Carrello
Carrello vuoto



Irreversibile trasformazione del bene da parte della P.A. e risarcimento del danno

Tra i presupposti fondamentali per la configurabilità della c.d. occupazione espropriativa, l'irreversibile trasformazione del bene occupato dà diritto al proprietario di richiedere il risarcimento del danno.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:OCCUPAZIONI ED ESPROPRI ILLEGITTIMI
anno:2014
pagine: 4019 in formato A4, equivalenti a 6832 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 55,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


In tema di risarcimento del danno, la lesione del diritto disponibile della proprietà del fondo prospettata in termini di espropriazione sostanziale, presuppone sia l'occupazione del terreno privato che la sua irreversibile trasformazione, la quale ne riveli la destinazione ad opera pubblica.

In difetto della trasformazione dell'immobile al momento della scadenza dell'occupazione, il proprietario avrebbe potuto richiedere la restituzione del bene non utilizzato nel corso dei lavori ma non il risarcimento per equivalente monetario della perdita della proprietà dello stesso, non avvenuta; presupposto e ragione fondante di tale configurazione giuridica, infatti, è il prioritario soddisfacimento dell'interesse posto a base della realizzazione dell'opera pubblica, che giustificava, secondo il sistema previgente, l'acquisto della proprietà in capo all'amministrazione a seguito dell'utilizzazione dello stesso per il soddisfacimento del pubblico interesse.

Una volta espunto dall'ordinamento l'istituto della "occupazione espropriativa" è assolutamente irrilevante l'entità dei lavori che abbiano interessato il bene illegittimamente trasformato.

L'irreversibile trasformazione dei beni pubblici programmati... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...iarazione di p.u., costituisce uno dei fondamentali presupposti onde configurare la c.d. occupazione espropriativa; a tal fine non è sufficiente la mera apposizione del vincolo preordinato all'esproprio.

Solo la realizzazione dell'opera pubblica e la irreversibile manipolazione delle aree occupate con detta opera comporta la occupazione appropriativa.

Per il verificarsi dell'occupazione espropriativa non è sufficiente l'inizio e/o l'esecuzione di un qualsiasi lavoro edilizio, ma è necessaria l'irreversibile trasformazione del fondo appreso nell'opera pubblica programmata dalla dichiarazione di p.u.: perciò richiedendosi che detta trasformazione della realtà materiale preesistente determini l'impossibilità giuridica di continuare ad utilizzare il bene in conformità della sua precedente destinazione, dando così luogo ad una sostanziale vanificazione del diritto di cui il bene costituiva l'oggetto.

L'acquisto della proprietà a titolo originario da parte della Pubblica Amministrazione presuppone che l'opera realizzata risulti funzionale ad una destinazione pubblicistica legalmente accertata, e può quindi verificarsi soltanto se, al momento della sua realizzazione, perma... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ffetti del relativo accertamento; in tal caso, la sopravvenuta inefficacia della dichiarazione di pubblica utilità non priva l'opera del suo carattere pubblico, ma comporta soltanto il venir meno del potere ablatorio, impedendo l'emissione del decreto di espropriazione e travolgendo gli effetti del decreto di occupazione, con il conseguente verificarsi del fenomeno della c.d. accessione invertita.

L'ipotesi in cui al provvedimento di occupazione d'urgenza non avesse fatto seguito l'espropriazione, ma la trasformazione irreversibile dell'area, conseguente alla realizzazione dell'opera pubblica, era fatta rientrare nell'ambito della c.d. accessione invertita (denominata anche occupazione appropriativa, od acquisitiva), istituto di elaborazione pretoria.

Il mancato completamento della procedura espropriativa e l'intervenuta abusiva occupazione del bene con conseguente diritto al risarcimento del danno per la perdita del bene medesimo, stante l'irreversibile trasformazione di esso con l'esecuzione dell'opera pubblica, configura ipotesi di occupazione acquisitiva.

Intervenuta l'irreversibile trasformazione del fondo, con destinazione ad opera pubblica, deve ritenersi che la proprietà dello stesso sia stata acquisita all'Ammin... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...pubblica.

L'esecuzione dell'opera pubblica sul suolo di proprietà privata e la destinazione irreversibile allo scopo di pubblica utilità determinano il fenomeno dell'accessione invertita, e quindi l'acquisto di quel bene a titolo originario in capo all'Amministrazione.

Qualora l'iter procedurale non si completi con il decreto di esproprio emesso tempestivamente, la modificazione della struttura del bene occupato mediante l'insediamento definitivo dell'opera produce il fenomeno dell'accessione invertita, o occupazione acquisitiva, che dà diritto al proprietario di richiedere il risarcimento del danno cagionato in conseguenza dell'irreversibile trasformazione del bene.

Qualora l'area sia stata oggetto di un'irreversibile trasformazione per essere stata occupata e adibita (nel caso di specie) a verde pubblico ed a parcheggio pubblico, pur in assenza di decreto di esproprio o altro atto idoneo a produrre l'effetto traslativo della proprietà, è, tuttavia, da ritenersi che sia ormai stata acquisita dalla pubblica amministrazione per effetto dell'occupazione acquisitiva.

In ipotesi di utilizzazione del bene privato per fini pubblici, in assenza di decreto di esproprio nei termini di validit&a... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...a dichiarazione di pubblica utilità, sussistono i caratteri che contrassegnano il fenomeno dell'occupazione c.d. "appropriativa" o "acquisitiva", idonea, secondo il noto orientamento della Cassazione, a determinare un effetto estintivo - acquisitivo della proprietà a favore della Pubblica Amministrazione per c.d. "accessione invertita", in presenza dell'irreversibile trasformazione dell'area, per effetto dell'esecuzione dell'opera pubblica.

In mancanza di irreversibile trasformazione del bene, va esclusa l'occupazione acquisitiva ed i fondi occupati illegittimamente vanno restituiti ai titolari.

In ipotesi in cui siano stati eseguiti i lavori con conseguente irreversibile trasformazione del fondo in assenza dell'emanazione del decreto conclusivo del procedimento, si verifica ipotesi di occupazione acquisiva.

L'operatività dell'istituto dell'occupazione acquisitiva presuppone l'irreversibile trasformazione del bene.

Secondo la giurisprudenza risalente, la c.d. occupazione è idonea a determinare un fatto estintivo-acquisitivo della proprietà a favore della Pubblica Amministrazione per c.d."accessione invertita", allorché si sia verificata l'irreversibile trasformazi... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ea.

 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI