Carrello
Carrello vuoto



Titolo edilizio per verande e porticati

Gli interventi edilizi che determinano una variazione planovolumetrica ed architettonica dell'immobile nel quale vengono realizzati, quali le verande edificate sulla balconata di un appartamento, sono soggetti al preventivo rilascio di permesso di costruire.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:TITOLO EDILIZIO
anno:2016
pagine: 3122 in formato A4, equivalenti a 5307 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 45,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


TITOLO EDILIZIO --> OPERE ED INTERVENTI, CASISTICA --> VERANDE

La realizzazione di una veranda necessita del permesso di costruire.

La realizzazione di una veranda finestrata, o di un piccolo vano e ripostiglio lavanderia, costituisce una nuova costruzione che richiede il previo rilascio del permesso di costruire.

La trasformazione di un balcone o di un terrazzino, circondato da muri perimetrali, in veranda, mediante chiusura a mezzo di installazione di pannelli di vetro su intelaiatura metallica, non costituisce realizzazione di una pertinenza, né intervento di manutenzione straordinaria e di restauro, ma è opera soggetta a concessione edilizia ovvero permesso di costruire.

Gli interventi edilizi che determinano una variazione planovolumetrica ed architettonica dell'immobile nel quale vengono realizzati, quali le verande edificate sulla balconata di un appartamento, sono soggetti al preventivo rilascio di permesso di costruire. Ciò in quanto, in materia edilizia, una veranda è da considerarsi, in senso tecnico-giuridico, un nuovo locale autonomamente utilizzabile e difetta normalmente del carattere di precarietà, trattandosi di opera destinata non a sopperire ad esigenze tem... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ontingenti con la sua successiva rimozione, ma a durare nel tempo, ampliando così il godimento dell'immobile.

Legittimamente il Comune ordina la demolizione di una veranda collocata su di un balcone in assenza di concessione edilizia, trattandosi di opera destinata a migliorare la fruizione dell'alloggio mediante l'aumento di volumetria e la modifica della sagoma dello stesso, e ad una utilizzazione permanente nel tempo.

La realizzazione di una veranda, chiusa sui lati, costituisce una trasformazione urbanistico - edilizia del preesistente manufatto idonea a creare nuovo volume e perciò richiedente il permesso di costruire.

In ordine alla realizzazione di verande chiuse con vetrate accedenti a preesistenti case di abitazione, va rilevato che la realizzazione di manufatti uniti ad un immobile principale che determinino una variazione planovolumetrica ed architettonica dell'immobile, non rientra tra le opere minori soggette a D.I.A., ma è soggetta al preventivo rilascio di permesso di costruire.

La tamponatura, con pannelli in vetro, di una precedente tettoia con conseguente realizzazione di una veranda e correlato aumento di volumetria deve essere qualificata, ai sensi dell'art. 3, D.P.R. 380/2001, c... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...turazione edilizia in quanto essa comporta, in conseguenza dell'aumento di volumetria correlata, la realizzazione di un organismo diverso dal precedente per struttura e destinazione: tale intervento, pertanto, deve essere assentito con permesso di costruire.

La realizzazione di una veranda, determinando una variazione planovolumetrica e architettonica, non costituisce pertinenza ma richiede il rilascio della concessione edilizia.

La costruzione di una veranda, con conseguente incremento di superficie utile e mutamento di destinazione d'uso della superficie occupata dal balcone che comporta un aumento di volumetria, deve essere qualificata ristrutturazione edilizia, in quanto si risolve nella realizzazione di un organismo diverso dal precedente per struttura e destinazione e quindi, ai sensi dell'art. 10 d.P.R. 380/2001, richiede il previo rilascio del permesso di costruire in mancanza del quale è legittimo l'ordine di demolizione.

In linea di principio la costruzione di una veranda necessita di permesso di costruire.

TITOLO EDILIZIO --> OPERE ED INTERVENTI, CASISTICA --> PORTICATI

La chiusura del portico che realizza un nuovo vano edilizio di dimensioni significative, una modifica consistente... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ma dell'edificato, nonché un maggiore carico urbanistico (nella specie, per l'aumentata capacità ricettiva del ristorante) abbisogna del permesso di costruire e deve rispettare l'eventuale vincolo paesaggistico (D.Lgs, n. 42/2004).

Il porticato creato a partire da una preesistente pensilina avente mera finalità di protezione dalle intemperie non costituisce pertinenza.

La realizzazione di un porticato richiede il permesso di costruire.

La chiusura di un portico comporta un aumento della superficie utile e pertanto è soggetta a permesso di costruire e non a mera autorizzazione.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI