Carrello
Carrello vuoto



Silenzio su istanza di autotutela


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA nel governo del territorio
anno:2018
pagine: 1174 in formato A4, equivalenti a 1996 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 30,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


Il rito avverso il silenzio ex art. 31 e 117 c.p.a. non può essere utilizzato per ottenere che la P.A. si pronunci sull'istanza di autotutela.

Il rito avverso il silenzio di cui all'art. 31 c.p.a. non può essere utilizzato al fine di dedurre l'illegittimità dell'inerzia serbata dall'amministrazione sull'istanza volta a sollecitare l'esercizio del potere di autotutela.

Il silenzio dell'amministrazione sulla istanza-diffida del privato nella cui sfera giuridica incide dannosamente il mancato esercizio di poteri ripristinatori e repressivi relativi ad abusi edilizi integra gli estremi del silenzio-rifiuto sindacabile in sede giurisdizionale quanto al mancato adempimento dell'obbligo di provvedere espressamente.

L'esercizio del potere discrezionale consistente, in tesi, nell'eliminazione in autotutela dell'atto autorizzatorio, previa riqualificazione del manufatto ai fini della sua riconducibilità al più rigoroso regime concessorio, non può essere sollecitato attraverso l'azione ex art. 117 cod. proc. amm..

GIUDIZIO --> SILENZIO RIFIUTO --> ISTANZA DI AUTOTUTELA DEMANIALE

Il soggetto a cui è stata rilasciata la concessione di occupazione di suolo pubblico ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...agire con il rito contro il silenzio affinché il G.A. ordini alla P.A. di dare materiale esecuzione ad un provvedimento di sgombero notificato al precedente concessionario.

Laddove il Comune, su istanza del controinteressato, abbia dato inizio alla procedura volta all'emanazione dell'ordinanza di sgombero, ma il procedimento si sia arrestato, è fondato il ricorso proposto per l'accertamento dell'obbligo di provvedere, con conseguente condanna del Comune a concludere il procedimento di sgombero.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI