Il vincolo di inedificabilità nella fascia di rispetto del demanio marittimo

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> FASCE DI RISPETTO E DISTANZE LEGALI --> FASCE DI RISPETTO --> MARITTIMA

La disciplina vincolistica “assoluta” di fonte regionale delle fasce di rispetto marittime (nella specie dettata dalla l.r. Puglia n. 56/1980) non è stata abrogata bensì addirittura rafforzata dal d.l. n. 312 del 1985, convertito in l. n. 431 del 1985, ossia da una concorrente fonte legislativa statuale, medio tempore sopravvenuta, e che concordemente con quanto già disposto dal legislatore regionale, impone un’inderogabile vincolo di inedificabilità sulla fascia di 300 metri dalla costa fino all’adozione dei nuovi piani paesistici regionali previsti dall'art. 1-bis del medesimo d.l. n. 312.

Il ... _OMISSIS_ ...ificabilità assoluta nella fascia dei 150 metri dalla battigia si applica pure alle pertinenze.

Ove un corpo idrico (quale uno stagno) presenti segni evidenti del collegamento con il mare, deve ritenersi che lo stesso faccia parte del demanio marittimo, con la conseguenza che le sue sponde sono assimilabili alla linea di battigia marina e rilevano pertanto ai fini dell'individuazione della fascia di inedificabilità assoluta dei 300 metri.

Per ottenere il titolo edilizio (nella specie, il condono), è l’intero immobile che deve trovarsi oltre la fascia dei 150 m dal mare e non solo un suo spigolo.

L’edificazione di nuove costruzioni è vietata nella fascia profonda 100 metri dal perimetro interno del demanio marittimo.
... _OMISSIS_ ... nulla osta di cui all'art. 55 del Codice della navigazione è necessario sia con riferimento a nuove opere da realizzare che con riferimento a manufatti da demolire: esso infatti va inquadrato tra le limitazioni imposte ex lege alla proprietà privata retrostante per opere che devono realizzarsi in prossimità del demanio marittimo entro la c.d. fascia di rispetto dei trenta metri dal confine demaniale stesso.

L’art. 35 d.P.R. n. 380 del 2001 può legittimare l’azione repressiva comunale ai fini della rimozione delle opere edificate sul demanio marittimo, ma non anche di quelle che si trovano su un terreno privato, ancorché ubicato nella fascia di rispetto demaniale.

Le opere abusivamente realizzate nella fascia di inedificabilità di 15... _OMISSIS_ ...attigia debbono ritenersi insanabili, in quanto il vincolo riveste carattere assoluto e inderogabile.

L’inedificabilità della fascia costiera è un principio fondamentale della legislazione statale.

Il vincolo paesistico, per i territori costieri compresi nella fascia di 300 metri dalla linea di battigia, è stato introdotto col decreto ministeriale del 21 settembre 1984, seguito dalle norme primarie contenute nel decreto legge n. 312 del 1985, convertito in legge n. 431 del 1985, poi assorbito dal d.lgs. n. 490 del 29 ottobre 1999, con più recente, puntuale disciplina contenuta negli articoli 142 e seguenti del d.lgs. n. 42 del 2004, che detta anche i principi, a cui debbono attenersi i piani paesistici territoriali, tanto da potersi conclu... _OMISSIS_ ...o;inedificabilità della fascia costiera corrisponda ad un principio fondamentale della legislazione statale, ribadito dall’art. 33, comma 1, lettera b) della legge n. 47 del 1985.

La «battigia» a cui far riferimento per il computo della fascia di rispetto costiera è il piano inclinato dove si manifesta il fenomeno del flutto montante e della risacca, in condizioni di mare medio: in buona sostanza, si tratta della linea naturale di contatto della terra con il mare, determinata dal limite massimo delle mareggiate ordinarie di ogni stagione, con esclusione dei soli fenomeni costieri particolari ed eccezionali.

L'inserimento nel mare di una barriera frangiflutti artificiale, se ha lo scopo di preservare la costa dalle mareggiate, n... _OMISSIS_ ...ingere il limite della fascia di rispetto costiera ed autorizzare la costruzione di edifici più a ridosso del mare.

Le opere dell'uomo realizzabili nella fascia di rispetto di trenta metri dal confine demaniale marittimo (art. 55 c.nav.) sono soltanto quelle tese a soddisfare necessità e limitate nel tempo, atteso che con l’espressione nuova opera il legislatore ha inteso riferirsi a tutti i manufatti ancorati stabilmente al suolo e destinati a soddisfare esigenze durevoli.

In zona coperta da vincolo di inedificabilità assoluta, qual è quello apposto lungo le coste, non può essere autorizzato, a prescindere dalla valutazione dell'incremento di cubatura, l'intervento edilizio che comporti diversa distribuzione della volumetria assentibile, ... _OMISSIS_ ...fferente altezza e ad una diversificata sagoma dell’edificio complessivamente considerato.

L'eccezione di usucapione è inconferente laddove l'amministrazione contesti la stessa possibilità di edificare all’interno della fascia di rispetto.

VINCOLI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI E LEGALI --> FASCE DI RISPETTO --> TIPOLOGIE --> MARITTIMA --> REGIONI E PROVINCE --> PUGLIA

L’edificazione nella fascia dei 300 metri dalla costa, di cui all'articolo 51, lettera f), della l.r. Puglia n. 56 del 1980, non è rapportabile alla disciplina di cui all’art. 32 della l. n. 47 del 1985 (c.d. “inedificabilità relativa”), bensì a quella di cui all'anzidetto art. 33 della medesima ... _OMISSIS_ ... a opere non suscettibili di sanatoria: di conseguenza, non è possibile provvedere al riguardo con le varianti di recupero, stante anche il divieto contenuto nell’art. 5, quinto comma, della l.r. 13 maggio 1985, n. 26, in forza del quale “non è possibile formare la variante per le opere non suscettibili di sanatoria di cui all’art. 33 della l. 47 del 1985".

Il divieto di edificazione nella fascia costiera di cui all'art. 51, lett. f), della l.r. Puglia 56 del 1980 non rappresenta una misura di salvaguardia ma un vincolo d’inedificabilità assoluta preclusivo del rilascio della concessione edilizia fino all’adozione del piano territoriale.

L’art. 51, lett. f), della l.r. Puglia 56 del 1980 vieta qualsiasi e... _OMISSIS_ ...ro la fascia costiera di trecento metri, per cui è legittimo il diniego di sanatoria espresso dal Comune per abusi edilizi realizzati entro tale fascia, a nulla valendo la previsione di piani finalizzati al recupero degli insediamenti abusivi, atteso che non è possibile formare varianti per le opere non suscettibili di sanatoria ai sensi dell’art. 33 della l. 47 del 1985.

L’art. 51, lett. f), della l.r. Puglia n. 56 del 1980 non esorbita dalle competenze del legislatore regionale in quanto essa è preordinata alla formazione di una pianificazione di ordine generale per il territorio regionale già consentita per effetto del trasferimento delle relative funzioni avvenuta a’ sensi del d.P.R. 15 gennaio 1972, n. 8.

La previsione di ... _OMISSIS_ ...di cui al d.m. 21 settembre 1984 non coincide puntualmente con quella dell’art. 51, lett. f), della l.r. Puglia n. 56 del 1980 per quanto attiene all’identificazione spaziale del vincolo. Nella legge regionale i 300 metri della fascia di inedificabilità si computano infatti “dal confine del demanio marittimo”, e ciò, quindi, con evidente e allora del tutto necessitato riferimento alla delimitazione di quest’ultimo effettuabile a’ sensi dell’art. 32 del codice della navigazione, e ...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 25582 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 4,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo