venir meno la natura direttamente impressa ad un'acqua pubblica dalla previsione legislativa.

Sono di interesse paesaggistico e sottoposte alle disposizioni di tutela per legge, tra gli altri, i fiumi, i torrenti, i corsi d'acqua iscritti negli elenchi previsti dal T.U. 11 dicembre 1933, n.1775 e le relative sponde o piedi degli argini per una fascia di 150 metri ciascuna, ma il vincolo limitativo dell'edificabilità è escluso nelle aree ricadenti nelle zone A e B dei PRG vigenti alla data del 6 settembre 1985.

La fascia di protezione di 150 metri va misurata dal limite di piena ordinaria del corso d'acqua, sia esso coincidente con il ciglio di sponda sia esso coincidente con il piede esterno dell'argine, mentre restano a tal fine estranee le barriere protettive preordinate a contrastare le piene straordinarie.

Nella Regione Puglia la lama e la gravina, che costituiscono specie nell'ambito del genus torrenti, risultano entrambe tutelate col vincolo di inedificabilità dell'art. 51, lettera h), della l.r.... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...tutela successivamente ribadita con la l.r. n. 30/90.

VINCOLI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI E LEGALI --> FASCE DI RISPETTO --> TIPOLOGIE --> FALDA ACQUIFERA

E' consentito l'insediamento di abitazioni in zone sottoposte a vincoli di tutela dei pozzi acquiferi, ferma restando la necessità di verificare, in sede esecutiva, che le modalità costruttive siano tali da evitare ogni pericolo di inquinamento delle falde acquifere.

Le zone di rispetto delle risorse idriche presentano un'estensione di raggio non inferiore a 200 metri rispetto al punto di captazione con conseguente divieto di realizzare all'interno delle medesime opere di fognatura o di pozzi neri.

L'art. 94 D. Lgs. 152/2006, nel vietare nella zona di rispetto il pascolo e la stabulazione di bestiame che ecceda i 170 kg/ha di azoto presente negli effluenti, al netto delle perdite di stoccaggio e distribuzione, prescinde dall'accertamento di un nesso di causalità tra l'inquinamento delle acque e la stabulazione del bestiame.

L'art. 94 D. Lgs. 152/2006 si applica anche qualora il pozzo tutelato dalla fascia di rispetto abbia natura privata e anche se gli animali abbiano destinazione diversa dall'agricol... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...o allevati per scopi diversi da quelli alimentari.

Nel vigore dell'art. 21 del d.lgs. n. 152 del 1999, nel testo introdotto dall'art. 5 del d.lgs. n. 258 del 2000, le attività di edilizia residenziale e le relative opere di urbanizzazione non potevano ritenersi precluse nell'ambito delle aree soggette al vincolo idropotabile ivi contemplato.

Per gli approvvigionamenti idrici previsti dal comma 2 dell'art. 94 del D.lgs. 152/06 e distinti dalle zone di tutela e di protezione di cui al comma 1, la fascia di rispetto che il comma 6 fissa in 200 metri può essere diversamente dimensionata solo dopo l'accertamento in concreto delle specifiche esigenze di tutela che deriveranno dalla effettiva situazione dei luoghi e dei terreni.

Le esigenze di protezione fissate dall'art. 94 del D.lgs. 152/06 per le aree di salvaguardia delle acque destinate al consumo umano prescindono dal titolo amministrativo-abilitativo che consenta l'uso dell'acqua per fini potabili, presupponendo invece un uso "sostanziale" ed effettivo delle acque per consumo umano.

VINCOLI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI E LEGALI --> PARTICOLARI --> PAESAGGISTICO --> CORSI D'ACQUA

Ai fini del vincolo sui corsi d'... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...tti in appositi elenchi e le relative sponde per una fascia di rispetto di 150 metri ex art. 142, comma 1, lett. c), del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, per fiumi e torrenti la pubblicità degli stessi esiste di per sé, in base all'art. 822 cod. civ., e conseguentemente anche il vincolo paesistico è imposto ex lege a prescindere dalla iscrizione in elenchi, laddove solo per le acque fluenti di minori dimensioni e importanza, vale a dire per i corsi d'acqua che non sono né fiumi né torrenti, si impone, al fine della loro rilevanza paesaggistica, la iscrizione negli elenchi delle acque pubbliche.

Gli elenchi, l'iscrizione nel quali rileva ai fini della costituzione del vincolo di rispetto di cui all'art. 142, comma 1, lett. c), del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, non sono solo quelli cui espressamente fa rinvio tale norma (e cioè quelli "previsti dal testo unico delle disposizioni di legge sulle acque ed impianti elettrici, approvato con regio decreto 11 dicembre 1933, n. 1775"), perché a essi debbono essere considerati funzionalmente equiparabili altri elenchi pubblici, quali in concreto quelli approvati con i regi decreti 22 gennaio 1922 e 27 marzo 1927, adottati sulla base del regio decreto 1... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...20, n. 1285, il quale ha espresso in modo univoco l'intenzione di mantenere ferma l'efficacia degli elenchi di acque pubbliche formati sulla base della normativa previgente.

L'art. 142 D. Lgs. 42/2004, nella parte in cui dispone che «sono comunque di interesse paesaggistico e sono sottoposti alle disposizioni di questo titolo... i fiumi, i torrenti, i corsi d'acqua iscritti negli elenchi previsti dal r.d. 11 dicembre 1933 n. 1775, e le relative sponde o piedi degli argini per una fascia di 150 metri», va interpretato nel senso che solo per le acque fluenti di minori dimensioni ed importanza, vale a dire per i corsi d'acqua che non sono né fiumi né torrenti, si impone, ai fini della loro rilevanza paesaggistica, la iscrizione negli elenchi delle acque pubbliche; quanto ai fiumi e torrenti, il requisito della pubblicità esiste di per sé ed anche il vincolo paesaggistico è imposto ex lege senza necessità di iscrizione negli elenchi.

Deve ritenersi che i fiumi ed i torrenti siano soggetti a tutela paesistica di per sé stessi, a prescindere dalla iscrizione negli elenchi delle acque pubbliche, mentre solo per i corsi d'acqua diversi dai fiumi e dai torrenti la iscrizione negli elenchi delle acq... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...e ha efficacia costitutiva del vincolo paesaggistico; anche i fiumi e i torrenti sono da ritenere, infatti, corsi d'acqua con la conseguenza che la loro autonoma indicazione assume una sola, plausibile spiegazione: si è pensato ai fiumi e ai torrenti come acque fluenti di maggiore importanza, e ai corsi d'acqua come categoria residuale, comprensiva delle acque fluenti di minore portata, come ad es. i ruscelli («piccolo corso d'acqua»), i fiumicelli («piccolo fiume»), le sorgenti («punto di affioramento di una falda d'acqua»), le fiumare («corso d'acqua a carattere torrentizio»), ecc..



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI