Carrello
Carrello vuoto



Opere ed interventi edilizi: opere stagionali, sdraio, ombrelloni


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:OPERE ED INTERVENTI EDILIZI
anno:2016
pagine: 1508 in formato A4, equivalenti a 2564 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 30,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


Gli impianti di prefabbricato con una sola elevazione non adibiti ad uso abitativo sono individuabili nelle costruzioni di modeste dimensioni, adagiate sul suolo e facilmente rimovibili, tali da non alterare stabilmente l'assetto del territorio, destinate ad un uso realmente precario e temporaneo.

Il parere della Soprintendenza relativo alla rimozione, al termine della stagione, delle opere precarie poste a servizio di uno stabilimento balneare deve essere specificatamente motivato con riferimento ad una valutazione di preponderante tutela da accordare ai valori paesaggistici del sito nel cui ambito lo stabilimento balneare è insediato.

Il mantenimento delle strutture balneari per l'intera durata della concessione deve essere espressamente autorizzato dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio con motivazione specifica e puntuale.

La sola stagionalità dell'installazione di un manufatto destinato all'esercizio di un'attività commerciale e di somministrazione non gli conferisce di per sé il carattere di temporaneità.

Il carattere stagionale del manufatto non implica la precarietà dell'opera, potendo essere la stessa destinata a soddisfare bisogni non provviso... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...so la perpetuità della sua funzione.

Deve escludersi la natura precaria di uno stabilimento balneare in quanto lo stesso non comporta una alterazione del territorio temporanea, precaria e irrilevante, mancando il requisito della precarietà funzionale, cioè la possibilità di una pronta rimozione dopo un uso contingente e momentaneo.

L'installazione di fioriere, ombrelloni e bagni chimici per il periodo estivo non richiede alcun vaglio autorizzatorio, né dell'autorità comunale, né della Capitaneria di Porto né dell'Autorità di Bacino, non integrando il concetto di «intervento edilizio».

Il riscontro di conformità dell'attività balneare, della quale si è denunciato l'avvio, rispetto a tutti gli atti presupposti, non può non implicare anche la ricostruzione del contenuto degli atti sui quali si fonda l'iniziativa sottesa alla d.i.a. (nella specie trattavasi di prescrizioni contenute nell'autorizzazione paesaggistica regionale), atti che evidentemente possono anche costituire il parametro al quale rapportare la legittimità o meno di detta ricostruzione, quindi dei provvedimenti che la presuppongono.

La delimitazione ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... in legno di un tratto di spiaggia, sul quale sistemare ombrelloni e sedie sdraio, e la collocazione di un passerella in legno per agevolare l'approccio al mare, non possono assimilarsi al concetto di "costruzione", trattandosi di manufatti meramente poggiati al suolo e perfettamente amovibili.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI