Carrello
Carrello vuoto



Occupazione per pubblica utilità di un bene sottoposto a sequestro giudiziario


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:OCCUPAZIONE LEGITTIMA DI BENI PRIVATI PER PUBBLICA UTILITÀ
anno:2018
pagine: 1271 in formato A4, equivalenti a 2161 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 35,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


La sottoposizione dell'area a sequestro preventivo penale (per la presenza di una discarica non autorizzata di rifiuti speciali), è vincolo contingente di indisponibilità, che non elide l'interesse del privato alla conservazione delle sue facoltà dominicali sull'area medesima occupata dalla p.a.

L'immissione in possesso ai sensi dell'art. 22 del d.P.R. 327/01, non implica necessariamente un'attività di apprensione materiale della res esproprianda, potendosi realizzare anche se permane la disponibilità del bene in capo a chi in precedenza l'aveva. In tal caso l'ente beneficiario dell'espropriazione si attribuisce gli effetti giuridici dell'immissione in possesso – indisponibilità del bene da parte del titolare - mediante la mera rilevazione dello stato di consistenza. Posto allora che il sequestro preventivo incide sulla disponibilità materiale del corpo del reato, l'Ente che non compie alcuna attività materiale sulla res esproprianda sottoposta a sequestro, acquisendone il possesso solo animo, non incorre nel reato di violazione di sigilli, la cui condotta tipica è invece costituita dall'azione fisica di modificazione di una cosa materiale.

La supposta incompatibilità tra la... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...di esproprio e la vicenda del sequestro giudiziario non può assurgere a motivo d'illegittimità degli atti di immissione in possesso; da un lato essi sono meramente esecutivi e consequenziali degli atti che hanno davvero determinato l'effetto ablatorio; dall'altro lato, le indisponibilità o le difficoltà di tipo materiale o giuridico non sono in grado di determinare i vizi degli atti considerati.

Il sequestro giudiziario del bene di cui è stata effettuata l'immissione in possesso è questione di cui dovrà essere, eventualmente, investito il giudice del sequestro, ma che non tocca in alcun modo il piano della legittimità di atti amministrativi.

Legittima l'occupazione di bene sottoposto a sequestro penale, qualora l'immissione in possesso intervenga in epoca successiva al dissequestro del bene che pertanto deve ritenersi, a quella data, libero e disponibile.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI