Carrello
Carrello vuoto



Piano di lottizzazione e rapporti tra pubblico e privato

Dall'approvazione del piano di lottizzazione, il privato ha 30 giorni di tempo per esprime il proprio consenso o dissenso. Decorso questo termine, nel caso di dissenso immotivato o di silenzio, la P.A. può procedere alla realizzazione delle opere mediante piano attuativo con apposizione del vincolo espropriativo.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL CODICE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA
anno:2017
pagine: 3590 in formato A4, equivalenti a 6103 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 45,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


PIANIFICAZIONE --> PIANI URBANISTICI ATTUATIVI --> PIANO DI LOTTIZZAZIONE --> INIZIATIVA PRIVATA

La matrice contrattuale dei piani di lottizzazione, che ne colloca la formazione al di fuori dello schema procedimentale del piano particolareggiato, si traduce nella pubblicità che agli atti privati si riconnette, nella inapplicabilità delle disposizioni dettate per pubblicazione dei piani di matrice pubblicistica. Tale finalità, che meglio si addice alla funzione del piano di lottizzazione come strumento urbanistico, pur di iniziativa privata, che comunque ha una funzione conformativa della proprietà (art. 869 c.c.), rispecchia peraltro la natura dei registri immobiliari, in modo che la trascrizione prevista dalla L. n. 1150 del 1942, art. 28 è strumento di pubblicità - notizia riguardo all'assetto del territorio, non anche di costituzione di obblighi.

Il fatto che un piano di lottizzazione non rechi pregiudizio a un determinato proprietario o gli possa essere di vantaggio non fa venir meno la necessità del suo consenso, perché in sede di progetto di lottizzazione, essendo configurato dalla legge come atto di disposizione della proprietà, nessuno può sostituirsi... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...tario nella valutazione e gestione dei suoi interessi.

Nell'ipotesi di nuovo piano urbanistico attuativo che abbia ambito di intervento circoscritto che non riguardi soggetti diversi dai proponenti, l'approvazione potrà avvenire sulla base di progetti presentati dai soli titolari delle aree incluse nel piano stesso.

PIANIFICAZIONE --> PIANI URBANISTICI ATTUATIVI --> PIANO DI LOTTIZZAZIONE --> INIZIATIVA PRIVATA --> IUS SUPERVENIENS

Il principio per cui (Cons. Stato, Ad. Plen. 1/1986) sussiste il potere-dovere della P.A. di riesaminare il piano urbanistico vigente in vista di una possibile deroga, eventualmente al fine di recuperare le previsioni del piano abrogato poste a fondamento dell'originaria domanda concessoria respinta con un atto ritenuto illegittimo con sentenza passata in giudicato non è invocabile da chi, vistasi respinta la domanda di lottizzazione di iniziativa privata ha ottenuto l'annullamento del diniego perché al momento del diniego non era stato ancora approvato il P.R.G.: questi infatti può lamentarsi solo della illegittima interruzione di un procedimento che era ancora lontano da una possibile conclusione favorevole.

PIANIFICAZIONE --> PIANI URBANISTICI ATT... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...t; PIANO DI LOTTIZZAZIONE --> INIZIATIVA PRIVATA --> SILENZIO

E' illegittimo il silenzio serbato dal Comune, nonostante i ripetuti solleciti, sulla proposta di lottizzazione presentata dagli interessati.

In generale il giudicato d'illegittimità del silenzio serbato su una domanda equivale a provvedimento satisfattorio dell'interesse fatto valere solo quando quel provvedimento sia vincolato, non anche quando sia il risultato di valutazioni discrezionali dell'autorità, come nell'ipotesi di istanza di lottizzazione.

Il giudicato d'illegittimità del silenzio serbato su una domanda equivale a provvedimento satisfattorio dell'interesse fatto valere solo quando quel provvedimento sia vincolato, non anche quando sia il risultato di valutazioni discrezionali dell'autorità (come in ipotesi di domanda di lottizzazione).

L'illegittimità dell'inerzia della p.a., accertata dal giudice amministrativo su istanza del privato lottizzante, non equivale ad accoglimento della domanda, ma comporta soltanto l'obbligo di provvedere esplicitamente sulla stessa, in base alla legge vigente nel momento in cui è stata notificata la sentenza di annullamento. Ciò in quanto il giudicato in ordine ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...timità del silenzio su di una domanda equivale a provvedimento satisfattorio dell'interesse fatto valere, soltanto quando quel provvedimento sia vincolato.

PIANIFICAZIONE --> PIANI URBANISTICI ATTUATIVI --> PIANO DI LOTTIZZAZIONE --> INIZIATIVA PRIVATA --> SILENZIO --> POTERI DELL'AMMINISTRAZIONE

Ove l'esercizio della facoltà edificatoria venga condizionato alla previa definizione di un piano di lottizzazione o di altro strumento attuativo, l'Amministrazione è tenuta a dare risposta alla proposta di piano di lottizzazione formulata dai privati; resta ferma, naturalmente, la generale potestà di pianificazione urbanistica del Comune, che potrà motivatamente respingere la proposta di piano di lottizzazione in favore di altre, ovvero non accoglierne alcuna ed intervenire direttamente, anche con l'esproprio e l'assegnazione dell'area, ovvero inserire le future decisioni riferite all'area di proprietà delle ricorrenti in un contesto territoriale generale o comunque più ampio.

PIANIFICAZIONE --> PIANI URBANISTICI ATTUATIVI --> PIANO DI LOTTIZZAZIONE --> INIZIATIVA PRIVATA --> SITUAZIONE FATTUALE

La presenza, in un'unica zona, di un... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... frazionamento della proprietà è elemento di fatto che ben può ragionevolmente sorreggere la scelta di uno piano urbanistico esecutivo unico, onde evitare una non razionale e scarsamente pianificata utilizzazione del territorio; per altro verso, l'impossibilità concreta di redazione, da parte dei privati, dello strumento esecutivo in dipendenza del frazionamento della proprietà non può comunque costituire ostacolo alla esigenza di pianificazione unitaria, che è innanzi tutto pubblica, oltre che privata.

PIANIFICAZIONE --> PIANI URBANISTICI ATTUATIVI --> PIANO DI LOTTIZZAZIONE --> INIZIATIVA PUBBLICA

Non è sufficiente a far venire meno la connotazione «pubblica» del piano la constatazione relativa al fatto che lo stesso strumento di pianificazione era stato proposto da un soggetto privato che, a sua volta, si era accollato la realizzazione di alcune opere pubbliche extra ambito: è del tutto evidente, infatti, che nulla impedisce alla P.A. di fare proprio un atto di iniziativa privata e ciò, sulla base di una valutazione che come è noto attiene al merito ed è insindacabile dal G.A..

La formazione d'ufficio del piano di lottiz... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...rong> ai sensi del penultimo comma dell'art. 28 L. 17 agosto 1942 n. 1150, è sempre legittima nel caso in cui i proprietari delle aree non abbiano realizzato le opere di urbanizzazione ovvero non abbiano accettato di stipulare la convenzione: in tali ipotesi, il piano di lottizzazione d'ufficio è infatti preordinato a rimuovere gli ostacoli e le limitazioni alla realizzazione delle previsioni del P.R.G., che nascono dall'inerzia o dall'opposizione dei proprietari delle aree interessate, i quali, impedendo di attuare le previsioni urbanistiche del comparto, finiscono per dar luogo, di fatto, ad una sorta di arbitrario vincolo inedificabilità con durata di indeterminata.

Laddove lo strumento urbanistico non subordini necessariamente l'edificazione alla preventiva approvazione di un piano di lottizzazione, il Comune ha il potere-dovere di verificare se le costruzioni edificande siano assentibili con concessioni singole ovvero se, al contrario, lo sviluppo della previsione urbanistica non necessiti della predisposizione di un piano di lottizzazione, al fine di raccordare i nuovi fabbricati col preesistente aggregato abitativo e di completare le urbanizzazioni.

PIANIFICAZIONE --> PIANI URBANISTICI ATTUATIVI -->... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...OTTIZZAZIONE --> RAPPORTI TRA INIZIATIVA PRIVATA E PUBBLICA

Il piano quadro è uno strumento parallelo, nella sostanza, al piano particolareggiato ed è prevista, in alternativa all'uno e all'altro, la possibilità per i privati di presentare un piano di lottizzazione.

La lottizzazione d'ufficio ha pari dignità, partecipa della medesima natura e produce gli stessi effetti, tra i quali anche quello di conferire valore di pubblica utilità alle opere di urbanizzazione in esso previste, del piano particolareggiato ad iniziativa privata.

In base alla disciplina generale contenuta nella L.U. (in particolare negli artt. 15 e 28) dopo la approvazione del piano di lottizzazione i privati hanno 30 giorni per esprimere il loro consenso o il loro dissenso. Nel caso di dissenso immotivato o di silenzio, l'Amministrazione procede alla realizzazione delle opere mediante piano attuativo di iniziativa pubblica con imposizione del vincolo espropriativo; legittimamente può pertanto ritenersi che il vincolo sorga attraverso un procedimento a formazione progressiva:attraverso l'approvazione definitiva del PLU (Piano di Lottizzazione d'ufficio) e la mancata adesione al medesimo nei termini fissati.... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... /> La lottizzazione, nell'ottica della legislazione urbanistica più recente, è divenuta principale strumento attuativo non più dipendente dal piano particolareggiato ma alternativo rispetto ad esso.

Non è sufficiente a ritenere compatibile con la pianificazione comunale e quindi approvabile un piano di lottizzazione solo perché l'area interessata ha destinazione residenziale di completamento (C1), in quanto l'astratta conformità urbanistica dell'intervento deve essere ponderata alla luce del contesto nel quale si inserisce, con peculiare riguardo alla conformazione degli insediamenti esistenti ed all'impatto paesaggistico.

Non vi è un inscindibile rapporto di consequenzialità tra contenuti del piano attuativo di iniziativa pubblica e contenuti dell'eventuale piano di lottizzazione.

La previsione da parte del piano attuativo di un certo assetto delle infrastrutture viarie e delle altre opere di urbanizzazione non rende, per ciò solo, indiscutibile una qualsiasi proposta di sistemazione del tessuto urbanistico che si conformi all'assetto stesso.

Non vi è un inscindibile rapporto di consequenzialit&agr... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ntenuti del piano attuativo e contenuti del piano di lottizzazione.

La congenialità delle indicazioni del piano attuativo ad un determinato tipo di intervento non può condurre a rendere indiscutibili le soluzioni in concreto proposte.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI