Carrello
Carrello vuoto



Opere ed interventi in aree inquinate

Riscontrata la presenza di materiali inquinanti nel terreno, il D. lgs. 22/97 impone comunque la rimozione del rifiuto, il suo smaltimento e il ripristino dello stato dei luoghi, senza margini discrezionali per la p.a.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:OPERE EDILIZIE E TITOLO EDILIZIO
anno:2018
pagine: 6201 in formato A4, equivalenti a 10542 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 50,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


OPERE ED INTERVENTI --> CASISTICA --> AREE INQUINATE

ll soggetto che concede in uso a terzi un terreno per lo svolgimento di un'attività pericolosa conserva una sfera di controllo sul bene medesimo assumendo un obbligo di verifica sull'operato del conduttore e una corresponsabilità nel ripristino ambientale finale.

In caso di affitto del bene a terzi, anche il proprietario resta responsabile allorché sia a conoscenza della pericolosità dell'attività svolta e dello stato di inquinamento del sito, essendo ciò sufficiente a far sorgere un obbligo di attivarsi al fine di eliminare, nel più breve tempo possibile e anche in assenza di intervento dell'autore dell'inquinamento, lo stato di contaminazione.

La competenza per la procedura di bonifica di siti inquinati dichiarati di interesse nazionale spetta al Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio, non più di concerto, ma sentito il Ministero delle attività produttive.

Sulla base del D.Lgs. 5-2-1997 n. 22, deve escludersi l'assimilabilità a rifiuti dei materiali provenienti da scavo con concentrazione di inquinanti inferiore alle soglie stabilite dalla legge.

In presenza di m... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...n qualificabili in termini di rifiuti, il capitolato speciale d'appalto non può consentire al Comune di adottare le misure autoritative che la legge ammette soltanto in presenza di rifiuti, come l'art. 14 del D.Lgs. 5-2-1997 n. 22.

Allo scopo di individuare eventuali deposito incontrollati di rifiuti nel suolo, è lecito effettuare prelievi in qualsiasi punto del terreno.

Riscontrata la presenza di materiali inquinanti nel terreno, il D. lgs. 22/97 impone comunque la rimozione del rifiuto, il suo smaltimento e il ripristino dello stato dei luoghi, senza margini discrezionali per la p.a.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI