Carrello
Carrello vuoto



Potere del commissario ad acta sulla domanda di permesso di costruire


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:OPERE EDILIZIE E TITOLO EDILIZIO
anno:2018
pagine: 6201 in formato A4, equivalenti a 10542 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 50,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


TITOLO EDILIZIO --> COMMISSARIO AD ACTA

L'atto endoprocedimentale di valutazione di conformità del progetto di ampliamento della struttura edilizia di cui all'art. 8-ter, comma 3 d.lgs. 30 dicembre 1992, n. 502, è assegnato temporaneamente al Commissario ad acta per l'attuazione del piano di rientro dal deficit sanitario, e non alla Regione Calabria sostituita.

Il potere sostitutivo regionale previsto dall'art. 21 D.P.R. 380/2001 è legittimamente esercitabile in caso di inerzia del Comune nel provvedere sulla richiesta ad aedificandum, ma non anche nella diversa ipotesi di annullamento giurisdizionale del diniego di permesso di costruire, al quale secondo i comuni principi consegue solo l'obbligo dello stesso Comune di rideterminarsi sull'istanza.

La relazione che si instaura tra il commissario ad acta nominato dalla Regione (o dall'ente da essa delegato) ed il Comune sostituito i cui organi sono rimasti inerti sull'istanza di titolo edilizio è di natura intersoggettiva.

Il potere del commissario ad acta nominato ai sensi del previgente art. 20, comma 9, D.P.R. n. 380/2001 di decidere sulla domanda di permesso di costruire relativa ai lavori di completament... [Omissis - La versione integrale √® presente nel prodotto - Omissis] ...bricato già realizzato in base a un precedente titolo edilizio può ritenersi senz'altro comprensivo del potere di decidere preliminarmente in ordine alla possibile sanabilità di talune marginali difformità riscontrate nell'immobile esistente rispetto al progetto originariamente assentito.

Nella Regione Campania, ove il commissario ad acta nominato ai sensi dell'art. 8-quater della l. regionale n. 39 del 1978 non adotti il titolo edilizio nel termine assegnato, non si configura il silenzio inadempimento, ma cessa il limite temporale del potere surrogatorio e del divieto del sindaco a provvedere.

La violazione del termine per provvedere assegnato al Commissario ad acta non fa venir meno il potere di provvedere in capo allo stesso.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI