Carrello
Carrello vuoto



Opere edilizie: pergolati, pompeiane


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:OPERE EDILIZIE E TITOLO EDILIZIO
anno:2018
pagine: 6201 in formato A4, equivalenti a 10542 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 50,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


OPERE ED INTERVENTI --> CASISTICA --> PERGOLATI

La tensotruttura costituita da una pergola in metallo corredata da tenda in PVC con movimento elettrico non configura né un aumento del volume e della superficie coperta, né la creazione o modificazione di un organismo edilizio, né l'alterazione del prospetto o della sagoma dell'edificio cui è connessa, in ragione della sua inidoneità a modificare la destinazione d'uso degli spazi esterni interessati, della sua facile e completa rimuovibilità, dell'assenza di tamponature verticale e della facile rimuovibilità della copertura orizzontale (addirittura retraibile a mezzo di motore elettrico).

Un pergolato aperto su più lati e con una copertura in gran parte assicurata da tende amovibili non costituisce un volume urbanistico.

Il pergolato , rilevante ai fini edilizi, deve essere inteso come un manufatto avente natura ornamentale, realizzato in struttura leggera di legno o altro materiale di minimo peso, facilmente amovibile in quanto privo di fondamenta, che funge da sostegno per piante rampicanti, a mezzo delle quali realizzare riparo e/o ombreggiatura di superfici di modeste dimensioni; di conseguenza non è riconducib... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...zione di pergolato una struttura costituita da pilastri e travi in legno di importanti dimensioni, tali da rendere la struttura solida e robusta e da farne presumere una permanenza prolungata nel tempo.

Il pergolato rilevante ai fini edilizi deve essere inteso come un manufatto avente natura ornamentale, realizzato in struttura leggera o altro materiale di minimo peso, facilmente amovibile, in quanto privo di fondamenta, che funge da sostegno per piante rampicanti, a mezzo delle quali realizzare riparo e/o ombreggiature di superfici di modeste dimensioni; di conseguenza non è riconducibile alla nozione di pergolato una struttura costituita da pilastri e travi in legno di importante dimensione, tali da rendere la struttura solida e robusta e da farne presumere una permanenza prolungata nel tempo.

L'assenza di una definizione normativa di "pergolato" non esclude la valutazione dell'amministrazione in ordine alla riconducibilità di un manufatto a tale tipologia, né il successivo sindacato del giudice sulla legittimità della stessa, sotto il profilo del vizio di eccesso di potere per illogicità, irragionevolezza, insufficienza e/o contraddittorietà della motivazione.

Il "pergolato", rilevante ai f... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ..., può essere inteso come un manufatto avente natura ornamentale, realizzato in struttura leggera di legno o altro materiale di minimo peso, facilmente amovibile in quanto privo di fondamenta, che funge da sostegno per piante rampicanti, attraverso le quali realizzare riparo e/o ombreggiatura di superfici di modeste dimensioni.

Una struttura costituita da pilastri e travi in legno di importanti dimensioni, tali da rendere la struttura solida e robusta e da farne presumere una permanenza prolungata nel tempo, non può essere ricondotta alla nozione di "pergolato".

Rientra nella nozione di "pergolato" la struttura precaria, facilmente rimovibile, costituita da una intelaiatura in legno non infissa al pavimento né alla parete dell'immobile (cui è solo addossata), non chiusa in alcun lato, compreso quello di copertura.

La "gabbia" di metallo, ancorché non definita da parerti "piene", non può essere ritenuta un pergolato e, quindi, opera non rilevante sotto il profilo edilizio.

Il berceau è una struttura precaria e semplicemente poggiata al suolo, facilmente amovibile, non idonea a creare nuovi volumi e quindi a determinare la «trasformazione urbanistica ed edilizia del te... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...quo;, che ai sensi dell'art. 10 del D.P.R. 380/2001 impone il permesso di costruire.

Il semplice pergolato, appoggiato al suolo, non richiede titolo edilizio, trattandosi di struttura rimuovibile e priva di pareti.

Il gazebo-pergola, se realizzato con cordolo in muratura finalizzato al sostegno di una struttura portante in travi e pilastri lignei con copertura a falda inclinata, non costituisce mero elemento di arredo del giardino, rientrando piuttosto, per l'impatto edilizio che la stesso riveste, nell'ambito della categoria della nuova costruzione.

Il berceau è definibile come un'opera edilizia consistente in un pergolato (solitamente in legno) coperto da piante rampicanti, il cui aspetto caratteristico risiede nella mancanza di pareti e di una copertura impermeabile, in quanto si tratta di una struttura leggera nella quale deve essere garantito un rapporto di continuità con lo spazio esterno.

OPERE ED INTERVENTI --> CASISTICA --> POMPEIANE

La creazione, mediante copertura della pompeiana e aggiunta di strutture metalliche coperte, di un autonomo organismo edilizio di rilevanti dimensioni, stabilmente destinato a sala da pranzo di un locale, deve essere qualificata come nuova opera p... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...nza e funzione di ampliamento del locale dal punto di vista della volumetria e della superficie utile commerciale.

La pompeiana, a prescindere dai materiali usati e dalle concrete categorie definitorie (porticato, pergolato, gazebo, berceau, dehor), è caratterizzata dal dover essere una struttura costruttiva leggera e aperta, la cui copertura (teli, rampicanti, assi distanziate) deve consentire di fare filtrare l'aria e la luce, assolvendo a finalità di ombreggiamento e di protezione nel passaggio o nella sosta delle persone, in soluzione di continuità con lo spazio circostante e senza creare interruzione dimensionale dell'ambiente in cui è installata.

La pompeiana, a prescindere dai materiali usati e dalle concrete categorie applicative (porticato, pergolato, gazebo, berceau, dehor), è caratterizzata dal dover essere una struttura costruttiva leggera e aperta, la cui copertura (teli, rampicanti, assi distanziate) deve consentire di fare filtrare l'aria e la luce, assolvendo a finalità di ombreggiamento e di protezione nel passaggio o nella sosta delle persone, in soluzione di continuità con lo spazio circostante e senza creare interruzione dimensionale dell'ambiente in cui è installata.
... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...aspetto tipico della pompeiana risiede nella mancanza di pareti e di una copertura integrale assimilabile ad un tetto o solaio, che si viene invece a concretizzare con una copertura impermeabile in polietilene o tegole e quant'altro che la faccia configurare come volume edilizio.

La «pompeiana» è un manufatto edilizio, di norma in legno o in materiale ferroso, costituito da un insieme di travi intervallate, di sagoma e dimensioni variabili, e sorretto da pilastri o da muri: una sorta di pergola, dunque, ma adatta a realizzare uno spazio aperto ma protetto, piuttosto che destinato all'appoggio di piante.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI