Carrello
Carrello vuoto



Quando si perfeziona l'obbligazione contributiva per gli oneri concessori

Il fatto costitutivo dell’obbligo del titolare di una concessione edilizia di corrispondere i relativi contributi è rappresentato dal rilascio della concessione stessa e che, pertanto, è a tale momento che occorre avere riguardo per la determinazione dell’entità del contributo, facendosi applicazione della normativa vigente all’atto del rilascio.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:TITOLO EDILIZIO
anno:2016
pagine: 3122 in formato A4, equivalenti a 5307 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 45,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


Il momento in cui sorge l'obbligazione contributiva per oneri concessori in sanatoria, al pari di quelli per concessione ordinaria, è da identificare nella data di rilascio del titolo edilizio sanante.

Poiché gli oneri di costruzione sono strettamente connessi al concreto esercizio della facoltà di edificare, la formazione del credito del Comune che concede il titolo edilizio postula, quale condizione di esigibilità, l'effettiva attività di edificazione e la relativa prescrizione inizia a decorrere dall'ultimazione dei lavori.

In presenza di un affidamento giuridicamente tutelabile correlato alla comunicazione del provvedimento recante la liquidazione dell'importo definitivo degli oneri di urbanizzazione, senza nemmeno una previsione di provvisorietà, il rapporto tra le parti deve ritenersi definito, restando puro atto formale il rilascio materiale del titolo (concessione edilizia).

Il rilascio del titolo edilizio segna il momento costitutivo dell'obbligazione di corrispondere gli oneri di urbanizzazione, che deve avvenire alla luce di tutte le norme applicabili alla fattispecie

La data del rilascio della concessione edilizia o del permesso di costruzione è il momento in c... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...obbligazione contributiva rapportata al costo di costruzione, e pertanto è da quella stessa data che l'amministrazione comunale può far valere il suo diritto di credito, ossia esercitare il potere di accertamento dell'importo dovuto, con conseguente decorrenza della prescrizione (decennale) del diritto medesimo il quale, sin dal momento dell'adozione del provvedimento ampliativo della sfera del richiedente la concessione o il permesso di costruzione, è certo, liquido o agevolmente liquidabile ed esigibile.

In ogni caso, tanto per l'obbligazione relativa al contributo di costruzione tanto per l'obbligazione relativa al contributo di urbanizzazione, il rilascio della concessione edilizia o del permesso di costruzione rappresenta il momento costitutivo dell'obbligo giuridico - incombente sul beneficiario del provvedimento autorizzatorio - di corrispondere le somme dovute.

In materia di quantificazione degli oneri di urbanizzazione, la scelta tecnico discrezionale dell'Amministrazione deve precedere e non seguire il rilascio della concessione edilizia, in quanto gli effetti e gli oneri derivanti dalla stessa devono essere ben noti al richiedente, il quale, tenuto conto dell'esborso economico da affrontare, potrebbe anche rinunziare ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...a costruttivo ipotizzato.

La liquidazione del contributo di costruzione non dà luogo ad un provvedimento (ancorché di carattere paritetico) avente natura costitutiva, trattandosi invece di attività meramente ricognitiva e contabile, perché frutto dell'applicazione di criteri automatici di determinazione del "quantum debeatur", nonché di norme giuridiche che nulla lasciano alla discrezionalità dell'Ente riguardo all'ammontare effettivamente dovuto.

Nella determinazione del contributo l'Amministrazione non esercita alcun potere libero e discrezionale, tanto è vero che la determinazione potrebbe essere effettuata anche dal richiedente in via del tutto autonoma, come in effetti avviene quando esso contesta l'illegittima pretesa di un contributo superiore a quanto dovuto.

La determinazione del contributo concessorio viene effettuata dall'Amministrazione creditrice, ancorché mediante attività meramente ricognitiva e contabile.

La determinazione del contributo, effettuata o comunque accettata dal Comune, acquista efficacia di liquidazione e richiesta pagamento, con la quale l'Amministrazione creditrice assolve diligentemente il proprio obbligo, ai sensi dell'art. 1... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] .... civ., di cooperazione con il debitore affinché egli possa essere posto in condizioni di adempiere la propria obbligazione di pagamento, già certa ed esigibile al momento di rilascio del titolo edilizio.

Il presupposto per l'insorgere dell'obbligazione contributiva è la sussistenza di un eventuale maggior carico urbanistico provocato dall'intervento eseguito in difformità essenziale dal precedente titolo abilitativo.

L'entità del contributo per opere di urbanizzazione stabilito dalla legge n. 47/1985 per le opere abusive deve essere individuata con riferimento al momento in cui viene rilasciata la concessione edilizia in sanatoria, poiché il costo da considerare ai fini della commisurazione dei relativi oneri non può che essere quello del momento in cui sorge l'obbligazione, che è appunto quello del rilascio della concessione.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI