Carrello
Carrello vuoto



La proroga amministrativa dell'occupazione d'urgenza


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:OCCUPAZIONE LEGITTIMA DI BENI PRIVATI PER PUBBLICA UTILITÀ
anno:2018
pagine: 1271 in formato A4, equivalenti a 2161 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 35,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


OCCUPAZIONE --> DURATA OCCUPAZIONE --> PROROGA

Non sussiste un obbligo di particolare motivazione in ordine ai provvedimenti di proroga della occupazione d' urgenza, essendo sufficiente la prospettazione della necessità di avere a disposizione un maggiore tempo per il perfezionamento della procedura espropriativa, coerentemente del resto con il principio secondo cui il carattere latamente discrezionale della fissazione del termine massimo di occupazione del bene soggetto ad esproprio esonera l'amministrazione procedente dal dovere di una specifica motivazione.

Le proroghe dei termini di cui alle L. 1 marzo 1985, n. 42, L. 29 febbraio 1988, n. 47, L. 20 maggio 1991, n. 158 vanno riferite, con effetto retroattivo, oltre i confini segnati ai termini di scadenza delle sole occupazioni d'urgenza, e dunque, anche, al termine per l'emissione del decreto di esproprio, essendo diversamente inconcepibile il legittimo perdurare di un regime occupatorio temporaneo senza il corrispondente slittamento dei termini utili per l'emissione del decreto definitivo di esproprio.

OCCUPAZIONE --> DURATA OCCUPAZIONE --> PROROGA --> PROROGA AMMINISTRATIVA

Il provvedimento di proroga dell'efficacia dell'occupazione d'urgenza... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...e; un atto recettizio, attesocchè è idoneo a produrre i suoi effetti nella sfera giuridica dei soggetti espropriati a prescindere dalla conoscenza che ne abbiano questi ultimi, non essendo necessaria per la sua efficacia la collaborazione dei destinatari. Pertanto, risulta sufficiente che il decreto di proroga venga adottato e non anche notificato prima della scadenza dell'efficacia dell'originario provvedimento di occupazione d'urgenza.

Per giurisprudenza univoca in tanto può attribuirsi valenza ai provvedimenti che dispongano la proroga dell'occupazione d'urgenza in quanto non si superi il termine di cinque anni indicato dalla legge quale termine ultimo di legittimità della procedura.

Il potere di proroga dei termini di occupazione nel regime ante TU è previsto testualmente dall'art 20 della L. 865/71 (applicabile ratione temporis), in base al quale l'occupazione di urgenza delle aree da espropriare può essere protratta fino a cinque anni dalla data di immissione nel possesso.

La proroga del termine di occupazione d'urgenza può essere disposto entro il termine massimo di 5 anni fissato dall'art. 20 L. n. 865/1971; ne consegue che se il termine di durata dell'occupazione temporanea in... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...provvedimento è inferiore a detta durata massima nulla può impedire all'amministrazione di prorogarlo, mentre nell'ipotesi in cui detto termine massimo è stato già raggiunto dall'originario decreto di occupazione, ovvero da quello di proroga, ogni ulteriore provvedimento inteso a superare il limite inderogabile imposto dal legislatore esaurisce la sua efficacia allo spirare del termine suddetto.

La proroga delle occupazioni d'urgenza legittimamente è disposta in relazione all'intera opera appaltata; non assume rilevanza la mera circostanza che i lavori interessanti singole aree o particelle siano stati per avventura già eseguiti, non consentendo tale evenienza di frazionare le occupazioni.

Legittimamente è disposta la proroga dell'occupazione d'urgenza di terreni interessati dalla realizzazione di opere, qualora le stesse risultino già eseguite e la disposta proroga sia necessaria per completare e rifinire le opere già realizzate.

OCCUPAZIONE --> DURATA OCCUPAZIONE --> PROROGA --> PROROGA AMMINISTRATIVA --> ISTANZA

Appare pienamente legittimo l'espletamento dell'attività di impulso volta all'emanazione di atti relativi alle procedure espr... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...nel caso di specie istanza di proroga dell'occupazione d'urgenza), ad opera di un soggetto privato esecutore dell'opera pubblica, trattandosi di atti, che, in ogni caso, rimangono, sotto il profilo sostanziale, nella piena disponibilità decisionale della P.A.

OCCUPAZIONE --> DURATA OCCUPAZIONE --> PROROGA --> PROROGA AMMINISTRATIVA --> MOTIVAZIONE

Essendo il decreto di occupazione d'urgenza un atto meramente attuativo rispetto al provvedimento dichiarativo della pubblica utilità dei lavori, l'urgenza e l'indifferibilità degli stessi sono qualità conseguenti all'approvazione del progetto definitivo (ed alla conseguente dichiarazione di pubblica utilità dell'opera) e non vengono meno neppure nell'ipotesi in cui intercorra un elevato lasso di tempo fra l'approvazione del progetto e l'emanazione del decreto di occupazione d'urgenza. Ne consegue che il riferimento alla dichiarazione di pubblica utilità e alla necessità di eseguire lavori, è riferimento che appare più che sufficiente a soddisfare i requisiti di motivazione dell'atto di proroga della occupazione d'urgenza.

Non sussiste un obbligo di particolare motivazione in ordine ai provvedimenti di proroga dell'... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... d' urgenza, essendo sufficiente la prospettazione della necessità di avere a disposizione un maggiore tempo per il perfezionamento della procedura espropriativa, coerentemente del resto con il principio secondo cui il carattere latamente discrezionale della fissazione del termine massimo di occupazione del bene soggetto ad esproprio esonera l'amministrazione procedente dal dovere di una specifica motivazione.

Non sussiste un obbligo di particolare motivazione in ordine ai provvedimenti di proroga dell'occupazione d'urgenza, essendo sufficiente la prospettazione della necessità di avere a disposizione un maggiore tempo per il perfezionamento della procedura espropriativa, coerentemente del resto con il principio secondo cui il carattere latamente discrezionale della fissazione del termine massimo di occupazione del bene soggetto ad esproprio esonera l'Amministrazione procedente dal dovere di una specifica motivazione.

La proroga dell'occupazione d'urgenza è sufficientemente motivata con riferimento alla necessità di un maggior tempo per il completamento della procedura ablativa; ma ciò può valere nei casi in cui lo stato di realizzazione delle opere sia ad uno stadio significativo in relazione alla prevista ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...lla dichiarazione di pubblica utilità. Non così quando la proroga si risolva nel mero procrastinarsi del sacrificio della proprietà privata senza alcuna reale prospettiva di realizzazione dell'intervento pubblico programmato nel termine di validità della dichiarazione di pubblica utilità.

La proroga della disposta occupazione non necessita di una specifica motivazione o una particolare attività istruttoria, visto che, a differenza dell'art. 13 L. n. 2359/1865 in relazione alla proroga dei termini relativi al compimento delle espropriazioni, l'art. 20 l. 865 del 1971 ("l'occupazione può essere protratta fino a cinque anni dalla data di immissione nel possesso"), non lega la possibilità di proroga ad alcun particolare presupposto.

Il provvedimento di proroga dell'occupazione d'urgenza non necessita di una particolare motivazione, essendo sufficiente la prospettazione della necessità di avere a disposizione un maggior periodo di tempo per il perfezionamento della procedura espropriativa.

In ordine alle motivazioni sottese alla proroga dell'efficacia dell'occupazione d'urgenza, va osservato che la proroga finalizzata a consentire alla concessionaria di concludere la procedura ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...va è legittima ove il ritardo non sia imputabile ad inerzia dell'ente espropriante.

Le modifiche apportate al progetto originario e la circostanza che la competente commissione provinciale espropri non determina le stime delle ditte non concordatarie, sono cause che rendono legittima la proroga dell'occupazione d'urgenza, costituendo ostacoli non dipendenti da inerzia dell'ente espropriante, che impediscono la conclusione della procedura espropriativa.

Non è richiesta una particolare motivazione per la proroga dell'occupazione, essendo sufficiente la prospettazione di avere a disposizione un maggior periodo di tempo per il perfezionamento del procedimento in corso; costituiscono pertanto valide motivazioni, oggettive, per la proroga dei suddetti termini, l'annullamento della gara per l'affidamento dei lavori e la necessità di varianti.

L'approvazione di una perizia di variante richiedente modifiche progettuali è circostanza idonea a motivare la proroga dei termini di occupazione d'urgenza.

La proroga dei termini di occupazione è assistita da idonea motivazione qualora sia disposta al fine di consentire la definizione degli atti tecnici, del tipo di frazionamento e dei successivi atti... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...e volontaria delle aree occorse alla realizzazione dell'opera.

Appare eccessivamente restrittivo l'orientamento secondo il quale la proroga dei termini di occupazione sarebbe legittima solo a fronte di sopravvenute necessità imposte da fenomeni imprevedibili, estranei alla volontà e alla disponibilità dell'amministrazione procedente. Ne consegue che la valutazione dei motivi della proroga deve tenere nel debito conto le prioritarie esigenze di interesse pubblico relative al completamento delle opere e dei lavori di pubblica utilità che siano stati già intrapresi, al fine di evitare il blocco degli interventi una volta avviata la trasformazione dei fondi occupati.

La proroga dei termini di efficacia della procedura di occupazione deve essere legittimato dalla esigenza di soddisfare preminenti interessi generali, debitamente esplicitati nella motivazione dell'atto di proroga.

Il riferimento contenuto nella ordinanza di proroga dei termini di efficacia della occupazione finalizzata alla realizzazione di opera idraulica (Acquedotto del Serino), alla particolare complessità dell'opera, all'importanza della stessa ed all'esigenza di completamento dei lavori in corso, valgono a giustificare ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...medesima, in quanto espressivi dei preminenti interessi pubblici soddisfatti con il disposto differimento del termine e ad escludere la necessità dell'attivazione di una nuova procedura, che, al contrario, ritardando l'attuazione delle opere già approvate ed avviate, avrebbe pregiudicato gravemente gli interessi pubblici coinvolti.

Non sussiste un obbligo di particolare motivazione in ordine alla proroga dell'occupazione d'urgenza, entro il quinquennio, essendo sufficiente la prospettazione della necessità di avere a disposizione un maggiore tempo per il perfezionamento della procedura espropriativa.

OCCUPAZIONE --> DURATA OCCUPAZIONE --> PROROGA --> PROROGA AMMINISTRATIVA --> NATURA RECETTIZIA

Come stabilito da copiosa giurisprudenza, gli atti in materia espropriazione (nel caso di specie proroga dell'occupazione d'urgenza), non sono recettizi, ad iniziare dal decreto di esproprio per cui la loro efficacia non è subordinata alla notifica all'interessato, che non ne costituisce né elemento integrativo, né requisito di validità, né condizione di efficacia.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI