Carrello
Carrello vuoto



Il piano di razionalizzazione della rete di distribuzione carburanti

Per poter essere utilmente effettuata in modo autonomo dalle prescrizioni della pianificazione urbanistica, la verifica di compatibilità del piano di distribuzione carburanti non solo deve precedere il provvedimento pianficatorio, ma deve essere anche basata su considerazioni distinte da esso.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:LE STRADE
anno:2017
pagine: 2523 in formato A4, equivalenti a 4289 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 40,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


PIANIFICAZIONE --> PIANO IMPIANTI DISTRIBUZIONE CARBURANTI

L'impianto di distribuzione carburanti rientra tra le opere lato sensu di urbanizzazione secondaria e infrastrutture complementari al servizio della circolazione stradale e deve essere quindi considerato un'infrastruttura compatibile con qualunque destinazione urbanistica costituendo la sua localizzazione un mero adeguamento degli strumenti urbanistici.

Posto che gli impianti di distribuzione carburanti sono compatibili con qualunque destinazione urbanistica costituendo la loro localizzazione un mero adeguamento degli strumenti urbanistici, tuttavia, al fine di salvaguardare il potere di pianificazione previsto in materia dall'art. 2 del d.lgs. 32/1998, va riconosciuta in capo agli enti locali la potestà d'individuare nell'ambito della zonizzazione del tessuto urbano le aree compatibili o meno con l'installazione degli impianti suddetti.

Il potere pianificatorio del Comune sui criteri, requisiti e caratteristiche delle aree sulle quali possono essere installati gli impianti di distribuzione di carburante, in base alle previsioni del d.lgs. 32/1998, può introdurre prescrizioni più restrittive di quelle co... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...li atti di indirizzo regionali -potendo, quindi, del tutto legittimamente, intervenire anche sulle modalità di costruzione e sulle tipologie degli impianti di carburante in relazione alle diverse aree del territorio comunale- senza con ciò sconfinare in un esercizio arbitrario del potere o arrecare pregiudizio alla libertà di iniziativa economica privata.

I comuni, nel procedere alla pianificazione relativa la razionalizzazione e liberalizzazione del sistema di distribuzione dei carburanti (art. 2, co. 1, del D. Lgs n. 32/1998) devono consentire la localizzazione di nuovi impianti di carburante in qualsiasi area, tranne quelle pubbliche e quelle destinate al soddisfacimento di standards urbanistici previsti dal D.M. n. 1444/1968, per cui non è compatibile con tale previsione la localizzazione di un nuovo impianto che invada aree specificamente riservate a verde pubblico.

In tema di piano di razionalizzazione della rete di distribuzione carburanti in attuazione, dal d. lgs. n. 32/1998 si evince che la verifica di incompatibilità con la normativa urbanistica o con le disposizioni a tutela dell'ambiente, del traffico urbano ed extraurbano, della sicurezza stradale e dei beni di intere... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... e architettonico, nonché con le disposizioni regionali e comunali, costituisce esercizio di un potere del tutto distinto ed autonomo da quello pianificatorio, che, anzi, può essere in parte, e logicamente, subordinato alle risultanze emergenti da detta verifica e non può quindi essere adottato contestualmente ad essa, dovendo cioè essere adottato in epoca successiva.

In linea di principio, la verifica di compatibilità del piano di distribuzione carburanti deve precedere e non seguire il provvedimento pianificatorio e per poter essere utilmente effettuata in modo autonomo dalle prescrizioni con esso imposte, deve essere basata su considerazioni distinte da esso; qualora, poi, la "verifica" segua il piano, in ogni modo, ne diviene momento autonomo, in guisa "condizionante", di intrinseca modificabilità attuativa, secondo proporzionalità e efficienza delle sue previsioni.

La mancanza di un Piano di localizzazione degli impianti per la distribuzione di carburanti previsto dal d.lgs. 32/1998 impedisce il rilascio del titolo abilitativo soltanto se l'intervento sia in contrasto con gli strumenti urbanistici vigenti.

La L.R. Calabria n. 19 del 2002 non &egrav... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...itto con la legislazione statale in materia di razionalizzazione della rete di distribuzione dei carburanti, dovendo trovare applicazione, per il principio di specialità, solo quest'ultima con riferimento alla installazione di tale tipo di struttura.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI