Carrello
Carrello vuoto



Titolo edilizio per la ricostruzione

La ricostruzione è soggetta alle regole dettate per le nuove costruzioni se volumetria, superfici e sagoma non coincidono con quelli dell'immobile preesistente (ed in tal caso è normalmente necessario il rilascio di un permesso di costruire).

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:OPERE EDILIZIE E TITOLO EDILIZIO
anno:2018
pagine: 6201 in formato A4, equivalenti a 10542 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 50,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


TITOLO EDILIZIO --> OPERE ED INTERVENTI, CASISTICA --> RICOSTRUZIONE

Integra le fattispecie di cui agli art. 44 d.P.R. n. 380 del 2001 e 181 d.lg. n. 42 del 2004 la ricostruzione di un "rudere" senza il preventivo rilascio del permesso di costruire e dell'autorizzazione paesaggistica, sia perché trattasi di intervento di nuova costruzione e non di ristrutturazione di un edificio preesistente, dovendo intendersi per quest'ultimo un organismo edilizio dotato di mura perimetrali, strutture orizzontali e copertura, sia perché non è applicabile l'art. 30 d.l. n. 69 del 2013 (conv. in l. n. 98 del 2013), che, per assoggettare gli interventi di ripristino o di ricostruzione di edifici o parti di essi, eventualmente crollati o demoliti, al regime semplificato della S.C.I.A. richiede, nelle zone vincolate, l'esistenza dei connotati essenziali di un edificio (pareti, solai e tetto), o, in alternativa, l'accertamento della preesistente consistenza dell'immobile in base a riscontri documentali, alla verifica dimensionale del sito o ad altri elementi certi e verificabili, nonché, in ogni caso, il rispetto della sagoma della precedente struttura.

Una volta venuto meno un manufatto, la sua ricostruzione[Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ... l'applicazione delle norme edilizie nel frattempo intervenute e vigenti nel momento in cui l'amministrazione valuta l'ammissibilità del relativo progetto.

L'attività di parziale demolizione di un edificio abusivo, eseguita in ottemperanza di un provvedimento giurisdizionale, nonché quella successiva, conseguente, di ricostruzione delle pareti, non consentono di considerare l'edificio come prodotto di una nuova attività edificatoria, risolvendosi invece nella riduzione in pristino delle parti, considerate abusive.

L'aggiunta di un vano chiuso all'unità abitativa, in luogo di una preesistente terrazza, costituisce intervento a carattere ristrutturativo, in quanto implicante aumento di volume e del connesso carico urbanistico, con conseguente necessità di permesso di costruire.

La ricostruzione di ruderi deve essere considerata, a tutti gli effetti, realizzazione di una nuova costruzione, non essendo equiparabile alla ristrutturazione edilizia, con la conseguenza che per la sua realizzazione è necessario il permesso di costruzione.

Le diverse fasi dell'intervento complesso di demolizione e ricostruzione, ancorché riconducibile ad una medesima pre... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...anistica, sono sorrette da provvedimenti amministrativi distinti, ciascuno con proprie prescrizioni, finalità e decorrenza.

Gli interventi di ristrutturazione edilizia, eseguiti sia pure con una parziale demolizione, ma con la successiva fedele ricostruzione di un fabbricato identico a quello preesistente per quanto attiene alla sagoma, ai volumi, alle superfici e alle caratteristiche dei materiali impiegati, non richiedono il previo rilascio del permesso di costruire ma sono realizzabili mediante denuncia di inizio di attività.

Ove il risultato finale dell'attività demolitoria-costruttiva non coincida, per volumetria o sagoma, con il manufatto preesistente, l'intervento deve essere qualificato come "nuova costruzione" e necessita del permesso di costruire.

La ricostruzione è soggetta alle regole dettate per la ristrutturazione edilizia se la nuova opera coincide per volumetria, superfici e sagoma con l'immobile preesistente (e in tal caso le opere possono essere realizzate anche con una semplice DIA).

La ricostruzione è soggetta alle regole dettate per le nuove costruzioni se volumetria, superfici e sagoma non coincidono con quelli dell'immobile preesistente (ed i... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...è normalmente necessario il rilascio di un permesso di costruire).

Nell'ambito degli interventi di ristrutturazione edilizia sono compresi anche quelli di demolizione e ricostruzione degli edifici con la stessa volumetria e sagoma di quelli precedenti. Quanto al titolo abilitativo, essi possono essere eseguiti mediante la d.i.a. semplice se non portano ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente, né modifiche del volume, della sagoma, dei prospetti o delle superfici dell'edificio,ovvero modificazione della destinazione d'uso nelle zone omogenee, mentre necessitano di permesso di costruire o super d.i.a. nel caso in cui l'intervento di ristrutturazione determini tali modificazioni.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI