Carrello
Carrello vuoto



A proposito di giurisdizione: ottemperanza del giudicato e perpetuatio iurisdictionis


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:GIURISDIZIONE E COMPETENZA GIURISDIZIONALE nell’ambito del governo del territorio
anno:2016
pagine: 3023 in formato A4, equivalenti a 5139 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 45,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


GIUDIZIO --> GIURISDIZIONE E COMPETENZA --> OTTEMPERANZA

Sintesi: Sia che si richieda la condanna (sia pur solidale) al risarcimento del danno per equivalente, sia che si pretenda, attraverso il risarcimento in forma specifica, in via alternativa o cumulativa, un facere in presenza di un comportamento illecito causativo di danno ascrivibile a soggetto privato, ciò profila il difetto di giurisdizione amministrativa in favore della giurisdizione ordinaria.


Estratto: «2.2) Peraltro, il ricorso per ottemperanza è inammissibile anche sotto altro profilo, in quanto proposto nei confronti di soggetto privato, qual è la IVPC Italian Vento Power Corporation s.r.l.Infatti, sia che si richieda la condanna (sia pur solidale) al risarcimento del danno per equivalente, sia che si pretenda, attraverso il risarcimento in forma specifica, in via alternativa o cumulativa, un facere (spostamento e arretramento delle torri degli aerogeneratori, e quindi "liberazione" della colonna d'aria sovrastante i suoli dei ricorrenti occupati dalle pale eoliche e dalla loro proiezione) viene in considerazione un comportamento illecito causativo di danno ascrivibile a soggetto privato, ciò che profila il difetto di giurisdizione ammini... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... favore della giurisdizione ordinaria (cfr. Cons. Stato, Sez. V, 12 dicembre 2009, n. 7800, che peraltro ritiene che tale domanda non potrebbe essere nemmeno proposta secondo il rito dell'ottemperanza "…non concernendo un danno dipendente direttamente dalla mancata esecuzione del giudicato").»

Sintesi: Il fatto che la controversia concernente la pretesa incongruità della somma liquidata a titolo d'indennizzo ex art. 42 bis DPR 327/2001, proposta come incidente di esecuzione al giudicato, si muova nell'alveo del giudizio per l'ottemperanza, è elemento di per sé troncante nell'affidare al giudice amministrativo la giurisdizione.

Estratto: «4.- Quanto sopra è utile anche per superare l'eccezione di inammissibilità del presente ricorso per presunto difetto di giurisdizione. Sostiene la difesa del comune resistente che il presente ricorso si risolve in una domanda sulla pretesa incongruità della somma liquidata a titolo d'indennizzo, questione che avrebbe dovuto essere proposta davanti al giudice ordinario.L'eccezione non è condivisibile. In primo luogo, anche qualora si versasse nell'ambito di un giudizio cognitorio di annullamento, l'... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...la controversia sarebbe pur sempre costituito dal diritto al risarcimento del danno (quantunque nella forma di indennizzo per eventuale acquisizione sanante) per occupazione illecita dell'amministrazione, caso che rientrerebbe comunque nella giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo, posto che l'art. 53 TUES fa salva la giurisdizione del giudice ordinario specificamente per le controversie riguardanti la determinazione e la corresponsione delle indennità in conseguenza dell'adozione di atti (legittimi) di natura espropriativa o ablativa.Nel caso invece di procedura espropriativa illegittima, fonte di risarcimento del danno, come chiarito dalle Sezioni Unite della Corte di Cassazione, la dichiarazione di illegittimità costituzionale dell'art. 53, comma 1, TUES, ad opera della sentenza n. 191 del 2006 della Corte cost., riguarda soltanto la devoluzione alla giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo delle controversie relative ai comportamenti delle pubbliche amministrazioni, conseguenti all'applicazione delle disposizioni del testo unico, non riconducibili, nemmeno in via mediata, all'esercizio di un pubblico potere e, dunque, assunti in carenza di potere od in via di mero fatto. Di conseguenza appartengono alla giurisdizione del giudice amministrat... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...controversie in tema di risarcimento del danno derivante da provvedimenti che, benché impugnati per illegittimità od illiceità, sono comunque riconducibili a forme di poteri ablatori riconosciuti alla pubblica amministrazione dagli art. 43 e 44 TUES (Cassazione civile sez. un, 22 dicembre 2011, n. 28343), ipotesi che ricorre nel caso in esame.In secondo luogo, appare decisiva la considerazione secondo cui la controversia – proposta correttamente come incidente di esecuzione al giudicato - si muove nell'alveo del giudizio per l'ottemperanza, elemento che di per sé è troncante nell'affidare a questo giudice la giurisdizione.»

Sintesi: E' devoluta al giudice amministrativo, in sede di giurisdizione esclusiva, la questione della violazione del giudicato formatosi nell'ambito di un precedente processo amministrativo.

Estratto: «2.1. La controversia rientra, in primo luogo, nella giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo ai sensi dell'art. 21-septies, secondo comma, della legge n. 241 del 1990 (oggi: art. 133, primo comma – lett. a, cod. proc. amm.), poiché la ricorrente prospetta la violazione del giudicato formatosi sulla decisione del Consiglio di Stato n. 4812 del 2009 e... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...arte, gli stessi provvedimenti impugnati, per esplicita affermazione contenuta nella parte motiva, asseriscono di dare concreta attuazione ai principi ed agli obblighi scaturiti (per la fase transitoria, fino alla celebrazione delle gare pubbliche) dalla sentenza d'appello, sicché vengono in esame in via diretta ed immediata le conseguenze del giudicato amministrativo sul rapporto in essere.»

GIUDIZIO --> GIURISDIZIONE E COMPETENZA --> PERPETUATIO IURISDICTIONIS

Estratto: «Con memoria notificata alla controparte il 27 giugno 2008, gli stessi appellanti, visto il mutato indirizzo delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione circa la giurisdzione in merito alle opposizioni a sanzioni amministrative in materia di cave, di cui alla sentenza Cass., SS.UU., 2 luglio 2008, n. 18040 (la quale ha affermato che spetta alla giurisdizione ordinaria l'opposizione ad ordinanza-ingiunzione di pagamento per violazione della normativa relativa alle cave), chiedono che sia dichiarata la carenza di giurisdizione del giudice amministrativo e la rimessione delle parti davanti al giudice ordinario.La domanda, ritiene il Collegio, non può trovare accoglimento.Vero è che, circa il rip... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...risdizione nella materia in questione, si registra un non costante orientamento del giudice della giurisdizione (es. per Cass., SS.UU., 2 febbraio 1990, n. 718, 18 dicembre 1993, n. 12525, 27 marzo 2001, n. 134; 19 aprile 2004, n. 7374, 4 luglio 2006, n. 15222, la giurisdizione è del giudice ordinario; ma per Cass., SS.UU., la giurisdizione è del giudice amministrativo).Va però escluso che - contrariamente a quanto affermano gli appellanti - i mutamenti degli indirizzi della giurisprudenza, interpretativi delle norme che individuano il giudice che ha giurisdizione sulla controversia, possano valere a scalfire la regola della perpetuatio iurisdictionis recepita dall'art. 5 Cod. proc. civ., il quale, circa il momento determinante della giurisdizione e della competenza, afferma che giurisdizione e competenza si determinano con riguardo alla legge vigente e allo stato di fatto esistente al momento della proposizione della domanda e non hanno rilevanza rispetto ad esse i successivi mutamenti della legge o dello stato medesimo(Cons. Stato, VI, 22 agosto 2007, n. 4477). Invero, per l'art. 5 sono irrilevanti solo i sopravvenuti mutamenti legislativi e non gli indirizzi della giurisprudenza, interpretativi delle norme sul giudice competente: diversamente, si vincoler... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...dice al precedente giurisprudenziale e si limiterebbe il diritto di difesa nel prospettare una diversa interpretazione.»

Sintesi: Ai fini della giurisdizione sono irrilevanti solo i sopravvenuti mutamenti legislativi e non gli indirizzi della giurisprudenza, interpretativi delle norme sul giudice competente.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI