Carrello
Carrello vuoto



L'immissione in possesso nell'occupazione per pubblica utilità


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:OCCUPAZIONE LEGITTIMA DI BENI PRIVATI PER PUBBLICA UTILITÀ
anno:2018
pagine: 1271 in formato A4, equivalenti a 2161 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 35,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


OCCUPAZIONE --> IMMISSIONE IN POSSESSO

La redazione del verbale di immissione in possesso in favore dell'ente espropriante, in conseguenza della pronuncia di un decreto di occupazione, fa presumere che la P.A., beneficiaria dell'occupazione stessa, si sia effettivamente impossessata dell'immobile e, nel contempo, esonera il proprietario espropriato dall'onere di provare l'avvenuto spossessamento. Dunque, se restituzione non vi è stata, possessore del bene risulta essere l'ente che ha provveduto alla sua occupazione, di modo che è su di esso che gravano le conseguenze di un malaccorto uso delle facoltà dominicali attribuite al possessore.

È irrilevante l'anteriorità della prevista data di immissione nel possesso rispetto alla scadenza del termine per la presentazione delle offerte concernenti la procedura di evidenza pubblica per la realizzazione dei lavori, dovendosi riconoscere all'occupazione d'urgenza null'altro che la sua propria natura di atto meramente esecutivo e vincolato del procedimento volto all'espropriazione.

OCCUPAZIONE --> IMMISSIONE IN POSSESSO --> APPRENSIONE MATERIALE

In tema di occupazione temporanea e d'urgenza di un immobile espropriando, il periodo di occu... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ittima decorre dal momento della effettiva immissione in possesso del beneficiario dell'occupazione, che si verifica, di regola, in conseguenza del c.d."dimensionamento" - consistente nell'individuazione dell'area mediante infissione di picchetti e nell'affermazione degli incaricati dell'operazione che da quel momento il possesso dell'area s'intende trasferito all'amministrazione espropriante costituendosi, per effetto di tali comportamenti, una impossibilità giuridica dell'ulteriore godimento dell'immobile da parte del proprietario. Lo stesso effetto si ha anche direttamente con la realizzazione dell'opera.

Nell'ipotesi di occupazione preordinata alla futura espropriazione, lo spossessamento deve ritenersi realizzato in conseguenza del c.d. dimensionamento (individuazione dell'area mediante infissione di picchetti) e nell'affermazione degli incaricati che da quel momento l'area s'intende trasferita all'occupante.

La compilazione del verbale di consistenza e di immissione su moduli prestampati non è di per sé circostanza idonea ad integrare e dimostrare lo spossessamento del proprietario ove tale formalità non sia seguita da atti sostanziali dimostrativi della inequivocabile volontà dell'ente espropriante... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...rsi nel possesso dell'area, quali atti di recinzione o di picchettamento.

Nell'ipotesi di occupazione preordinata alla futura espropriazione, lo spossessamento deve ritenersi realizzato in conseguenza del c.d. dimensionamento (individuazione dell'area mediante infissione di picchetti) e nell'affermazione degli incaricati che da quel momento l'area s'intende trasferita all'occupante. La compilazione del verbale di consistenza e di immissione su moduli prestampati non è di per sé circostanza idonea ad integrare e dimostrare lo spossessamento del proprietario ove tale formalità non sia seguita da atti sostanziali dimostrativi della inequivocabile volontà dell'ente espropriante di immettersi nel possesso dell'area, quali, per l'appunto, atti di recinzione o di picchettamento.

In mancanza di impugnazione degli atti finalizzati alla realizzazione dell'opera pubblica, chi occupa il bene non può opporsi alla richiesta di sgomberarlo.

In mancanza della redazione del verbale di immissione in possesso, non è possibile attribuire al beneficiario del decreto alcun acquisto del possesso dell'immobile né tanto meno le relative responsabilità a meno della prova, a carico del proprietario, che l'... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...l possesso e la contemporanea perdita da parte del soggetto cui faceva capo si sono comunque realizzati attraverso atti inequivocabilmente indicativi dell'inizio del nuovo rapporto (e la cessazione di quello precedente) con il bene: quali esemplificativamente quelli indicati dalla giurisprudenza della recinzione di un'area, ovvero del suo dimensionamento tramite apposizione di picchetti.

L'occupazione d'urgenza presuppone un apposito provvedimento autorizzativo, distinto da quello che legittima l'accesso dei tecnici per l'esecuzione di un'operazione non necessariamente propedeutica all'occupazione d'urgenza, e decorre dal momento dell'effettiva immissione in possesso del beneficiario, che normalmente ha luogo con il cd. dimensionamento, consistente nell'individuazione dell'area mediante infissione di picchetti e nell'affermazione degli incaricati dell'operazione che da quel momento il possesso dell'area s'intende trasferito all'amministrazione espropriante, determinandosi, per effetto di tali comportamenti, l'impossibilità giuridica dell'ulteriore godimento dell'immobile da parte del proprietario.

Dopo che un bene è stato confiscato ed entrato nella disponibilità giuridica dello Stato, la pubblica amministrazione ha il potere d... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...sullo stesso tutte le misure concrete per la sua acquisizione materiale, ivi compreso quelle relative alla liberazione dalle persone che lo occupano.

La prassi – largamente diffusa tra le amministrazioni esproprianti – di tollerare una prolungata detenzione dei suoli occupati da parte dei proprietari ablati, anche dopo la redazione del verbale di immissione in possesso e di redazione dello stato di consistenza e fino all'effettivo avvio dei lavori, non comporta la sopravvenuta inefficacia del decreto di occupazione, atteso che per l'esecuzione di quest'ultima è sufficiente la redazione di un verbale nel quale si dia atto che il suolo occupato, specificamente e puntualmente individuato, è soggetto alla giuridica disponibilità dell'espropriante.

Agli effetti della "immissione in possesso" prevista e disciplinata dalla legislazione in materia di espropriazione, non già alla ristretta nozione civilistica di "possesso", rilevante ai fini della proponibilità delle azioni possessorie, occorre richiamarsi, ma a un più ampio e generico concetto di disponibilità giuridica, per la quale è sufficiente l'esistenza di un atto formale in cui il suolo sia specificamente individuato e assoggettato... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...zio della potestà ablatoria dell'amministrazione espropriante.

Non è necessaria la materiale apprensione del bene ai fini della esecuzione del decreto di occupazione d'urgenza; deve infatti presumersi che, in assenza di ogni elemento che deponga in senso contrario, la protratta disponibilità del bene da parte del titolare sia da ricondurre alla mera tolleranza da parte del soggetto espropriante di una situazione ormai precaria e priva di titolo, ben lontana dall'assurgere al rango di possessio civilmente inteso.

In tema di occupazione temporanea e d'urgenza il periodo di occupazione legittima decorre dal momento della effettiva immissione in possesso, che si verifica in conseguenza del c.d."dimensionamento", consistente nell'individuazione dell'area mediante infissione di picchetti e nell'affermazione degli incaricati dell'operazione che da quel momento il possesso dell'area s'intende trasferito all'amministrazione espropriante, costituendosi, per effetto di tali comportamenti, una impossibilità giuridica dell'ulteriore godimento dell'immobile da parte del proprietario.

La immissione in possesso nelle aree di cui è stata disposta la occupazione si ha con il c.d."dimensionamento&qu... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...i verifica con l'apposizione dei picchetti.

Il dimensionamento dell'area da occupare attraverso la apposizione di picchetti, seguito a distanza di tempo dal verbale di consistenza, deve intendersi superato da quest'ultimo, che fa presumere che lo stesso dimensionamento e l'apposizione dei picchetti sia contestuale ad esso; solo alla data dello stato di consistenza deve pertanto ritenersi avvenuta la immissione in possesso.

L'omessa materiale infissione di picchetti sul terreno da espropriare al momento della redazione del verbale di consistenza e di immissione in possesso, non si traduce in uno spossessamento del bene "sine titulo" da parte dell'ente espropriante giacché nessuna norma della procedura espropriativa prevede il "picchettaggio" del terreno come condizione di validità dell'iter espropriativo.

Il permanere del detentore sul fondo non esclude per ciò stesso che vi sia stata immissione in possesso da parte dell'occupante.

L'occupazione si verifica con l'immissione in possesso, intesa come la materiale apprensione del bene. Da tale data inizia a decorrere il termine di occupazione.

Il possesso dell'area si trasferisce con il dimensionamento dell'opera, cio&eg... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...'infissione dei picchetti.


OCCUPAZIONE --> IMMISSIONE IN POSSESSO --> DIFFERIMENTO
Qualora i ritardi e i disguidi nella notificazione del decreto di occupazione abbiano impedito l'immissione in possesso per il giorno previsto originariamente e l'immissione sia stata rinviata ad una data successiva, nel rispetto dei termini previsti dalla normativa, non si determina alcuna violazione della normativa in materia d'immissione in possesso ed alcun danno per il privato ricorrente.
All'Amministrazione non incombe alcun onere di aderire alle richieste di chi assume di avere interesse a procrastinare la legittima attività amministrativa (nel caso di specie immissione in possesso in esecuzione della disposta occupazione), ponendo a fondamento della richiesta condizioni climatiche sfavorevoli, consistenti (nel caso di specie) nell'elevata temperatura registrata nel giorno dell'accesso.
OCCUPAZIONE --> IMMISSIONE IN POSSESSO --> DOPO LA SCADENZA DEL TERMINE DI INIZIO LAVORI
Non è illegittima l'occupazione effettuata dopo la scadenza del termine di inizio lavori, meramente ordinatorio.
E' illegittimo il decreto... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ione emanato dopo la scadenza del termine di fine lavori.
OCCUPAZIONE --> IMMISSIONE IN POSSESSO --> EFFETTI
Nel caso in cui, a seguito dell'immissione in possesso, da parte della P.A., con l'irreversibile trasformazione del fondo, a seguito della realizzazione dell'opera pubblica, si verifica lo spossessamento del bene a favore della P.A., non solo sotto il profilo materiale, ma anche sotto il profilo dell'animus, in quanto in tema di conservazione del possesso o della detenzione "solo animo", è necessario che il possessore (o il detentore) abbia la possibilità di ripristinare il contatto materiale con la cosa quando lo voglia, con la conseguenza che qualora tale possibilità sia di fatto preclusa da altri o da un'obiettiva situazione dei luoghi, il solo elemento intenzionale non è sufficiente per la conservazione del possesso (o della detenzione).
Qualora, a seguito dell'immissione in possesso da parte della P.A., i proprietari del terreno abbiano perso la disponibilità dell'area, con l'irreversibile trasformazione del fondo, a seguito della realizzazione dell'opera pubblica, o abbiano comunque perso la possibilità di ripristinare il contatto m... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...n la cosa quando lo vogliano, si verifica lo spossessamento del bene a favore della P.A. non solo sotto il profilo materiale, ma anche sotto il profilo dell'animus.
Quando sia avvenuta l'immissione nel possesso da parte del Comune attraverso lo svolgimento delle operazioni propedeutiche all'utilizzo del bene (picchettaggio e delimitazione dei confini dell'area) è resa giuridicamente impossibile (oltre che illecita) la diversa utilizzazione del bene, e l'amministrazione dispone del potere di imporre (e non semplicemente di "invitare") coattivamente all'interessato lo sgombero dell'area.
Posto che il verbale di immissione in possesso fa presumere il venir meno del godimento del bene da parte del proprietario, l'onere che spetta al beneficiario dell'occupazione di provare la persistenza di tale godimento (pur dopo la data del verbale di immissione in possesso), sì da escludere il diritto all'indennità di occupazione, non può che riguardare tutte le prerogative della originaria possessio : in caso contrario, come per esempio nell'ipotesi in cui persista un godimento del bene solo pro parte, ovvero tale godimento sia limitato ad alcune attività e non consentito per altre, non può configurars... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...mpliciter il mantenimento del possesso da parte del proprietario; e dunque, in tal caso, il diritto all'indennità di occupazione non può essere escluso, dovendosi valutare, piuttosto, in quale misura il godimento parziale, o limitato, dell'immobile incida sulla determinazione di tale indennità.
OCCUPAZIONE --> IMMISSIONE IN POSSESSO --> ORDINE DI DEMOLIZIONE
Non presenta alcun profilo di arbitrarietà l'ordine di demolizione di presunti manufatti abusivi realizzati sui suoli in proprietà privata, interessati da procedimento ablatorio, che ponga a a proprio presupposto sia la non condonabilità degli immobili stessi sia il verbale di occupazione anticipata e d'immissione in possesso.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI