Carrello
Carrello vuoto



Vincoli espropriativi finalizzati alla realizzazione di parchi pubblici, parchi giochi e percorsi naturalistici

La destinazione a parco urbano, qualora non abbia natura generale ma imponga un vincolo particolare in funzione della localizzazione dell’opera pubblica e per la quale non è configurabile alcuna possibilità per il privato di concorrere alla realizzazione dell'intervento, assume valenza espropriativa.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:VINCOLI URBANISTICI
anno:2017
pagine: 3658 in formato A4, equivalenti a 6219 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 45,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI --> ESPROPRIATIVI E CONFORMATIVI --> ESPROPRIATIVI --> PARCO PUBBLICO

Il vincolo "Aree attrezzate a parco", in quanto idoneo a privare il diritto di proprietà di ogni effettivo, utile e concreto contenuto, riveste natura sostanzialmente espropriativa, giacché il fondo, attratto alla fruizione gratuita da parte del pubblico indistinto, è privato di qualsiasi possibile potenzialità economica ed è, pertanto, nella sostanza espropriato.

Qualora le prescrizioni di p.r.g. con riferimento alla destinazione a "Parco urbano" prevedano che le relative aree, destinate a soddisfare le esigenze relative al tempo libero a livello urbano e metropolitano, siano sottoposte a progetti esecutivi alla stregua di opere pubbliche e un regime proprietario di natura pubblica e quindi subordinato all'esproprio, tale destinazione configura un vincolo espropriativo, sebbene in astratto detto vincolo potrebbe anche non essere espropriativo.

La destinazione di una zona a parco (come ad attrezzature o a verde pubblico ecc.), allorché la sua realizzazione da parte dello strumento urbanistico sia ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...diante attività ablativa, conferma in tutta evidenza la natura espropriativa del vincolo e conseguentemente la possibilità giuridica del suo rinnovo mediante atti di natura pianificatoria.

Il vincolo discendente dalla destinazione a zona "F2 – parchi pubblici urbani e territoriali", ha carattere sostanzialmente espropriativo e non già meramente conformativo, permettendo la sola realizzazione di un'opera indefettibilmente asservita ad un interesse pubblico e necessariamente destinata ad una fruizione collettiva e pubblica, compatibile solo con interventi ad esclusiva iniziativa pubblica (e non anche privata), con conseguente ablazione, di fatto, dello jus edificandi, per effetto della sottrazione dell'opera stessa al libero mercato.

Ove nell'ambito delle molteplici destinazioni possibili in una zona F, il Comune ha impresso la specifica destinazione a parco pubblico, è evidente che nessun intervento del privato è concretamente ed utilmente configurabile. Tale destinazione configura pertanto un vincolo espropriativo.

Qualora la destinazione "Parco urbano" (ove sono consentite solo attrezzature relative alla destinazione d'uso della zona), non abb... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...enerale ma imponga un vincolo particolare incidente su un determinato bene in funzione della localizzazione dell'opera pubblica la cui realizzazione non può coesistere con la proprietà privata, sussiste un azzeramento economico, in termini di valore di scambio, del diritto dominicale. Il vincolo che ne deriva, pertanto, deve essere qualificato come preordinato alla relativa espropriazione.

La destinazione a parco urbano per la quale non è configurabile alcuna possibilità per il privato di concorrere con il pubblico alla realizzazione dell'intervento, ma solo ed eventualmente (e non in quanto proprietario delle aree) di vedersi scelto quale affidatario della gestione, nel perseguimento delle finalità pubbliche, assume valenza sostanzialmente espropriativa.

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI --> ESPROPRIATIVI E CONFORMATIVI --> ESPROPRIATIVI --> PARCO, GIOCO, SPORT

La destinazione a "Zona Parco Attrezzato Urbano" per la quale, nonostante l'utilizzo del temine "Zona", le N.T.A. prevedono l'acquisizione al patrimonio pubblico delle aree interessate, configura un vincolo espropriativo, ancorché successivamente all'acquis... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...previsto il rilascio di una concessione di utilizzo, non potendo il proprietario sfruttare direttamente la propria area, se non dopo il passaggio alla mano pubblica ed il rilascio del titolo concessorio.

La destinazione del suolo a verde pubblico ed attrezzature sportive comporta il regime giuridico di tale destinazione con conseguente assoggettabilità ad espropriazione.

La destinazione dei beni a verde pubblico ed attrezzature sportive comporta il regime giuridico di tali destinazioni con conseguente suscettibilità di espropriazione dei beni.

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI --> ESPROPRIATIVI E CONFORMATIVI --> ESPROPRIATIVI --> PERCORSI NATURALISTICI

La destinazione del bene a sentieri naturalistici comporta il regime giuridico di tale destinazione, con conseguente assoggettabilità ad espropriazione.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI