Carrello
Carrello vuoto



Permesso di costruire

È soggetta a permesso di costruire ogni attività che comporti la trasformazione del territorio attraverso l'esecuzione di opere comunque attinenti agli aspetti urbanistici ed edilizi, ove il mutamento e l'alterazione abbiano qualche rilievo ambientale ed estetico anche solo funzionale.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:OPERE EDILIZIE E TITOLO EDILIZIO
anno:2018
pagine: 6201 in formato A4, equivalenti a 10542 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 50,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


TITOLO EDILIZIO --> TIPOLOGIA DI TITOLI --> PERMESSO DI COSTRUIRE

Il DPR n. 380/2001 collega la necessità di permesso di costruire a fenomeni di "trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio" e, in primo luogo, qualifica tali la nuova costruzione, la ristrutturazione urbanistica e la ristrutturazione edilizia; in secondo luogo, demanda alle Regioni di individuare quali interventi (diversi da quelli precedentemente indicati) comportanti trasformazione urbanistica (ma non necessariamente edilizia), richiedano il permesso di costruire in ragione della loro natura ed incidenza, in particolare, sul carico urbanistico. In ambedue le ipotesi, appare evidente come il permesso di costruire si colleghi sempre ad interventi che incidono sul territorio, trasformandolo sul piano urbanistico – edilizio, o anche su uno solo dei due.

Ai sensi dell'art. 32 del d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380, non è richiesto un nuovo permesso di costruire quando l'originario, già assentito, progetto edilizio non sia oggetto di variazioni essenziali.

Le opere in grado di apportare una sensibile trasformazione dei volumi e delle preesistenti superfici, in quanto implicanti un mutamento stabile e significativo dell'assetto urbanistic... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...io del territorio, sono subordinate al rilascio del permesso di costruire.

Gli interventi edilizi su un immobile tali da determinare una riduzione delle unità immobiliari (nel caso di specie la chiusura di una porta interna) non sono soggetti al permesso di costruire.

Chi presenta istanza di permesso di costruire ha l'onere di accludere dati, documenti e misurazioni idonei a dare esatta contezza della situazione dei luoghi con la conseguenza che, ove invece fornisca dati incompleti, non rispondenti alla superficie e al volume impegnati dalla progettata edificazione e comunque tali da fornire un'errata rappresentazione dello stato dei luoghi, l'amministrazione legittimamente interviene sul piano dell'autotutela e annulla d'ufficio il titolo abilitativo già rilasciato.

La sottoposizione di un intervento di ristrutturazione edilizia al regime del permesso di costruire presuppone non solo che lo stesso abbia portato ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente ma anche che esso abbia comportato modifiche della volumetria complessiva degli edifici o dei prospetti.

Il permesso di costruire in deroga agli strumenti urbanistici è rilasciato esclusivamente per impianti ed edifici pubbl... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...teresse pubblico previa deliberazione del consiglio comunale.

Il permesso di costruire in deroga non può essere rilasciato se contrastante con le norme e le prescrizioni urbanistiche diverse da quelle in tema di densità edilizia, di altezza e di distanza dai fabbricati.

La realizzazione di una struttura destinata ad un uso duraturo che, indipendentemente dal materiale impiegato, risulta stabilmente infissa al suolo comporta una rilevante trasformazione del territorio ed esige il preventivo rilascio del permesso di costruire.

Il permesso di costruire ha natura ampliativa della sfera giuridica del richiedente idoneo a produrre i propri effetti fin dal momento della sua emanazione, indipendentemente dal fatto che sia comunicato all'interessato e che questo abbia materialmente provveduto a ritirarlo.

Gli interventi edilizi che producono una rilevante alterazione della sagoma del manufatto ed una variazione planovolumetrica ed architettonica sono soggetti al preventivo rilascio del permesso di costruire.

Gli interventi che incidono sull'assetto edilizio preesistente, determinando un aumento del carico urbanistico, sono sottoposti al permesso di costruire.

Non possono rientrare nell... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...le opere soggette a D.I.A., gli interventi che comportano la realizzazione di un edificio in tutto o in parte diverso, per sagoma, volume, prospetti e superfici: ciò costituisce ragione idonea e sufficiente ad assoggettarli alla previa richiesta di permesso di costruire, a mente delle previsioni di cui all'art. 10 del d.P.R. n. 380 del 2001 - che subordina a permesso di costruire gli interventi di nuova costruzione (nonché gli interventi di ristrutturazione urbanistica o di ristrutturazione edilizia cd. "pesante").

Gli interventi di ristrutturazione edilizia allorquando portino ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente e comportino modifiche alla volumetria complessiva degli edifici o dei prospetti costituiscono interventi di trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio e sono subordinati a permesso di costruire.

L'annullamento del permesso di costruire non comporta per il comune l'obbligo di disporre sempre e comunque la demolizione di quanto realizzato sulla base del titolo annullato.

La movimentazione di terreno al fine di livellare un'area di fondo agricolo non è inquadrabile nel novero degli interventi necessitanti del permesso di costruire.

E' legittimato a r... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...l rilascio del permesso di costruire non solo il proprietario o il titolare di diritti reali ma anche colui che sia titolare di un diritto personale e abbia, per effetto, di questo la facoltà di eseguire i lavori.

L'istituto del silenzio assenso non è applicabile al procedimento di rilascio del permesso di costruire in deroga allo strumento urbanistico.

Le opere di abbancamento di macerie, terra e ghiaia ed uno scavo di sbancamento, nella misura in cui modificano stabilmente la precedente conformazione dell'area per adattarla ad un impiego diverso rispetto alla sua condizione naturale ed oggettivamente stabile, destinato cioè ad un uso non meramente contingente ma prolungato nel tempo, concretano una trasformazione del territorio rilevante, oltre che dal punto di vista paesaggistico, anche da quello urbanistico-edilizio, con conseguente necessità del previo rilascio del permesso di costruire.

Le realizzazione di una piccola cucina esterna in muratura posizionata su un balcone già esistente integra una trasformazione urbanistica ed edilizia incidente sia sul prospetto e sulla sagoma del fabbricato in termini sia di volumetria che di superficie, con ricadute dirette sul carico urbanistico da cui la nec... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...e; del previo rilascio del permesso di costruire.

L'ampliamento di un terrazzo già esistente richiede il previo rilascio del permesso di costruire.

Non è riconducibile tra le opere di ristrutturazione la realizzazione di un abbaino munito di finestra sul tetto nella misura in cui determini un aumento di volumetria ed incida sulla sagoma dell'edificio rientrando invece nella tipologia della ristrutturazione con mutamento di sagoma subordinata a permesso di costruire.

Il permesso di costruire in deroga previsto dall'art. 5, co. 9 e seguenti, del decreto-legge n. 70 del 2011, convertito in legge n. 106 del 2011, possiede una valenza di programmazione tale da assimilarlo ad uno strumento urbanistico nella misura in cui richiede una previa comparazione dell'interesse alla realizzazione (o al mantenimento) dell'opera con ulteriori interessi pubblici, come quelli urbanistici, edilizi, paesistici e ambientali, potendo anche comportare il mutamento della destinazione d'uso già impressa dallo strumento urbanistico.

L'innalzamento della linea di colmo di una nuova copertura dà luogo ad una ristrutturazione e non ad una sopraelevazione per cui è richiesto il preventivo rilascio del permesso di cos... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] .../>
La realizzazione di abbaini dà luogo ad un mutamento di sagoma e ad un incremento di volumetria con la conseguente creazione di un organismo edilizio in parte diverso dal precedente e assoggettamento dell'intervento al rilascio del permesso di costruire.

Le opere di modifica territoriale che non si limitino ad un miglioramento fondiario ma consistano in opere di sbancamento danno luogo ad una trasformazione permanente del suolo necessitanti del previo rilascio del permesso di costruire ai sensi dell'art. 10 del d.p.r. n. 380/2001.

Il comproprietario del fabbricato è legittimato alla richiesta ed al rilascio del permesso di costruire per lavori di ristrutturazione e sopraelevazione anche se il suo titolo non si estende a tutte le particelle sui cui insistono i lavori stessi.

E' soggetta a permesso di costruire ogni attività che comporti la trasformazione del territorio attraverso l'esecuzione di opere comunque attinenti agli aspetti urbanistici ed edilizi, ove il mutamento e l'alterazione abbiano qualche rilievo ambientale ed estetico anche solo funzionale.

Il soggetto interessato a svolgere attività edilizia ha sempre la facoltà di richiedere al comune il rilascio del perme... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ruire anche in presenza di interventi che sarebbero realizzabili con s.c.i.a. o con semplice comunicazione di attività edilizia libera (c.a.e.l.) senza che ciò determini l'applicazione delle norme edilizie comunali che disciplinano gli interventi soggetti al rilascio del permesso di costruire.

Non integrano nessuna delle fattispecie dell'art. 10 del DPR n. 380/2001 gli interventi edilizi per i quali non è riscontrabile né un aumento delle unità immobiliari interne, né modifiche ai volumi, ai prospetti o alle superfici (nella specie, perché le sole modifiche sono interne o relative a volumi tecnici).

Il requisito della legittimazione soggettiva del richiedente il permesso di costruire è dato dal possesso di un titolo di godimento che non deve risultare contestato dai proprietari dell'immobile.

Indipendentemente dal dato meramente quantitativo relativo all'altezza di un manufatto è necessario il permesso di costruire nelle ipotesi in cui il singolo intervento determini un'incidenza sull'assetto complessivo del territorio di entità ed impatto tali da produrre un'apprezzabile trasformazione urbanistica o edilizia.

Ogni significativa trasformazione del pre... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...o dei luoghi è soggetta a permesso di costruire nella misura in cui incide sull'assetto edilizio preesistente.

Le opere comportanti anche nuovi volumi e superfici richiedono il previo rilascio, oltre che dell'autorizzazione paesistica, anche del permesso di costruire.

La realizzazione di un container in rapporto di stabile connessione con il suolo ed utilizzato per soddisfare esigenze non temporanee dei detentori è soggetto a permesso di costruire.

L'assoggettamento al previo rilascio del permesso di costruire di ogni attività comportante una trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio non riguarda la sola attività di edificazione bensì tutti i manufatti che modificano in modo apprezzabile il precedente assetto territoriale producendo alterazione con rilievo ambientale, estetico o anche solo funzionale, ovvero consistenti in una modificazione dello stato materiale e della configurazione del suolo per adattarlo ad un impiego diverso da quello che gli è proprio in relazione alla sua condizione naturale e alla sua qualificazione giuridica.

Gli interventi che per la loro consistenza non possono ritenersi assorbiti, ovvero ricompresi in ragione della accessorietà, ne... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... principale o della parte dello stesso cui accedono sono soggetti a permesso di costruire.

La concessione ad edificare (oggi permesso di costruire) può essere rilasciata al proprietario dell'area o a chi abbia titolo per richiederla (art. 11, D.p.r. n. 380/2001) in quest'ultimo caso riferendosi alla titolarità di un diritto reale di godimento o anche a chi avesse la materiale disponibilità del suolo in base ad un diritto personale.

La regola dell'assoggettamento al previo rilascio del permesso di costruire riguarda ogni attività comportante la trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio e non solo l'attività di edificazione, e quindi tutti i manufatti che modificano in modo apprezzabile il precedente assetto territoriale producendo alterazione con rilievo ambientale, estetico o anche solo funzionale; ne consegue che la valutazione in ordine alla necessità del tipo di titolo abilitativo per la realizzazione di opere all'interno di un manufatto preesistente va effettuata sulla scorta dei due parametri consistenti nella natura e dimensioni delle opere e loro destinazione e funzione.

Il permesso di costruire è richiesto per ogni attività comportante la trasformazione urbani... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ilizia del territorio, comprendendosi in tale nozione non solo le attività di edificazione muraria ma tutte quelle opere che determinano una modificazione dello stato e della conformazione del suolo per adattarlo ad un impiego diverso rispetto alla sua condizione naturale o alla sua qualificazione giuridica ed oggettivamente "stabili", destinate cioè ad un uso non meramente contingente ma prolungato nel tempo.

Il permesso di costruire è sempre necessario in caso di sostanziali variazioni di sagoma, volumetria e destinazione d'uso.

La nozione di costruzione, ai fini del rilascio del permesso di costruire, si configura in presenza di opere che attuino una trasformazione urbanistico-edilizia del territorio, con perdurante modifica dello stato dei luoghi, a prescindere dal fatto che essa avvenga mediante realizzazione di opere murarie, essendo irrilevante che le opere siano state realizzate in metallo, in laminati di plastica, in legno o altro materiale, ove si sia in presenza di un'evidente trasformazione del tessuto urbanistico ed edilizio e le opere siano preordinate a soddisfare esigenze non precarie sotto il profilo funzionale.

Nella Regione Liguria, per la demolizione e la successiva ricostruzione di u... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... con traslazione superiore al metro, il titolo di legittimazione è costituito dal permesso di costruire.

Non è necessario il permesso di costruire per la pavimentazione con mattonelle ornamentali di suolo erboso, con installazione di un piccolo manufatto posto a protezione di una pompa e di una pensilina attaccata su un muro esterno a protezione della tenda avvolgibile già installata.

È necessario, in ragione dell'incidenza volumetrica e del mutato carico urbanistico, il previo rilascio di un permesso di costruire ogni qualvolta si intenda realizzare un intervento sul territorio comportante la modifica dello stato dei luoghi e quindi per quei manufatti che, pur non necessariamente infissi al suolo o semplicemente aderenti a quest'ultimo, alterino lo stato dei luoghi in modo definitivo e rilevante e non meramente occasionale.

La formula utilizzata dall'art. 11, comma 1, d.P.R. 6 giugno 2001 n. 380 e dall'art. 23 stesso d.P.R. induce a ritenere che la legittimazione ad aedificandum non resti circoscritta al solo proprietario dell'immobile, ma si estenda anche ad ogni altro soggetto titolare di un diritto che lo legittimi, nei confronti del proprietario dell'area e, di conseguenza, nei confronti dell'autorit&a... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...eseguire le previste trasformazioni urbanistico-edilizie del suolo.

La legge 16 agosto 1967 n.765 (c.d. legge–ponte), che include nell'obbligo di licenza ogni opera edilizia, in attuazione di un controllo più generale e penetrante dell'attività edilizia sul territorio comunale, e che sancisce l'estensione su tutto il territorio comunale dell'obbligo della preventiva licenza edilizia, è ispirata alla ratio di pianificare l'intero territorio secondo una logica di programmazione e di omogeneizzazione dei rapporti e delle interdipendenze tra tutte le attività pubbliche e private sul territorio comunale visto nella sua integralità.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI