Carrello
Carrello vuoto



Titolo edilizio per i soppalchi

La realizzazione di un soppalco comporta un incremento della superficie utile, e, pertanto, ancorché si tratti di opera interna, esorbita senza dubbio dalla sfera applicativa dell'art. 26 legge 47/1985 e necessita di titolo edilizio.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:TITOLO EDILIZIO
anno:2016
pagine: 3122 in formato A4, equivalenti a 5307 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 45,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


Il soppalco che comporta inequivocabilmente l'aumento della superficie utile, tenuto conto sia della superficie complessiva che dell'altezza massima, dal colmo al piano di calpestio del soppalco stesso, e, conseguentemente del carico urbanistico, rientra tra quelli che l'art.10, comma 1, lett. c, d.p.r. n. 380/2001, indica quali interventi di trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio, subordinati a permesso di costruire.

I soppalchi possono ritenersi sottratti al regime del permesso di costruire, in quanto qualificabili come interventi di restauro o risanamento conservativo, solo qualora siano di modeste dimensioni e non siano idonei a creare un ambiente abitativo (es. uso deposito, sbratto o ripostiglio).

Per la realizzazione di un soppalco che, creando nuovi spazi, modifichi la volumetria complessiva dell'immobile, con aggravio del carico urbanistico, occorre il permesso di costruire.

Deve ritenersi sufficiente una d.i.a. nel caso in cui il soppalco sia di modeste dimensioni e al servizio della preesistente unità immobiliare; servirà, per converso, il permesso di costruire ove il soppalco determini un incremento delle superfici dell'immobile e, quindi, un ulteriore p... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...rico urbanistico.

I soppalchi, comportando aumento della superficie utile, necessitano di permesso di costruire.

La realizzazione di un soppalco comporta un incremento della superficie utile, e, pertanto, ancorché si tratti di opera interna, esorbita senza dubbio dalla sfera applicativa dell'art. 26 legge 47/1985 e necessita di titolo edilizio.

La realizzazione di un soppalco non può essere inquadrata nella categoria del restauro e del risanamento conservativo perché quest'ultimo presuppone la realizzazione di opere che lascino inalterata la struttura dell'edificio e la distribuzione interna della sua superficie.

Il soppalco non può inquadrarsi come opera interna non soggetta a titolo autorizzatorio e ciò per il realizzato e riscontrato aumento della superficie calpestabile e la creazione di nuovi spazi autonomi, inquadrabili tra gli interventi di ristrutturazione edilizia.

La realizzazione di un soppalco che comporta la riorganizzazione interna di un immobile, ampliandone considerevolmente le superfici e riorganizzando i volumi, determina un vero e proprio intervento di ristrutturazione edilizia e necessita di concessione edilizia, ed ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...messo di costruire.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI