Carrello
Carrello vuoto



Occupazione di beni pubblici: stato di necessità


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL CODICE DEGLI ABUSI DEMANIALI
anno:2018
pagine: 1121 in formato A4, equivalenti a 1906 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 30,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


DEMANIO E PATRIMONIO --> ABUSI DEI PRIVATI --> STATO DI NECESSITÀ

Lo stato di necessità non giustifica l'occupazione sine titolo degli alloggi di edilizia residenziale pubblica e non può essere nemmeno invocato per contrastare il provvedimento di sgombero adottato dalla P.A., che prescinde da ogni accertamento circa la sussistenza degli elementi oggettivi e soggettivi di un fatto illecito, in quanto funzionalmente teso al solo recupero degli immobili facenti parte del patrimonio pubblico al precipuo fine di consentire il loro corretto utilizzo in base alle procedure di legge.

L'occupazione dell'immobile pubblico protrattasi per anni non è resa legittima o meno grave dall'eventuale condizione di indigenza che spinse all'inizio l'occupante all'occupazione stessa.

Lo stato di indigenza e di mancanza di abitazione non può portare al rigetto dell'azione di rilascio svolta dall'ente pubblico proprietario laddove l'occupante non dimostri che tale assoluta impossibilità non si è protratta oltre il tempo ragionevolmente necessario a reperire una qualunque attività lavorativa e che abbia posto in essere tutto quello che l'ordinaria diligenza imponeva per reperire un'attivit&agrav... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...va o comunque un'altra abitazione.

Il diritto all'abitazione non elimina l'esigenza di dover corrispondere un giusto canone per l'utilizzazione di un alloggio di servizio detenuto senza titolo.

L'intento di aiutare un parente a prelevare i bagagli dalla sua autovettura, non abilitata ad accedere nell'area portuale, e trasportarli sulla barca ormeggiata nel porto, non costituisce stato di necessità ai fini giustificativi della violazione delle norme sulla sosta e sulla circolazione degli autoveicoli, esulando la finalità diportistica dal novero dei beni atti a scriminare, ex art. 54 c.p., la condotta illecita posta in essere.

In materia di occupazione sine titulo di un alloggio E.R.P., lo stato di necessità può essere invocato soltanto per un pericolo attuale e transitorio e non certo per sopperire alla necessità di trovare un alloggio al fine di risolvere, in via definitiva, la propria esigenza abitativa, anche perché, diversamente opinando si finirebbe con l'ammettere che il diritto di proprietà del terzo possa essere compresso in permanenza e si darebbe vita ad un'ipotesi di esproprio senza indennizzo o, comunque, un'alterazione della destinazione della proprietà al di fuori di... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...dura legale o convenzionale.

L'osservanza dei principi fondamentali della Carta costituzionale non può condurre alla vanificazione della tutela apprestata ad altri interessi di pari rango (quali la sicurezza pubblica, minacciata da gravi fenomeni di criminalità), alla quale è finalizzata la misura patrimoniale della confisca.

Il protrarsi dell'occupazione abusiva di un immobile non può essere giustificato dalla necessità di assistenza di una persona invalida se questa è titolare di altre unità immobiliari nel medesimo Comune.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI