Carrello
Carrello vuoto



Recinzione: quale titolo edilizio

Non è necessario il permesso per costruire per modeste recinzioni di fondi rustici senza opere murarie, e cioè per la mera recinzione con rete metallica sorretta da paletti di ferro o di legno senza muretto di sostegno.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:TITOLO EDILIZIO
anno:2016
pagine: 3122 in formato A4, equivalenti a 5307 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 45,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


Sono esenti dal regime del permesso di costruire le recinzioni che non configurino un'opera edilizia permanente, bensì manufatti di precaria installazione e di immediata asportazione (quali, ad esempio, recinzioni in rete metalliche, sorretta da paletti in ferro o di legno e senza muretto di sostegno), in quanto entro tali limiti la posa in essere di una recinzione rientra tra le manifestazioni del diritto di proprietà, che comprende lo ius excludendi alios o, comunque, la delimitazione delle singole proprietà.

È necessario il titolo abilitativo per la recinzione che costituisca opera di carattere permanente, incidendo in modo durevole e non precario sull'assetto edilizio del territorio, come ad esempio se è costituita da un muretto di sostegno in calcestruzzo con sovrastante rete metallica o da opera muraria.

Il muro adibito a mera recinzione di un fondo non necessita di permesso di costruire, trattandosi di mera pertinenza, salvo i casi in cui il muro sia destinato non solo a recingere un fondo, ma anche a contenere o a sostenere esso stesso dei volumi ulteriori, per cui assume una funzione autonoma e necessita del permesso di costruire.

Per la costruzione di modes... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...zioni di fondi rustici senza opere murarie non è necessario alcun titolo edilizio in quanto manifestazione del diritto di proprietà, che comprende lo jus excludendi alios occorendo invece un previo titolo abilitativo quando la recinzione è costituita da un muretto di sostegno in calcestruzzo con sovrastante rete metallica

Le recinzioni realizzate senza opere murarie rientrano nell'attività edilizia libera, in quanto sono manifestazioni del diritto di proprietà, che comprendono lo ius excludendi alias o comunque la delimitazione e l'assetto delle singole proprietà.

È illegittima la previsione urbanistica comunale che sottopone a permesso di costruire le recinzioni prive di opere murarie, non potendo il regolamento edilizio disciplinare la definizione degli interventi edilizi ammessi.

La recinzione realizzata con pali di castagno a maglie romboidali alta circa due metri e lunga circa settecento metri è intervento che non richiede il titolo edilizio.

Un'opera di recinzione, quando non comporta significativa trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio, costituisce normalmente opera avente natura pertinenziale rispetto al... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ipale, assentibile mediante autorizzazione e sanzionabile, in caso di abuso, con una sanzione pecuniaria.

La posa di paletti di ferro di circa un metro di altezza uniti tra loro da una catena di ferro e ancorati al suolo tramite calcestruzzo e bulloni è assentibile con s.c.i.a. e non richiede permesso di costruire.

La posa di paletti di ferro di circa un metro di altezza uniti tra loro da una catena di ferro e ancorati al suolo tramite calcestruzzo e bulloni non rientra né tra le «finiture di spazi esterni» né tra gli «elementi di arredo di area pertinenziale di edificio» di cui all'art. 6, co. 2, lett. c) e d), D.P.R. 380/2001.

Sulla questione dell'assoggettamento, o meno, delle recinzioni, a permesso di costruire, deve ritenersi che la valutazione sulla necessità o meno del permesso di costruire, va compiuta in base ai parametri della natura e delle dimensioni delle opere, e della loro destinazione e funzione.

Quando vengono eseguite opere in muratura e la recinzione non è facilmente rimuovibile, l'intervento, essendo idoneo a incidere in modo permanente sull'assetto edilizio del territorio, esige il previo rilascio del permesso di costruire.
[Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... La realizzazione di un muro di recinzione necessita del previo rilascio del permesso di costruire, allorquando, avuto riguardo alla sua struttura ed all'estensione dell'area relativa, lo stesso sia tale da modificare l'assetto del territorio, così rientrando nel novero degli interventi di nuova costruzione di cui al D.P.R. n. 380 del 2001, art. 3, lett. e).

Poiché la valutazione in ordine alla necessità del titolo abilitativo edilizio per la realizzazione di opere di recinzione, va effettuata sulla scorta dei seguenti due parametri: natura e dimensioni delle opere e loro destinazione e funzione, si ritengono esenti dal regime del permesso di costruire solo le recinzioni che non configurino un'opera edilizia permanente, bensì manufatti di precaria installazione e di immediata asportazione (quali, ad esempio, recinzioni in rete metalliche, sorretta da paletti in ferro o di legno e senza muretto di sostegno), in quanto entro tali limiti la posa in essere di una recinzione rientra tra le manifestazioni del diritto di proprietà, che comprende lo ius excludendi alios o, comunque, la delimitazione delle singole proprietà.

Una recinzione necessita del titolo edilizio abilit... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...o costituisca opera di carattere permanente, incidendo in modo durevole e non precario sull'assetto edilizio del territorio, come ad esempio se è costituita da un muretto di sostegno in calcestruzzo con sovrastante rete metallica o da opera muraria.

La realizzazione di una recinzione con pali di legno ancorati al suolo mediante calcestruzzo e di una strada modificativa dell'aspetto morfologico del terreno non possono essere qualificate come opere di manutenzione ordinaria necessitando quindi del previo rilascio del titolo edilizio.

Si ritengono esenti dal regime del permesso di costruire solo le recinzioni che non configurino un'opera edilizia permanente, bensì manufatti di precaria installazione e di immediata asportazione in quanto entro tali limiti la posa in essere di una recinzione rientra tra le manifestazioni del diritto di proprietà, che comprende lo ius excludendi alios o, comunque, la delimitazione delle singole proprietà.

Occorre il permesso di costruire per la recinzione quando essa costituisca opera di carattere permanente, incidendo in modo permanente e non precario sull'assetto edilizio del territorio, come ad esempio se sia costituita da un muretto di sostegno in ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...o con sovrastante rete metallica o da opera muraria.

Sono esenti dal regime del permesso di costruire solo le recinzioni che non configurino un'opera edilizia permanente, bensì manufatti di precaria installazione e di immediata asportazione (quali, ad esempio, recinzioni in rete metalliche, sorrette da paletti in ferro o di legno e senza muretto di sostegno), in quanto entro tali limiti la posa in essere di una recinzione rientra tra le manifestazioni del diritto di proprietà, che comprende lo "ius excludendi alios" o, comunque, la delimitazione delle singole proprietà.

È necessario il permesso di costruire per la recinzione che costituisca opera di carattere permanente, incidendo in modo durevole e non precario sull'assetto edilizio del territorio, come ad esempio se è costituita da un muretto di sostegno in calcestruzzo con sovrastante rete metallica o da opera muraria.

La realizzazione di una recinzione metallica con paletti di ferro e cancello, costituisce attività edilizia libera, non soggetta nemmeno a denuncia di inizio attività.

La realizzazione di un muro di recinzione necessita del previo rilascio del permesso ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... allorquando, avuto riguardo alla sua struttura (ad es. cemento armato) e all'estensione dell'area relativa, lo stesso sia tale da modificare l'assetto urbanistico del territorio, così rientrando nel novero degli "interventi di nuova costruzione" di cui al D.P.R. n. 380 del 2001, art. 3, lett. e).

Il permesso di costruire non è necessario per modeste recinzioni di fondi rustici senza opere murarie, e cioè per la mera recinzione con rete metallica sorretta da paletti di ferro o di legno senza muretto di sostegno, in quanto entro tali limiti la recinzione rientra solo tra le manifestazioni del diritto di proprietà, che comprende lo "jus excludendi alios".

Mentre il permesso di costruire non è necessario per modeste recinzioni di fondi rustici senza opere murarie, occorre invece quando la recinzione è costituita da un muretto di sostegno in calcestruzzo con sovrastante rete metallica.

È necessario acquisire il preventivo titolo edilizio anche per una semplice recinzione costituita da paletti infissi al suolo a sostegno di una rete metallica, nel caso in cui essa venga ad insistere su area interessata da un qualche tipo di vincol... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...br /> La concessione edilizia non è necessaria per modeste recinzioni di fondi rustici senza opere murarie, in quanto entro tali limiti esse rientrano tra le manifestazioni del diritto di proprietà che comprende pure lo ius excludendi alios.

La valutazione in ordine alla necessità della concessione edilizia per la realizzazione di opere di recinzione deve essere effettuata sulla scorta dei due parametri della natura e delle dimensioni delle opere e della loro destinazione e funzione ed è, pertanto, indispensabile distinguere i muri di recinzione dai muri di fabbrica.

Un'opera di recinzione, quando non comporta significativa trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio, non richiede il rilascio del permesso di costruire ma la presentazione di una semplice dichiarazione di inizio di attività.

La realizzazione di un muro di recinzione in cemento armato, con sovrastante ringhiera in ferro, in quanto struttura autonoma e indipendente, e comunque di non irrilevanti dimensioni, non può configurarsi come mera pertinenza ma abbisogna di permesso di costruire.

La realizzazione di recinzioni, muri di cinta e cancellate rimane assoggettata... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...della d.i.a. (in seguito s.c.i.a.) laddove non superi in concreto la soglia della trasformazione urbanistico-edilizia.

Ai sensi del vigente t.u. edilizia approvato con d.P.R. 6 giugno 2001 n. 380, la recinzione in legno o in rete metallica di un terreno non richiede alcuna concessione o autorizzazione edilizia in quanto costituisce non già una trasformazione urbanistica, non comportando una trasformazione morfologica del territorio, ma estrinsecazione lecita dello "ius excludendi alios" immanente al diritto di proprietà; non sono pertanto necessari titoli formali per l'installazione di una recinzione in pali e rete metallica, senza cordolo in cemento, di una superficie.

Sono esenti dal regime del permesso di costruire solo le recinzioni che non configurano un'opera edilizia permanente, bensì manufatti di precaria installazione e di immediata asportazione in quanto entro tali limiti la posa in essere di una recinzione rientra tra le manifestazioni del diritto di proprietà, che comprende lo ius excludendi alios o, comunque, la delimitazione delle singole proprietà.

Ove la recinzione costituisca opera di carattere permanente, incidendo in modo permanente e no... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...sull'assetto edilizio del territorio è necessario il previo rilascio del permesso di costruire.

La realizzazione della recinzione non richiede un idoneo titolo edilizio solo in presenza di una trasformazione che, per l'utilizzo di materiale di scarso impatto visivo e per le dimensioni dell'interevento, non comporti un'apprezzabile alterazione ambientale, estetica e funzionale.

Non richiede alcun titolo edilizio (nemmeno la d.i.a.), la realizzazione di una recinzione attraverso l'apposizione di paletti in legno e filo spinato, essendo tale opera esercizio dello ius excludendi alios.

La recinzione in legno o in rete metallica di un terreno non richiede alcuna concessione o autorizzazione edilizia in quanto costituisce non già una trasformazione urbanistica ma estrinsecazione lecita del ius excludendi alios immanente al diritto di proprietà.

Al fine di stabilire se una recinzione sia assoggettata o meno a permesso di costruire, occorre accertarne la facile rimuovibilità, la natura precaria o meno e l'idoneità ad incidere o meno sull'assetto edilizio del territorio.

La mera sopraelevazione mediante saldatura sui monconi di una preesistente ed auto... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...recinzione con paletti in ferro, non è assoggettata al regime del permesso di costruire ma della semplice d.i.a., poiché la trasformazione edilizia è già diretta conseguenza dell'opera preesistente autorizzata e il mero prolungamento in altezza della pregressa barriera metallica non aggiunge alcunché sotto il profilo urbanistico.

Con riferimento ai muri di recinzione la giurisprudenza è concorde nel ritenere la necessità del permesso di costruire quando, tenuto conto della struttura e dell'estensione, essi modifichino l'assetto urbanistico del territorio (nel caso di specie si trattava di una recinzione in parte in muratura e in parte in acciaio – recinzione costituita da un muretto di sostegno in calcestruzzo con sovrastante rete metallica).

La recinzione costituita da un muretto di sostegno in calcestruzzo, comportando un'irreversibile trasformazione dello stato dei luoghi, richiede il preventivo rilascio del permesso di costruire.

La d.i.a. è sufficiente per l'installazione di una recinzione realizzata mediante profilati in metallo e senza opere murarie.

La realizzazione del muro di recinzione in cemento armato... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...e altezza (nella specie, 2 metri e 60 centimetri) necessita del titolo edilizio del permesso di costruire, non risultando sufficiente una mera d.i.a..

Costituisce opera precaria una recinzione metallica elettrificata su pali in legno e senza muretto di sostegno destinata a proteggere gli animali allevati.

Una recinzione non può ritenersi abusiva e quindi non commerciabile (ex articolo 46 del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380), qualora realizzata in ossequio ad ordinanza sindacale cui hanno fatto seguito da parte dei proprietari, la comunicazione con relazione tecnica di asseveramento, e la comunicazione di ultimazione dei lavori.

Sono sottoposte a titolo edilizio le recinzioni solidamente e stabilmente infisse al suolo, poiché danno luogo ad una trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio.

La realizzazione di un muretto di recinzione, accompagnata dall'apposizione di ringhiere e cancelli metallici, non rientra nel novero delle opere soggette a concessione edilizia, bensì, per il suo carattere pertinenziale, nell'ambito delle opere assentibili con autorizzazione gratuita, ai sensi del combinato disposto degli artt. 1 della Legge n. 10/1977 e 7, comma 2, lett. a), del ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...982, convertito nella Legge n. 94/1982.

L'installazione di una sbarra non necessita di permesso di costruire, in quantole recinzioni di fondi rustici realizzate senza interventi in muratura non sono espressione dello jus aedificandi, bensì del diverso jus excludendi omnes alios che non necessitano di titolo edilizio.

La recinzione realizzata con con il mero ausilio di paletti in legno infissi direttamente nel suolo e senza alcun cordolo cementizio, costituisce un'opera effettivamente soggetta a mera autorizzazione edilizia (oggi: a s.c.i.a.), come tale non sanzionabile con la demolizione.

Sono esenti dal regime del permesso di costruire solo le recinzioni che non configurino un'opera edilizia permanente, bensì manufatti di precaria installazione e di immediata asportazione (quali ad esempio recinzioni in rete metalliche, sorretta da paletti di ferro o di legno e senza muretto di sostegno), in quanto entro tali limiti la posa in essere di una recinzione rientra tra le manifestazioni del diritto di proprietà, che comprende lo ius excludendi alios o, comunque, la delimitazione delle singole proprietà.

Occorre il permesso di costruire, quando la recinzione[Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ca opera di carattere permanente, incidendo in modo permanente e non precario sull'assetto edilizio del territorio, come ad esempio se è costituita da un muretto di sostegno in calcestruzzo con sovrastante rete metallica, o da opera muraria.

La posa della recinzione senza opere murarie costituisce manifestazione del diritto di proprietà, quale esercizio dello ius excludendi alios, e come tale non richiede il previo rilascio di titolo edilizio abilitante.

Le opere di recinzione di un terreno non si configurano come nuova costruzione quando, per natura e dimensione, rientrino tra le manifestazioni del diritto di proprietà, comprendenti lo ius excludendi alios o la delimitazione e l'assetto delle proprietà.

Con riferimento alle recinzioni, la valutazione in ordine alla necessità o meno della concessione edilizia deve essere effettuata caso per caso avendo riguardo ai due parametri della natura e dimensione delle opere ed alla loro destinazione e funzione.

La recinzione di un campo di calcetto realizzata con un cordolo alto 40 cm. e una rete metallica non è soggetta a permesso di costruire, in quanto è indiscutibilmente diretta a consentire il corr... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...mento delle relative pratiche sportive (ossia ad evitare un continuo sconfinamento della palla), riveste una facilmente riconoscibile funzione di protezione dell'area, concretizza un intervento privo di impatto volumetrico e ha un ruolo meramente accessorio.

La realizzazione di un muro di recinzione, il quale non comporta alcuna trasformazione urbanistica del territorio, né ha alcuna particolare incidenza sul carico urbanistico e sulla conformazione dei luoghi, esprime una facoltà accessoria al diritto dominicale, consistente nel potere di escludere l'accesso indebito di terzi nell'area di proprietà e non risulta soggetto ad alcun titolo abilitativo.

Opere come recinzioni, tettoie e ripostigli non sono di consistenza tale da richiedere il permesso di costruire.

La valutazione in ordine alla necessità del tipo di titolo abilitativo per la realizzazione di mura di recinzione va effettuata sulla scorta dei due parametri consistenti nella natura e dimensioni delle opere e loro destinazione e funzione.

È necessario il permesso di costruire per la realizzazione di un muro di recinzione di 400 metri lineari, avente struttura in cemento armato con sovrastante ringhi... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...
Per giurisprudenza pacifica la realizzazione sul confine di opere di recinzione, anche attraverso la realizzazione di opere murarie, non è qualificabile quale intervento di nuova costruzione in quanto la delimitazione del confine costituisce legittimo esercizio delle facoltà riservate al proprietario che comprendono, tra l'altro, l'esercizio dello ius excludendi alios.

Non è necessario il permesso di costruire per modeste recinzioni di fondi rustici senza opere murarie, e cioè per la mera recinzione con rete metallica sorretta da paletti di ferro o di legno e senza muretto di sostegno; entro tali limiti, infatti, la recinzione rientra tra le manifestazioni del diritto di proprietà, che comprende lo "ius excludendi alios", e non comporta di norma trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio, a differenza di altre e diverse ipotesi in cui la recinzione stessa non assume solo la funzione ora descritta ma dà luogo ad una trasformazione ulteriore mediante installazione di elementi non strettamente necessari alla sua primaria funzione, quali, ad esempio, un muretto di sostegno in calcestruzzo lungo tutto il perimetro.

Lo spostamento di una muratura con successiv... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...to della parte liberata costituisce nuova costruzione.

Non è necessario il permesso di costruire per la realizzazione di modeste recinzioni di fondi rustici senza opere murarie, e cioè per la mera recinzione con rete metallica sorretta da paletti di ferro o di legno e senza muretto di sostegno, in quanto entro tali limiti la recinzione rientra solo tra le manifestazioni del diritto di proprietà, che comprende lo ius excludendi alios o comunque la delimitazione delle singole proprietà.

Occorre il permesso di costruire, ai sensi dell'art. 6, comma 1, lettera e), del D.P.R. n. 380/2001, quando la recinzione determina una'irreversibile trasformazione dello stato dei luoghi, come nel caso di una recinzione costituita da un' muretto di sostegno in calcestruzzo con sovrastante rete metallica.

Le opere di recinzione del terreno non si configurano come nuova costruzione, per la quale è necessario il previo rilascio di permesso di costruire, quando, per natura e dimensioni, rientrino tra le manifestazioni del diritto di proprietà, comprendente lo ius excludendi alios o, comunque, la delimitazione e l'assetto delle singole proprietà.

La valu... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ordine alla necessità della concessione edilizia per la realizzazione di opere di recinzione va effettuata sulla scorta dei seguenti due parametri: natura e dimensioni delle opere e loro destinazione e funzione.

Non è necessario il permesso per costruire per modeste recinzioni di fondi rustici senza opere murarie, e cioè per la mera recinzione con rete metallica sorretta da paletti di ferro o di legno senza muretto di sostegno, in quanto, entro tali limiti, la recinzione rientra solo tra le manifestazioni del diritto di proprietà, che comprende lo ius excludendi alios o comunque la delimitazione e l'assetto delle singole proprietà.

Il permesso di costruire è necessario quando la recinzione è costituita da un muretto di sostegno in calcestruzzo con sovrastante rete metallica, incidendo esso in modo permanente e non precario sull'assetto edilizio del territorio.

Per la recinzione di un fondo rustico, è necessario il permesso di costruire, se realizzata con opere edilizie permanenti, mentre non lo è nel caso di semplici paletti conficcati nel terreno o di ogni altro manufatto che, per le sue caratteristiche di precaria installazione, ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...l concetto della precarietà e sua facile asportazione in caso di necessità.

La realizzazione di un muro di recinzione necessita del previo rilascio del permesso a costruire allorquando, avuto riguardo alla sua struttura e all'estensione dell'area relativa, lo stesso sia tale da modificare l'assetto urbanistico del territorio, così rientrando nel novero degli "interventi di nuova costruzione".

La recinzione che consta di semplice siepe viva con interposizione di rete metallica, senza elementi in muratura emergenti dal terreno, non richiede il rilascio di alcun titolo autorizzativo edilizio, rientrando tra le attività di mera manutenzione.

A norma degli art. 5 e 6 l. reg. sic. 10 agosto 1985 n. 37, le opere di recinzione di fondi rustici non sono soggette a concessione, né ad autorizzazione, mentre le opere di recinzione di fondi urbani sono soggette a sola autorizzazione.

La recinzione non abbisogna di alcun provvedimento concessorio.

La valutazione in ordine alla necessità della concessione edilizia per la realizzazione di opere di recinzione va effettuata sulla scorta della natura e della dimensione delle opere ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...o destinazione e funzione.

È necessario il permesso di costruire quando la recinzione è costituita da un muretto di sostegno in calcestruzzo con sovrastante rete metallica, incidendo esso in modo permanente e non precario sull'assetto edilizio del territorio.

Per la posa in opera di una semplice recinzione con paletti in ferro, non infissi in muratura nel terreno, non è necessaria alcuna richiesta di provvedimento concessorio, trattandosi di installazione precaria e rientrando tale opera tra le attività di mera manutenzione.

L'allargamento della sede stradale e la realizzazione di un muro in cemento armato di notevole lunghezza ed altezza sono opere che, per la loro consistenza e impatto, nonché irreversibile e permanente trasformazione territoriale, richiedono il previo rilascio di una concessione edilizia.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI