Carrello
Carrello vuoto



Significato giuridico dell'asservimento

Oltre alla possibilità convenzionale o pattizia, esistono almeno altri due modi di cosituire una servitù pubblica di passaggio: l'uso di un sentiero da tempo immemorabile da parte della collettività e l'imposizione coattiva del vincolo attraverso una procedura espropriativa.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:TRASFERIMENTO E ACQUISTO DI DIRITTI REALI CON LA P.A.
anno:2017
pagine: 2105 in formato A4, equivalenti a 3578 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 40,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


ASSERVIMENTO --> ASSERVIMENTO O ESPROPRIO?

La realizzazione di opera (linea ferroviaria), per la parte completamente interrata, non postula una vicenda traslativa della proprietà ma soltanto un asservimento del fondo, tanto che la stessa porzione di terreno resta nella piena disponibilità del titolare; in tale parte, la fattispecie concreta non è riconducibile ad una procedura espropriativa ma alla costituzione di una servitù di passaggio (della linea ferroviaria), continuando il terreno, seppur gravato da ius in re aliena, ad appartenere al privato, e risulta disciplinata dall'art. 44 del D.P.R. n. 327 del 2001 (e in precedenza dall'art. 46 della legge n. 2359 del 1865).

Le limitazioni alla sfera privata e costituzionalmente tutelata del cittadino (come il diritto di proprietà), vanno operate nel rispetto del principio di proporzionalità, di derivazione comunitaria, attraverso un'indagine "trifasica". In particolare, esso impone: di verificare la "idoneità" della misura, ovvero il rapporto tra il mezzo adoperato e l'obiettivo perseguito; di verificare la sua "necessarietà", ovvero l'assenza di qualsiasi altro mezzo idoneo ma tale da incidere in misura min... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...fera del singolo; di verificare la "adeguatezza" della misura, cioè la tollerabilità della restrizione che comporta per il privato.

Le esigenze di accesso ad una pista ciclo - pedonale, per interventi manutentivi e ripristinatori, ben possono essere soddisfatte, in assenza di prevalenti ragioni di interesse pubblico per acquisire le maggiori aree, anche attraverso misure meno gravose per il privato, rispetto all'esproprio quali, ad esempio, l'apposizione di servitù di passaggio.

La scelta dell'asservimento (da parte di SNAM) di area privata di ridotte dimensione per la realizzazione dell'opera pubblica (valvola di linea fuori terra a servizio di metanodotto), con riconoscimento di un indennizzo sostanzialmente pari al valore dell'area, in modo da compensarne l'inutilizzabilità totale, ancorché l'opera sia preclusiva di ogni utilizzazione dell'area interessata, appare assai più conforme ai principi di buona amministrazione e maggiormente confacente al rispetto del principio del bilanciamento dei contrapposti interessi, rispetto all'acquisizione della piena proprietà, prassi da cui discenderebbe la frammentazione della proprietà in migliaia di microscopiche unità fondiarie.
... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ientra nella discrezionalità dell'amministrazione scegliere se acquisire in proprietà o asservire all'uso pubblico il bene privato, trattandosi di operazioni che comportano spese di gestione diverse, ma anche diritti diversi di destinazione e disposizione del bene.

L'interesse pubblico alla realizzazione di una condotta fognaria su proprietà privata deve essere soddisfatto con il minor sacrificio possibile per il diritto di proprietà; il decreto di esproprio è strumento non adeguato dal momento che è sufficiente imporre una servitù di passaggio con divieto di costruzione sopra la fognatura realizzata.

Le censure dirette a suggerire l'utilizzo dei migliori strumenti per il perseguimento dell'interesse pubblico, nel caso di specie sufficienza di servitù di passaggio a fronte della scelta dell'amministrazione di procedere ad esproprio, sono attinenti al merito dell'azione amministrativa e come tali, inammissibili.

L'imposizione di un vincolo preordinato all'espropriazione su area di proprietà privata che risulti per il proprietario inutilmente gravoso e non necessario, avendo già il privato manifestato la disponibilità all'asservimento del proprio fondo funziona... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...pubblico perseguito, è da ritenersi in contrasto con il principio di proporzionalità e cioè del criterio del minor sacrificio possibile a carico dei soggetti privati incisi dalle previsioni urbanistiche.

ASSERVIMENTO --> MODALITÀ DI COSTITUZIONE

La costituzione di una servitù per destinazione del padre di famiglia presuppone l'originaria appartenenza di due fondi - o porzioni del medesimo fondo - a un unico proprietario, il quale abbia posto tali fondi o porzioni di fondo, l'uno rispetto all'altro, in una situazione di subordinazione idonea a integrare il contenuto di una servitù prediale e che, all'atto della loro separazione, sia mancata una manifestazione di volontà contraria al perdurare della relazione di sottoposizione di un fondo nei confronti dell'altro.

La costituzione della servitù per destinazione del padre di famiglia non richiede il fatto storico dell'esercizio della servitù stessa, ma soltanto l'esistenza, al momento della separazione dei fondi, di una situazione tale da denotare in modo univoco ed oggettivo, per l'esistenza di opere visibili e permanenti, l'asservimento di uno di essi in favore dell'altro.

Il contratto avente ad oggetto una... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ne di servitù di fognatura ha natura di negozio ad efficacia reale ed è soggetto a forma scritta ad substantiam (art. 1350 n. 4 c.c.) onde un accordo orale sarebbe inidoneo a far nascere una servitù; esso inoltre deve contenere chiara manifestazione, anche non formale, della volontà delle parti di dar vita a una servitù.

Una servitù di posteggio perpetua, in quanto costituita senza l'apposizione di un termine finale, comporta, in relazione alla portata temporale degli obblighi accessori, che la prestazione manutentiva ad essa accessoria, avrà una durata commisurata a quella del vincolo reale.

Tralasciando quella convenzionale o pattizia, esistono due possibilità o modi di costituire una servitù pubblica di passaggio. La prima è quella dell'uso del sentiero da tempo immemorabile da parte della collettività (una particolare forma o sottospecie dell'usucapione), la seconda è quella della sua imposizione coattiva attraverso una procedura espropriativa.

ASSERVIMENTO --> PRESUPPOSTI

Ai fini urbanistici l'asservimento di un fondo integra una fattispecie negoziale atipica avente effetti obbligatori in base ai quali un'area viene destinata a s... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...omputo dell'edificabilità di altro fondo.

L'istituto della servitù presuppone l'esistenza di due fondi appartenenti a proprietari diversi, e consiste nel peso imposto su un fondo per l'utilità dell'altro (art. 1027 c.c.). Manca il requisito della predialità qualora le opere realizzate sulle aree di proprietà privata consistenti nella realizzazione di drenaggi sotterranei, non siano poste al servizio di un fondo di un diverso proprietario, ma siano funzionali a ridurre il rischio idrogeologico e idraulico di tutte le aree individuate, comprese quelle su cui siano state realizzate le opere che, dunque, beneficiano in maniera diretta ed immediata delle stesse opere di cui si contesta la realizzazione.

Qualora le opere realizzate sulle aree di proprietà privata consistano nella realizzazione di drenaggi sotterranei, funzionali a ridurre il rischio idrogeologico e idraulico, non è invocabile l'istituto della c.d. servitù di uso pubblico (che non sono servitù in senso proprio), consistente in diritti collettivi d'uso di beni privati: nel caso di specie la collettività non gode di un "uso" diretto del bene, ma beneficia del risultato di pubblica utilità (la riduzione del rischio i... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...o e idraulico) che la realizzazione dei lavori da parte dell'Amministrazione era preordinata ad ottenere.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI