Carrello
Carrello vuoto



Trasferimento del diritto di proprietà: uso ab immemorabili ed usucapione

L’istituto dell’usucapione (art. 1158 Cod. Civ.), quale strumento di acquisto a titolo originario della proprietà di beni, il cui fine ultimo è quello di rendere certa e stabile la proprietà, consta di tre elementi costitutivi: 1) inattività del titolare del diritto; 2) decorso di un arco temporale significativo (nell’ipotesi di bene immobile, 20 anni); 3) possesso del bene da parte di altro soggetto per il menzionato lasso di tempo.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:TRASFERIMENTO E ACQUISTO DI DIRITTI REALI CON LA P.A.
anno:2017
pagine: 2105 in formato A4, equivalenti a 3578 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 40,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> USO AB IMMEMORABILI

L'adibizione ad uso pubblico di una strada (o comunque di un'area) può anche avvenire con l'uso del bene da parte della collettività indifferenziata protratto per lunghissimo tempo, sicché il bene stesso viene ad assumere caratteristiche analoghe a quelle di un bene demaniale.

Il fatto notorio del pubblico passaggio sull'area e gli ulteriori indici di prova forniti dall'Amministrazione che dimostrano che l'area è stata di fatto messa a disposizione della collettività indifferenziata da sempre e che non ne è stato sottratto alla stessa il suo uso pubblico, comporta l'assunzione da parte del bene delle caratteristiche analoghe a quelle di un bene demaniale, con conseguente assoggettamento alla disciplina in materia di Osp e di Cosap.

Il declino dell'istituto dell' "immemorabile" e il suo ripudio nelle codificazioni ottocentesche si ricollega all'impianto di un sistema di documentazione cartolare della proprietà fondiaria. Tuttavia da una serie specifica di disposizioni si argomentò la perdurante esistenza dell'immemorabile nell'ambito dei rapporti relativi a beni pubblici; deve però evidenziar... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...pplicabilità dell'istituto quale modo di acquisto e di prova della proprietà deve rapportarsi, inevitabilmente, al tipo peculiare del bene demaniale, nel senso che non può non annettersi rilievo alla distinzione tra demanio naturale e necessario e demanio artificiale e accidentale, poiché nella prima ipotesi sono le stesse caratteristiche fisico-funzionali del bene che ne connotano lo statuto, escludendo che sul medesimo possa accamparsi altro che un eventuale uso particolare, sia o meno assistito da specifico titolo concessorio.

L'uso pubblico ab immemorabile richiede la destinazione della strada a vantaggio di una collettività indeterminata e non dei soli abitanti dei comparti edilizi che su essa prospettano.

L'uso del bene da parte della collettività indifferenziata per lunghissimo tempo comporta l'assunzione da parte del bene di caratteristiche analoghe a quelle di un bene demaniale.

Il titolo valido a sorreggere l'affermazione del diritto di uso pubblico può identificarsi nell'acquisto per usucapione (per decorso del termine ventennale) ovvero nella protrazione dell'uso stesso da tempo immemorabile (che tuttavia deve essere rigorosamente dimostrata).

L'uso pub... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...memorabili, presupposto legittimante l'assoggettamento ad uso pubblico di una strada privata, deve essere inteso come comportamento della collettività contrassegnato dalla convinzione - pur essa palesata da una situazione dei luoghi che non consente di distinguere la strada in questione da una qualsiasi altra strada della rete viaria pubblica - di esercitare il diritto di uso della strada.

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> USUCAPIONE

Con l'usucapione di un terreno, l'usucapiente acquisisce per accessione, unitamente al terreno sul quale insistono, anche le costruzioni edificate prima che si sia verificata l'usucapione, e cioè sia prima dell'inizio del termine valido per l'usucapione che nel corso di esso.

A mente dell'art. 2943 c.c., richiamato dall'art. 1165 c.c. in tema di usucapione, una domanda giudiziale ha efficacia interruttiva del decorso del termine utile per usucapire solo qualora sia diretta a far valere una pretesa incompatibile con gli effetti derivanti dal trascorrere del termine.

Le azioni possessorie hanno efficacia interruttiva dell'altrui possesso ad usucapionem quando siano proposte nella qualità di titolare di un diritto c... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... ed incompatibile con il possesso dell'usucapiente.

L'instaurazione di un giudizio possessorio a tutela di porzioni di fondo marginali non interrompe il termine per l'usucapione di una servitù di uso pubblico se la pretesa dedotta in giudizio non è incompatibile con il pubblico transito.

Deve essere esclusa la possibilità che possano maturare acquisti a titolo originario per usucapione su beni demaniali posseduti da privati.

L'usucapione costituisce un modo di acquisto a titolo originario dei diritti reali avente portata generale, la cui funzione è quella di rendere certa e stabile la proprietà e di favorire chi possiede un bene e lo rende socialmente utile.

In ipotesi in cui il soggetto privato delegato dal Comune a richiedere in nome e per conto del Comune stesso l'autorizzazione a procedere all'occupazione temporanea d'urgenza, sia stato autorizzato ad occupare le particelle di proprietà privata ed ivi abbia realizzato il previsto programma edificatorio, nella veste di concessionario superficiario in forza di convenzione intervenuta con il Comune delegante, deve escludersi la ravvisabilità nella specie dei presupposti necessari per il maturare dell... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ella proprietà degli immobili a titolo originario per usucapione (difetto del necessario animus sibi habendi).

In ipotesi in cui sia intervenuto l'acquisto del bene in forza di decreto di esproprio, erroneo è il richiamo all'usucapione, che concreta un modo di acquisto della proprietà a titolo originario per effetto del possesso continuato e ininterrotto nel tempo.

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> USUCAPIONE --> CONDIZIONI

La relazione di fatto con la res, che si estrinsechi nell'esercizio del potere corrispondente alle facoltà dominicali, invocabile ai fini dell'usucapione, può avere ad oggetto anche un fabbricato in corso di costruzione, poiché anche su un bene in fieri possono esercitarsi le predette facoltà dominicali.

L'istituto dell'usucapione (art. 1158 c.c.), quale strumento di acquisto a titolo originario della proprietà di beni, consta di tre elementi costitutivi: l'inattività del titolare del diritto, il decorso di un arco temporale significativo (nell'ipotesi di bene immobile, 20 anni), il possesso del bene da parte di altro soggetto per il menzionato lasso di tempo.

L'a... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...o del giudice di merito in ordine alla validità degli eventi dedotti dalla parte, al fine di accertare se, nella concreta fattispecie, ricorrano o meno gli estremi di un possesso legittimo, idoneo a condurre all'usucapione, non è soggetto al sindacato di legittimità, se sorretto da corretta e congrua motivazione.

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> USUCAPIONE --> CONDIZIONI --> INERZIA DEL PROPRIETARIO

L'acquisto della proprietà per usucapione, trova il suo fondamento in una situazione di fatto caratterizzata, da un lato, dal mancato esercizio delle potestà dominicali da parte del proprietario e, dall'altro, dalla prolungata signoria di fatto sullo stesso bene da parte di altri che si sostituisca al proprietario nell'utilizzazione del bene medesimo; l'inerzia del proprietario si manifesta nel mancato esercizio di dette potestà e nella mancata sua reazione contro il potere di fatto esercitato sull'immobile dal possessore; non è affatto possibile ravvisare la sussistenza del presupposto della "assenza di reazione del privato proprietario" a fronte delle plurime iniziative intraprese da questi.

Ai fini dell'usucapione[Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...'inerzia del titolare del diritto, inerzia che però deve essere esclusa nel caso del pagamento dell'imposta relativa alla proprietà dell'immobile, in quanto tale pagamento è effettuato nella veste di dominus e non di mero detentore.

 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI