Carrello
Carrello vuoto



Adempimenti, contenuti e forma relativi al provvedimento di acquisizione sanante


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:OCCUPAZIONI ED ESPROPRI ILLEGITTIMI PER PUBBLICA UTILITÀ
anno:2019
pagine: 7956 in formato A4, equivalenti a 13525 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 50,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!

Avvocato, Responsabile Servizio Espropri Amministrazione provinciale di Catanzaro

PATOLOGIA --> OPERA PUBBLICA --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> ACQUISIZIONE SANANTE --> ART. 42 BIS DPR 327/2001 --> PROVVEDIMENTO --> ADEMPIMENTI PRECEDENTI ALLA EMANAZIONE

Non vi è l'obbligo per l'Amministrazione di tentare accordi negoziali preliminarmente all'adozione del provvedimento ex art. 42-bis, quando ogni trattativa negoziale si risolverebbe in un mero incombente formale, destinato all'insuccesso in quanto le posizioni delle parti sul valore da attribuire al bene sono assai distanti.

PATOLOGIA --> OPERA PUBBLICA --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> ACQUISIZIONE SANANTE --> ART. 42 BIS DPR 327/2001 --> PROVVEDIMENTO --> ADEMPIMENTI PRECEDENTI ALLA EMANAZIONE --> CONTRADDITTORIO

L'omissione della comunicazione di avvio del procedimento preordinato all'acquisizione sanante deve essere apprezzata in termini sostanziali e non meramente formali, in particolare quando nel corso del procedimento espropriativo non portato a termine, di cui l'acquisizione sanante costituisce una inevitabile appendice, sia stata già assicurata ampia partecipazione al proprietario il quale abbia ivi potuto offrire il proprio contributo e presentare osservazioni e/o richieste. È evidente come, nell'ip... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...itta, attesa l'identità sotto il profilo contenutistico dei due procedimenti, non si ponga alcun obbligo di una nuova e autonoma comunicazione di avvio del procedimento.

Anche a ritenere che l'atto ex art. 42-bis, d.P.R. 8 giugno 2001, n. 327 vada preceduto dalla comunicazione di avvio del procedimento, al fine di consentire al privato di interloquire attivamente con l'Autorità pubblica per l'esercizio dei propri diritti partecipativi, tale presidio partecipativo non è comunque necessario allorché la possibilità di un provvedimento di acquisizione ex art. 42-bis del cit. d.P.R. n. 327 del 2001 sia stata prefigurata in sede giudiziale, atteso che in questa ipotesi il privato è reso edotto dell'eventuale avvio del relativo iter, con conseguente possibilità di attivarsi facendo constare all'Amministrazione gli elementi che, a suo dire, condizionerebbero negativamente l'esercizio di tale facoltà, ovvero i parametri cui l'Amministrazione (sempre ad avviso del privato) dovrebbe conformarsi.

Il contraddittorio preordinato all'adozione del provvedimento di acquisizione sanante ex art. 42-bis può essere omesso ai sensi dell'art. 21 octies della legge 241/1990 quando consti la improrogabile necess... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...di mettere in funzione l'opera pubblica [nella fattispecie di aprire la strada al traffico veicolare], nonché consti l'impossibilità di pervenire a soluzioni differenti e/o concordate con il proprietario dell'area oggetto di acquisizione.

Il provvedimento di acquisizione sanante deve essere preceduto da contraddittorio e adeguatamente motivato.

L'obbligo di comunicazione di avvio del procedimento si applica al procedimento ex art. 42 bis del DPR 327 del 2001, che sfocia in un provvedimento squisitamente discrezionale, nell'an (la scelta di acquisire o meno il bene) e nel quantum (la quantificazione dell'indennizzo). Non muta la situazione la circostanza che l'ordine di pronunciarsi sull'acquisizione derivi da una sentenza, dato che detta sentenza non può che disporre l'esercizio del potere discrezionale previsto dalla norma citata. Si tratta quindi di un procedimento autonomo che non può che richiedere la partecipazione procedimentale.

PATOLOGIA --> OPERA PUBBLICA --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> ACQUISIZIONE SANANTE --> ART. 42 BIS DPR 327/2001 --> PROVVEDIMENTO --> ADEMPIMENTI PRECEDENTI ALLA EMANAZIONE --> TRATTATIVE

Il provvedimento di acquisizione sanante non deve ess... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...riamente preceduto da iniziative volte alla cessione bonaria del terreno, poiché la stipula di un tale atto traslativo è subordinata alla libera volontà di entrambe le parti, mentre l'art. 42 bis del testo unico sugli espropri ha articolato un articolato procedimento, che non presuppone l'avvio di 'trattative'.

PATOLOGIA --> OPERA PUBBLICA --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> ACQUISIZIONE SANANTE --> ART. 42 BIS DPR 327/2001 --> PROVVEDIMENTO --> ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALLA EMANAZIONE

Il provvedimento di acquisizione del bene illegittimamente occupato deve essere notificato al proprietario e comporta il passaggio del diritto di proprietà, sotto condizione sospensiva del pagamento delle somme dovute ovvero del loro deposito effettuato ai sensi dell'art. 20, comma 14, D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327; è soggetto a trascrizione presso la conservatoria dei registri immobiliari a cura dell'amministrazione procedente ed è trasmesso in copia all'ufficio istituito ai sensi dell'art. 14, comma 2, D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, nonché comunicato, entro trenta giorni, alla Corte dei conti, mediante trasmissione di copia integrale.

Il provvedimento di acquisizione ex art. 42 bis DPR 327/20... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ere notificato al proprietario, è soggetto a trascrizione presso la conservatoria dei registri immobiliari a cura dell'amministrazione procedente, deve essere trasmesso in copia all'ufficio istituito ai sensi dell'art. 14, comma 2, D.P.R. 8 giugno 2001 n. 327, nonché comunicato, entro trenta giorni alla Corte dei conti, mediante trasmissione di copia integrale.

Il provvedimento di acquisizione sanante ex art. 42 DPR 327/2001 deve essere notificato ai proprietari ed è soggetto a trascrizione presso la conservatoria dei registri immobiliari a cura dell'amministrazione procedente; deve essere trasmesso in copia all'ufficio istituito ai sensi dell'art. 14, comma 2, D.P.R. 8 giugno 2001 n. 327, nonché comunicato, entro trenta giorni, alla Corte dei conti, mediante trasmissione di copia integrale.

Il provvedimento di acquisizione ex art. 42 bis DPR 327/2001 del bene illegittimamente occupato, deve essere essere notificato ai proprietari, è soggetto a trascrizione presso la conservatoria dei registri immobiliari a cura dell'amministrazione procedente e trasmesso in copia all'ufficio istituito ai sensi dell'art. 14, comma 2, D.P.R. 8 giugno 2001 n. 327, nonché comunicato, entro trenta giorni, alla Corte dei Conti, m... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...smissione di copia integrale, ai sensi del comma 7 dell'art. 42 bis del precitato D.P.R. n. 327 del 2001.

Il provvedimento di acquisizione ex art. 42 bis DPR 327/2001 deve essere notificato ai proprietari e comporta il passaggio del diritto di proprietà sotto condizione sospensiva del pagamento delle somme dovute, ovvero del loro deposito effettuato ai sensi dell'art. 20, comma 14, D.P.R. 8 giugno 2001 n. 327. E' soggetto a trascrizione presso la conservatoria dei registri immobiliari a cura dell'amministrazione procedente ed è trasmesso in copia all'ufficio istituito ai sensi dell'art. 14, comma 2, D.P.R. 8 giugno 2001 n. 327, nonché comunicato, entro trenta giorni, alla Corte dei conti, mediante trasmissione di copia integrale.

La determinazione con la quale la competente Autorità dispone l'acquisizione del bene occupato sine titulo deve formare oggetto di notificazione nei confronti dei proprietari e comporta il passaggio del diritto di proprietà sotto condizione sospensiva del pagamento delle somme dovute, ovvero del loro deposito effettuato ai sensi dell'art. 20, comma 14, D.P.R. 8 giugno 2001 n. 327; tale atto è soggetto a trascrizione presso la conservatoria dei registri immobiliari a cura dell'ammin... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...procedente e viene, inoltre, inviato in copia all'ufficio istituito ai sensi dell'art. 14, comma 2, D.P.R. 8 giugno 2001 n. 327 e comunicato, entro trenta giorni, alla Corte dei Conti, mediante trasmissione di copia integrale.

Il provvedimento di acquisizione del bene occupato senza titolo deve essere notificato al proprietario ed è soggetto a trascrizione presso la conservatoria dei registri immobiliari a cura dell'Amministrazione procedente: è trasmesso in copia all'ufficio istituito ai sensi dell'art. 14, comma 2, del D.P.R. n. 327 del 2001, nonché comunicato, entro trenta giorni, alla Corte dei Conti mediante trasmissione di copia integrale.

Il provvedimento di acquisizione del bene ex art. 42 bis DPR 327/2001 deve essere notificato ai proprietari e comporta il passaggio del diritto di proprietà sotto condizione sospensiva del pagamento delle somme dovute, ovvero del loro deposito effettuato ai sensi dell'art. 20, n. 14, d.P.R. 8 giugno 2001 n. 327, essendo soggetto a trascrizione presso la conservatoria dei registri immobiliari a cura dell'amministrazione procedente.

Il provvedimento di acquisizione sanante ex art. 42 bis DPR 327/2001, deve essere notificato al proprietario e comporta il passaggio del ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...proprietà sotto condizione sospensiva del pagamento delle somme dovute ai sensi del comma 1, ovvero del loro deposito effettuato ai sensi dell'articolo 20, comma 14; è soggetto a trascrizione presso la conservatoria dei registri immobiliari a cura dell'amministrazione procedente ed è trasmesso in copia all'ufficio istituito ai sensi dell'articolo 14, comma 2.

Il provvedimento di acquisizione del bene occupato senza titolo deve essere notificato al proprietario ed è soggetto a trascrizione presso la conservatoria dei registri immobiliari a cura dell'Amministrazione procedente: è trasmesso in copia all'ufficio istituito ai sensi dell'art. 14, comma 2, del D.P.R. n. 327 del 2001, nonché comunicato, entro trenta giorni, alla Corte dei Conti mediante trasmissione di copia integrale.

Il provvedimento di acquisizione sanante ex art. 42 bis DPR 327/2001 deve essere notificato al proprietario e comporta il passaggio del diritto di proprietà sotto condizione sospensiva del pagamento delle somme dovute, ovvero del loro deposito effettuato ai sensi dell'art. 20, comma 14, D.P.R. 8 giugno 2001 n. 327. E' soggetto a trascrizione presso la conservatoria dei registri immobiliari a cura dell'amministrazione proceden... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ave; trasmesso in copia all'ufficio istituito ai sensi dell'art. 14, comma 2, D.P.R. 8 giugno 2001 n. 327, nonché comunicato, entro trenta giorni, alla Corte dei conti, mediante trasmissione di copia integrale.

Il provvedimento di acquisizione ex art. 42 bis DPR 327/2001 deve essere notificato al proprietario e comporta il passaggio del diritto, sotto condizione sospensiva del pagamento delle somme dovute ovvero del loro deposito effettuato ai sensi dell'art. 20, comma 14, D.P.R. 8 giugno 2001 n. 327. E' soggetto a trascrizione presso la conservatoria dei registri immobiliari, a cura dell'amministrazione procedente ed è trasmesso in copia all'ufficio istituito ai sensi dell'art. 14, comma 2, D.P.R. 8 giugno 2001 n. 327, nonché comunicato, entro trenta giorni, alla Corte dei conti, mediante trasmissione di copia integrale.

Una volta emanato il provvedimento di acquisizione ex art. 42 bis DPR 327/2001 e disposto il pagamento in favore del proprietario della somma determinata quale valore del bene, l'Amministrazione dovrà provvedere alla trascrizione presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari del passaggio del diritto di proprietà.

Il provvedimento acquisitivo ex art. 42 bis DPR 327/2001 deve es... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...cato ai proprietari e comporta il passaggio del diritto di proprietà sotto condizione sospensiva del pagamento delle somme dovute, ovvero del loro deposito effettuato ai sensi dell'art.20, comma 14, del D.P.R. n.327 del 2001; è soggetto a trascrizione presso la conservatoria dei registri immobiliari a cura dell'Amministrazione procedente ed è trasmesso in copia all'ufficio istituito ai sensi dell'art. 14, comma 2, del D.P.R. n.327 del 2001, nonché comunicato, entro trenta giorni, alla Corte dei conti mediante trasmissione di copia integrale.

Le somme quantificate nel provvedimento di acquisizione ex art. 42 bis DPR 327/2001, se non accettate, devono essere depositate presso la Cassa depositi e prestiti S.p.a. e l'Autorità potrà comunque adottare il provvedimento di acquisizione, da trascriversi presso la conservatoria dei registri immobiliari e trasmettersi alla Corte dei Conti.

Il provvedimento di acquisizione sanante ex art. 42 bis DPR 327/2001 è soggetto a trascrizione presso la conservatoria dei registri immobiliari a cura dell'amministrazione procedente ed è trasmesso in copia all'ufficio istituito ai sensi dell'art. 14, comma 2, D.P.R. 8 giugno 2001 n. 327, nonché comunicato, ent... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...iorni, alla Corte dei conti, mediante trasmissione di copia integrale.

Il provvedimento di acquisizione sanante ex art. 42 bis DPR 327/2001, è soggetto a trascrizione presso la conservatoria dei registri immobiliari a cura dell'amministrazione procedente ed è trasmesso in copia all'ufficio istituito ai sensi dell'art. 14, comma 2, D.P.R. 8 giugno 2001 n. 327, nonché comunicato, entro trenta giorni, alla Corte dei conti, mediante trasmissione di copia integrale.

Il provvedimento di acquisizione ex art. 42 bis DPR 327/2001 deve essere notificato a parte proprietaria e comporta il passaggio del diritto di proprietà sotto condizione sospensiva del pagamento delle somme dovute, ovvero del loro deposito effettuato ai sensi dell'art.20, comma 14, del D.P.R. n.327 del 2001, è soggetto a trascrizione presso la conservatoria dei registri immobiliari a cura dell'Amministrazione procedente ed è trasmesso in copia all'ufficio istituito ai sensi dell'art. 14, comma 2, del D.P.R. n.327 del 2001, nonché comunicato, entro trenta giorni, alla Corte dei conti mediante trasmissione di copia integrale.

Ai fini dell'emanazione del provvedimento di acquisizione sanante, l'amministrazione procedente è... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...'osservanza di quanto previsto dall'art. 42-bis del d.P.R. n. 327/2001 e s.m.i., in particolare, al comma 4 ed al comma 7.

PATOLOGIA --> OPERA PUBBLICA --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> ACQUISIZIONE SANANTE --> ART. 42 BIS DPR 327/2001 --> PROVVEDIMENTO --> ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALLA EMANAZIONE --> INVIO CORTE DEI CONTI

L'ordinamento non può che qualificare come secundum ius il provvedimento di acquisizione, che in quanto tale salvaguardi l'opera pubblica ed eviti lo spreco del denaro pubblico. Infatti, la responsabilità – di cui i funzionari rispondono innanzi alla Corte dei Conti – non è quella della emanazione del provvedimento di acquisizione (valutato con favore dal sistema, per l'adeguamento della situazione di fatto a quella di diritto), ma di coloro che hanno fatto sì che si arrivasse all'occupazione del bene altrui, con la costruzione dell'opera, in assenza del valido ed efficace decreto di esproprio.

Va valorizzata nella giusta misura la previsione del comma 7 dell'art. 42-bis del T.U. sulle espropriazioni, in base alla quale «[l]'autorità che emana il provvedimento di acquisizione […] ne dà comunicazione, entro trenta giorni, alla Corte d... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...quo;. Questo richiamo alle possibili conseguenze per i funzionari che, nel corso della vicenda espropriativa, si siano discostati dalle regole di diligenza previste dall'ordinamento risponde, infatti, ad un invito della stessa Corte EDU (sempre sentenza 6 marzo 2007, Scordino contro Italia), secondo cui «lo Stato convenuto dovrebbe scoraggiare le pratiche non conformi alle norme degli espropri in buona e dovuta forma, adottando misure dissuasive e cercando di individuare le responsabilità degli autori di tali pratiche».

In caso di acquisizione sanante del bene l'Amministrazione deve ottemperare a quanto disposto dal comma 7 dell'art. 42 bis DPR 327/2001, a norma del quale "l'Autorità che emana il provvedimento di acquisizione di cui al presente articolo ne dà comunicazione, entro trenta giorni, alla Corte dei conti mediante trasmissione di copia integrale".

L'Amministrazione, nel caso ritenga di dover procedere all'acquisizione del fondo illegittimamente occupato, dovrà ottemperare a quanto disposto dal comma 7 dell'art. 42 bis DPR 327/2001 nella parte in cui dispone che "l'Autorità che emana il provvedimento di acquisizione di cui al presente articolo ne dà comunicazione, entro trenta giorni, al... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...i conti mediante trasmissione di copia integrale".

Il provvedimento acquisitivo ex art. 42 bis DPR 327/2001, entro trenta giorni va anche comunicato alla Corte dei Conti (comma 7).

Il provvedimento di cui all'art.42 bis DPR 327/2001 deve essere comunicato alla Corte dei Conti entro trenta giorni (comma 7).

PATOLOGIA --> OPERA PUBBLICA --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> ACQUISIZIONE SANANTE --> ART. 42 BIS DPR 327/2001 --> PROVVEDIMENTO --> ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALLA EMANAZIONE --> TRASCRIZIONE --> OPPONIBILITÀ A TERZI

Ai sensi dell'art. 42 bis DPR 327/2001, l'acquisto della proprietà da parte della PA utilizzatrice senza titolo di un bene privato per scopi di interesse pubblico consegue non già al semplice decreto (come avviene nel caso del decreto di espropriazione ordinario), bensì ad una fattispecie complessa, costituita sia dall'adozione del provvedimento formale che dal pagamento del prezzo in esso determinato. Rispetto a tale schema, la trascrizione del provvedimento diviene necessariamente una condizione di opponibilità ai terzi dell'acquisto, quanto meno in termini di decorrenza nei loro confronti della relativa efficacia.

Qualora non sia in... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...a trascrizione del decreto di acquisizione sanante prima della notifica di ordine di sgombero dell'area occupata da terzi, il presupposto motivazionale di quest'ultimo provvedimento (ovvero che l'area sia stata occupata senza titolo ) è insussistente, perché al momento dell'adozione dell'ordine di sgombero non è ancora definito in termini di percepibilità certa da parte dell'occupante, il regime proprietario dell'area.

PATOLOGIA --> OPERA PUBBLICA --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> ACQUISIZIONE SANANTE --> ART. 42 BIS DPR 327/2001 --> PROVVEDIMENTO --> CONTENUTO

L'omissione nel provvedimento di acquisizione sanante della data in cui ha avuto inizio l'indebita utilizzazione dell'area, non è viziante, così come la omessa specifica motivazione in ordine a mancato ricorso alla compravendita dell'area.

L'art. 42-bis del T.U. sostituisce il regolare procedimento ablativo prefigurato dal T.U. sulle espropriazioni, e si pone, a sua volta, come una sorta di procedimento espropriativo semplificato, che assorbe in sé sia la dichiarazione di pubblica utilità, sia il decreto di esproprio, e quindi sintetizza uno actu lo svolgimento dell'intero procedimento, in presenza dei pres... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...icati dalla norma.

Il provvedimento di acquisizione del bene illegittimamente occupato deve recare l'indicazione delle circostanze che hanno condotto all'indebita utilizzazione dell'area e la data dalla quale essa ha avuto inizio e deve specificamente motivare sulle attuali ed eccezionali ragioni di interesse pubblico che ne giustificano l'emanazione, valutate comparativamente con i contrapposti interessi privati ed evidenziando l'assenza di ragionevoli alternative alla sua adozione.

Il provvedimento di acquisizione ex art. 42 bis DPR 327/2001 deve recare l'indicazione delle circostanze che hanno condotto all'indebita utilizzazione dell'area e la data dalla quale essa ha avuto inizio e deve specificamente motivare sulle attuali ed eccezionali ragioni di interesse pubblico che ne giustificano l'emanazione, valutate comparativamente con i contrapposti interessi privati ed evidenziando l'assenza di ragionevoli alternative alla sua adozione.

Riguardo alla presunta "mancanza di efficacia" del provvedimento di acquisizione ex art. 42 bis D.P.R. 327/2001, dedotta sul presupposto della mancata previsione che il pagamento sia eseguito nei successivi trenta giorni, va rilevato che il comma 4 dell'art. 42 bis, nella parte in cui prevede che "... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...egrave; liquidato l'indennizzo di cui al comma 1 e ne è disposto il pagamento entro il termine di trenta giorni" si impone quale norma in funzione di eterointegrazione del contenuto del provvedimento, anche a prescindere da ogni previsione specifica, avendo in ogni caso l'atto "efficacia traslativa" seppure, come attestato dallo stesso comma 4, sottoposta alla condizione sospensiva dell'effettivo pagamento delle somme dovute o del loro deposito effettuato ai sensi dell'art. 20 comma 14 dello stesso DPR 327/2001.

Il provvedimento di acquisizione sanante ex art. 42 bis DPR 327/2001 deve recare l'indicazione delle circostanze che hanno condotto all'indebita utilizzazione dell'area e la data dalla quale essa ha avuto inizio e deve specificamente motivare sulle attuali ed eccezionali ragioni di interesse pubblico che ne giustificano l'emanazione, valutate comparativamente con i contrapposti interessi privati ed evidenziando l'assenza di ragionevoli alternative alla sua adozione.

E' del tutto irrilevante, a fini applicativi dell'art. 42 bis DPR 327/2001, la presunta mancata indicazione della data in cui sarebbe iniziata l'indebita utilizzazione, qualora il provvedimento abbia con chiarezza ricostruito il percorso procedimentale nonché lo s... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...to del bene e dell'opera ivi realizzata.

Il fatto che il passaggio del diritto di proprietà avvenga sotto condizione sospensiva del pagamento delle somme dovute, ovvero del loro deposito, costituisce automatica conseguenza della previsione normativa applicabile (art. 42 bis, c. 4, secondo periodo, d.p.r. n. 327/2001) e non è quindi necessario che di ciò venga dato atto nel decreto di acquisizione.

Nel solco di una consolidata giurisprudenza fortemente orientata nel senso di un progressivo depotenziamento della forza caducante dei vizi formali degli atti amministrativi, l'inciso contenuto nel 4° comma dell'art. 42 bis DPR 327/2001, non vale a sanzionare d'invalidità il provvedimento che abbia omesso di indicare le circostanze che hanno condotto all'indebita utilizzazione del bene, tenuto anche conto che dagli atti della procedura espropriativa è ben possibile ricavare le ragioni che hanno indotto la p.a. ad attivare la procedura espropriativa restando, al più, prive di puntuali indicazione le ragioni che hanno impedito la tempestiva conclusione del procedimento espropriativo, circostanze che, tuttavia, lungi dal determinare per ciò solo l'illegittimità del provvedimento impugnato, potranno e... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...to di indagine da parte della Procura regionale della Corte dei conti.

Il provvedimento di acquisizione ex art. 42 bis DPR 327/2001 deve recare l'indicazione delle circostanze che hanno condotto all'indebita utilizzazione dell'area e la data dalla quale essa ha avuto inizio e dovrà specificamente motivare sulle attuali ed eccezionali ragioni di interesse pubblico che ne giustificano l'emanazione, valutate comparativamente con i contrapposti interessi privati ed evidenziando l'assenza di ragionevoli alternative alla sua adozione.

Il provvedimento di acquisizione del bene occupato senza titolo deve recare l'indicazione delle circostanze che hanno condotto all'indebita utilizzazione dell'area e la data dalla quale essa ha avuto inizio e dovrà specificamente motivare sulle attuali ed eccezionali ragioni di interesse pubblico che ne giustificano l'emanazione, valutate comparativamente con i contrapposti interessi privati ed evidenziando l'assenza di ragionevoli alternative alla loro adozione.

Il provvedimento di acquisizione ex art. 42 bis DPR 327/2001, deve recare l'indicazione delle circostanze che hanno condotto all'indebita utilizzazione dell'area e la data dalla quale essa ha avuto inizio e dovranno specificamente motiva... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...tuali ed eccezionali ragioni di interesse pubblico che ne giustificano l'emanazione, valutate comparativamente con i contrapposti interessi privati ed evidenziando l'assenza di ragionevoli alternative alla sua adozione.

Il provvedimento di acquisizione del bene ex art. 42 bis DPR 327/2001, deve recare l'indicazione delle circostanze che hanno condotto all'indebita utilizzazione dell'area e la data dalla quale essa ha avuto inizio.

Il provvedimento di acquisizione sanante ex art. 42 bis DPR 327/2001, deve recare l'indicazione delle circostanze che hanno condotto all'indebita utilizzazione dell'area e se possibile la data dalla quale essa ha avuto inizio, deve essere specificamente motivato in riferimento alle attuali ed eccezionali ragioni di interesse pubblico che ne giustificano l'emanazione, valutate comparativamente con i contrapposti interessi privati ed evidenziando l'assenza di ragionevoli alternative alla sua adozione; nell'atto è liquidato l'indennizzo di cui al comma 1 e ne è disposto il pagamento entro il termine di trenta giorni.

Il provvedimento di acquisizione sanante ex art. 42 bis DPR 327/2001 deve recare l'indicazione delle circostanze che hanno condotto all'indebita utilizzazione dell'area e la data dall... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...a ha avuto inizio e deve specificamente motivare sulle attuali ed eccezionali ragioni di interesse pubblico che ne giustificano l'emanazione, valutate comparativamente con i contrapposti interessi privati ed evidenziando l'assenza di ragionevoli alternative alla sua adozione.

Il provvedimento acquisitivo ex art. 42 bis DPR 327/2001 deve recare l'indicazione delle circostanze che hanno condotto all'indebita utilizzazione dell'area e la data dalla quale essa ha avuto inizio e deve specificamente motivare sulle attuali ed eccezionali ragioni di interesse pubblico che ne giustificano l'emanazione, valutate comparativamente con i contrapposti interessi privati ed evidenziando l'assenza di ragionevoli alternative alla sua adozione.

Il provvedimento di acquisizione sanante ex art. 42 bis DPR 327/2001, deve recare l'indicazione delle circostanze che hanno condotto all'indebita utilizzazione dell'area e la data dalla quale essa ha avuto inizio e dovrà specificamente motivare sulle attuali ed eccezionali ragioni di interesse pubblico che ne giustificano l'emanazione, valutate comparativamente con i contrapposti interessi privati ed evidenziando l'assenza di ragionevoli alternative alla sua adozione.

Il provvedimento acquisitivo ex art. ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...327/2001 deve recare l'indicazione delle circostanze che hanno condotto all'indebita utilizzazione dell'area e la data dalla quale la stessa ha avuto inizio, e deve specificamente motivare sulle attuali ed eccezionali ragioni d'interesse pubblico che ne giustificano l'emanazione, valutate comparativamente con i contrapposti interessi privati ed evidenziare l'assenza di ragionevoli alternative alla sua adozione.

PATOLOGIA --> OPERA PUBBLICA --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> ACQUISIZIONE SANANTE --> ART. 42 BIS DPR 327/2001 --> PROVVEDIMENTO --> FORMA

La relazione di stima propedeutica al provvedimento di acquisizione sanante, in alcun modo può considerarsi quale provvedimento implicito di adozione del medesimo provvedimento, avuto riguardo agli elementi essenziali del provvedimento di acquisizione sanante ed in particolare all'imprescindibile contenuto della sua motivazione, che debbono portare a ritenere che lo stesso non sia surrogabile da alcun altro atto e che non possa intendersi adottato per facta concludentia, dovendo il provvedimento di acquisizione sanante considerarsi come extrema ratio.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI