Carrello
Carrello vuoto



Pianificazione delle occupazioni di suolo pubblico

Illegittimo l'atto di pianificazione delle occupazioni di suolo pubblico non basato sugli atti generali presupposti richiamati e non correttamente supportato da adeguata motivazione, regolarmente evidenziata in sede di relativa istruttoria.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:DEMANIO E PATRIMONIO PUBBLICO - principi generali
anno:2017
pagine: 621 in formato A4, equivalenti a 1056 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 25,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


PIANIFICAZIONE --> PIANI PER L'USO DI BENI PUBBLICI

Il mancato esercizio da parte di un comune del potere di disciplinare in maniera uniforme, attraverso lo strumento regolamentare, la tipologia e la dislocazione dei posteggi fruibili sul territorio comunale non fa venir meno l'obbligo, fino all'adozione del piano posteggi, di valutare la singola richiesta di autorizzazione all'occupazione dell'area pubblica.

I piani di massima occupabilità di vie e piazze del centro storico trovano la loro giustificazione nell'esigenza dell'amministrazione comunale di individuare forme omogenee di fruizione di spazi pubblici da parte di operatori commerciali in luoghi di notevole interesse pubblico, nell'obiettivo di garantire una rigorosa tutela del patrimonio storico, culturale, artistico ed ambientale e per garantire un equilibrio tra l'espansione delle attività commerciali, la regolamentazione del traffico urbano e la tutela della residenzialità nonché, anche, per salvaguardare il diritto alla salute dei cittadini.

I comuni sono titolari del potere di regolamentare il rilascio delle concessioni demaniali mediante l'adozione di atti di pianificazione anche nelle more dell'adozione dei piani di competenza regionale.[Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... I piani di massima occupabilità delle vie e piazze del centro storico trovano la loro giustificazione nell'esigenza dell'amministrazione comunale di individuare forme omogenee di fruizione di spazi pubblici da parte di operatori commerciali in luoghi di notevole interesse pubblico, nell'obiettivo di garantire una rigorosa tutela del patrimonio storico, culturale, artistico ed ambientale e per garantire un equilibrio tra l'espansione delle attività commerciali, la regolamentazione del traffico urbano e la tutela della residenzialità nonché, anche, per salvaguardare il diritto alla salute dei cittadini.

La natura dell'atto di concessione amministrativa dell'occupazione di suolo pubblico conferisce al Comune una serie di prerogative, volte a regolare l'uso temporaneo del bene in alcune aree della città, in prevalenza situate nel centro storico, dove l'occupazione del suolo pubblico è limitata dall'esistenza di un preponderante pubblico interesse diretto alla salvaguardia del patrimonio storico-culturale e dove, quindi, gli interessi imprenditoriali dei privati si rivelano recessivi rispetto agli interessi pubblici volti alla tutela dei beni architettonici e, in generale, del patrimonio monumentale e culturale della citt&agr... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...
L'intenzione di concedere un termine (nella specie, sessanta giorni) per consentire agli interessati l'adeguamento ai vincoli contenuti nei piani massima occupabilità è legittima e coerente ai principi di imparzialità e buon andamento cui deve ispirarsi l'attività amministrativa,ferma restando la validità ed efficacia di tali piani, ed essendo irrilevante, ai fini della legittimità degli stessi, la mera possibilità di una loro rivisitazione (in autotutela), espressa nell'impegno di verificare la presenza di eventuali criticità.

Il Piano di tutela delle acque è un piano di settore che ha natura giuridica mista nella misura in cui è atto generale, relativamente a determinati profili e provvedimento puntuale in relazione ad altri.

E' illegittimo l'atto di pianificazione delle occupazioni di suolo pubblico non basato sugli atti generali presupposti richiamati e non correttamente supportato da adeguata motivazione, regolarmente evidenziata in sede di relativa istruttoria.

Se il legislatore attribuisce al dirigente esclusivamente compiti di gestione, è illegittimo l'atto generale ed astratto adottato dal dirigente per regolamentare l'ubicazione delle conc... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...aniali marittime in assenza del piano di spiaggia.

E' illegittima la concessione pluriennale di un impianto sportivo adottata senza la previa redazione del piano annuale di utilizzo degli impianti previsto dall'apposito regolamento comunale.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI