Carrello
Carrello vuoto



Ripartizione tra gli assegnatari degli oneri sostenuti dal Comune per il piano P.E.E.P.

In sede di recupero dagli assegnatari degli oneri sostenuti a fronte di acquisizione di aree P.E.E.P. vale il principio della parità di condizioni: si dovrà procedere ad una ripartizione proporzionale alla volumetria acquisita da ciascun assegnatario, a prescindere dalle modalità di acquisizione delle singole aree.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL CODICE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA
anno:2017
pagine: 3590 in formato A4, equivalenti a 6103 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 45,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


PIANIFICAZIONE --> PIANI URBANISTICI ATTUATIVI --> PEEP --> PRINCIPIO DEL PAREGGIO --> RECUPERO ONERI ASSEGNATARI --> RIPARTIZIONE

Secondo un consolidato orientamento giurisprudenziale, l'art. 35, comma 12, della legge n. 865/1971 e l'art. 16, comma 2, del d.l. n. 786/1981 (convertito nella legge n. 51/1982), prevedono l'esatta corrispondenza tra i costi effettivamente sostenuti dal Comune per l'acquisizione delle aree e il corrispettivo del diritto di superficie, ma tale regola deve essere fatta valere in relazione al singolo intervento, ossia all'area o al lotto oggetto della singola convenzione. Invero il principio del perfetto pareggio economico dell'operazione espropriativa sostenuta dall'amministrazione non consente di far ricadere sui concessionari, per i quali si sono già definiti i costi, i maggiori oneri derivanti da contenziosi riguardanti altre aree del comparto.

Una corretta esegesi della normativa in tema di cessione delle aree PEEP (leggi n. 865/1971 e n. 167/1962), non prevede il cosiddetto metodo della spalmatura sull'intero comparto PEEP, ma depone nel senso che i costi di acquisizione delle aree devono essere quelli definitivamente fissati ed ... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...nte sostenuti in relazione alla singola area oggetto di convenzione: ogni convenzione regola uno specifico e concreto intervento e il conguaglio previsto o derivante da ciascuna ha ad oggetto gli eventuali costi ulteriori di acquisizione dell'area su cui detto intervento insiste e che è oggetto della convenzione stessa.

E' vero che l'art. 35 della legge n.865/1971 stabilisce l'esatta corrispondenza tra i costi effettivamente sostenuti dal Comune per l'acquisizione delle aree e il corrispettivo dell'assegnazione in proprietà, ma deve comunque trattarsi di spese effettivamente sostenute in relazione all'acquisizione delle stesse aree che sono oggetto della convenzione fra il soggetto attuatore cui detti oneri sono attribuiti e il Comune, non essendo consentita una ripartizione fra tutti i soggetti attuatori del costo complessivo per gli espropri necessari alla realizzazione di tutti gli interventi di ERP.

L'art.35 della legge n.865/1971 prevede l'esatta corrispondenza tra i costi effettivamente sostenuti dal Comune per l'acquisizione delle aree e il corrispettivo del diritto di superficie ma tale regola deve essere fatta valere con riferimento al singolo intervento, cioè a ciascun area, oggetto di singola convenzione; invero, il p... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...l perfetto pareggio economico dell'operazione espropriativa complessivamente sostenuta dall'amministrazione non consente affatto di ripartire pro quota i suddetti maggiori costi su soggetti attuatori che ad essi non hanno dato causa, laddove il recupero deve avvenire in relazione al singolo caso oggetto di singola convenzione che tale maggior aggravio di spese per il Comune ha fatto registrare per ottenere l'acquisizione della relativa area.

Una corretta esegesi della normativa fondamentale dettata a monte per la disciplina della cessione della aree PEEP (leggi n.865/71 e 167/1962), non solo non prevede il metodo della c.d. spalmatura, ma depone in favore del criterio per cui i costi di acquisizione delle aree devono essere quelli definitivamente fissati ed effettivamente sostenuti in relazione alla singola area fatta oggetto di convenzione.

Se l'art. 35 della Legge 865/71 enuncia un principio di pareggio, è sostanzialmente indifferente al modo in cui esso viene realizzato – cioè ripartendo "pro quota" tra tutti gli attuatori del comparto, il costo complessivo delle acquisizioni ovvero addossando a ciascuno il costo della specifica area concessagli - per cui la sua specificazione concreta va di volta in volta ric... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...singoli atti convenzionali relativi ai piani PEEP.

Con riferimento all'assegnazione di aree P.E.E.P., la clausola "salvo conguaglio" prevista in convenzione avente la finalità di consentire al Comune il recupero del costo dell'esproprio, ove esso risulti superiore al corrispettivo inserito nella convenzione stessa, non legittima la spalmatura dei costi di acquisizione delle aree indistintamente sull'intero comparto P.E.E.P., subordinando detta clausola la corresponsione del conguaglio alla necessità di recuperare spese effettivamente sostenute per l'acquisto dell'area oggetto della singola convenzione.

La decisione dell'amministrazione di ripartire i maggiori costi tra i diversi assegnatari delle aree ricomprese nel piano di zona per l'edilizia economica e popolare, proporzionalmente alla volumetria acquisita, prescindendo dalle modalità di acquisizione delle singole aree, è pienamente conforme al dettato dell'art. 35, l. n. 865/1971. È, quindi, priva di fondamento la pretesa che i maggiori costi sostenuti dal Comune vengano addossati soltanto agli assegnatari di alloggi edificati su lotti la cui acquisizione abbia comportato maggiori spese per il Comune stesso.

In s... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...pero dagli assegnatari degli oneri sostenuti a fronte di acquisizione di aree PEEP, non sussistono profili di illogicità nella previsione che i titolari del diritto di proprietà debbano corrispondere importi superiori rispetto a quelli dovuti dai titolari del diritto di superficie, stante la diversa ampiezza dei due diritti.

Con riferimento all'assegnazione di aree P.E.E.P., la clausola "salvo conguaglio" prevista in convenzione avente la finalità di consentire al Comune il recupero del costo dell'esproprio, ove esso risulti superiore al corrispettivo inserito nella convenzione stessa, non legittima la spalmatura dei costi di acquisizione delle aree indistintamente sull'intero comparto P.E.E.P., subordinando detta clausola la corresponsione del conguaglio alla necessità di recuperare spese effettivamente sostenute per l'acquisto dell'area oggetto della singola convenzione.

La legislazione in materia di piani per l'edilizia economico e popolare è ispirata al principio della parità di condizioni tra gli assegnatari, in termini di costo dell'area da edificare, e ciò, per ovvie ragioni di riequilibrio e di utilità sociale; ne consegue che la discip... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...sti per l'acquisizione delle aree incluse nel Peep non può che essere ripartita, in maniera uniforme, tra tutti gli assegnatari.

PIANIFICAZIONE --> PIANI URBANISTICI ATTUATIVI --> PEEP --> PRINCIPIO DEL PAREGGIO --> RECUPERO ONERI ASSEGNATARI --> PRESUPPOSTI

L'art. 35 L. n. 865 del 1971 e l'art. 16 D.L. n. 786 del 1981 convertito con L. n. 58 del 1982, affermano che, in caso di acquisizione di aree per l'edilizia popolare e successiva vendita o concessione in superficie, i corrispettivi della vendita o concessione devono, nel loro insieme, assicurare la copertura delle spese sostenute dal comune o dal consorzio per l'acquisizione dell'area. Parlando di acquisizione dell'area, gli articoli citati fanno riferimento alla stessa L. n. 865 del 1971 e alla L. n. 167 del 1962, ossia alle norme che disciplinano l'espropriazione: presuppongono, dunque, che l'ente locale segua le disposizioni di legge che regolano e rendono legittima l'acquisizione di aree private per fini pubblici.

PIANIFICAZIONE --> PIANI URBANISTICI ATTUATIVI --> PEEP --> PRINCIPIO DEL PAREGGIO --> RECUPERO ONERI ASSEGNATARI --> PRESUPPOSTI --> SENTENZA DEFINITIVA

Anche nelle ipotesi in cui l... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...ni di cessione prevedano clausole di determinazione del prezzo in misura "fissa" e non comprensiva dell'eventuale conguaglio derivante dai maggiori costi effettivamente sostenuti per le procedure espropriative delle aree destinate alla realizzazione di alloggi di edilizia economica e popolare, il Comune può pretendere legittimamente dagli assegnatari il rimborso anche delle ulteriori somme relative alle maggiori spese pagate, per effetto della definitiva determinazione dell'indennità di espropriazione.

Il principio del "pareggio di bilancio" opera anche nel caso in cui il maggior costo delle aree espropriate destinate alla realizzazione di alloggi di edilizia economica e popolare discenda da accertamenti giudiziali conseguenti ad atti di opposizione alla stima, introdotti dai privati proprietari delle aree espropriate davanti alle Corti d'Appello.

In materia di recupero degli oneri sostenuti dagli assegnatari di aree PEEP, sussiste il diritto del Comune a richiedere ai proprietari delle unità immobiliari le somme non dovute ad un fatto illecito dell'ente, ma conseguenza della contestazione in sede giudiziale della correttezza della quantificazione dell'indennità di espropriazione a suo tempo ope... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...ncluse le spese legali per resistere nel giudizio ordinario), in quanto esse risultano in pieno rientranti nella nozione di "costo di acquisizione delle aree".

In materia di recupero degli oneri sostenuti dagli assegnatari di aree PEEP, nei casi di contestazione dell'indennità di espropriazione da parte dei proprietari dinanzi al giudice ordinario, la definitività delle sentenze della Corte di appello e la conseguente iscrizione delle maggiori somme dovute dal Comune quale debito fuori bilancio dell'ente territoriale, costituiscono elementi del tutto sufficienti e congrui per ritenere che il credito vantato dai proprietari vittoriosi in giudizio sia certo ed esigibile, con la conseguenza che – dalla pubblicazione delle citate sentenze - il Comune può esercitare in concreto i poteri di cui all'art. 35 della L. n. 865 del 1971.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI