Carrello
Carrello vuoto



Decreto motivato art. 22 bis dpr 327/2001: competenza


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:OCCUPAZIONE LEGITTIMA DI BENI PRIVATI PER PUBBLICA UTILITÀ
anno:2018
pagine: 1271 in formato A4, equivalenti a 2161 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 35,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


OCCUPAZIONE --> DECRETO MOTIVATO ART. 22 BIS DPR 327/2001

L'istituto dell'occupazione d'urgenza non previsto nel testo originario del DPR 327/201, è poi stato reintrodotto, a fronte delle pressioni delle Amministrazioni esproprianti, con l'art.22 bis che, nell'intento di limitare comunque il ricorso all'istituto, ha previsto la possibilità di ricorrervi sussistendo i presupposti indicati dalla norma medesima.

L'art. 22 bis DPR n. 327/2001, introdotto dal D.lgs. 302/2002, ha innovato rispetto all'impianto originario del Testo Unico che aveva radicalmente estromesso l'istituto dell'occupazione d'urgenza.

Il provvedimento che dispone la occupazione deve corrispondere al paradigma astratto del decreto medesimo che, nel caso di cui all'art. 22 bis del D.P.R. n. 327/2001, richiede la determinazione dell'indennità e la motivazione dell'urgenza. In difetto il provvedimento non può essere qualificato come "decreto di occupazione d'urgenza", indipendentemente dal nomen iuris allo stesso attribuito.

OCCUPAZIONE --> DECRETO MOTIVATO ART. 22 BIS DPR 327/2001 --> COMPETENZA

E' pacifico in giurisprudenza che l'adozione del decreto di occupazione temporanea e d'urgenza, emanato ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ata in vigore dell'art. 45 d.lg. 31 marzo 1998 n. 80, è di competenza del funzionario dirigente dell'Ufficio tecnico dell'Amministrazione procedente e non del Sindaco, atteso che detta norma attribuisce alla dirigenza la competenza ad adottare tutti gli atti di gestione, inclusi quelli che impegnano l'Amministrazione verso l'esterno, fra i quali deve ricondursi l'atto de quo.

Dopo l'entrata in vigore dell'art. 45 del d.lgs. n. 80/1998, l'adozione del decreto di occupazione temporanea e d'urgenza compete al funzionario dirigente dell'Ufficio Tecnico della Pubblica Amministrazione procedente – e non al Sindaco – essendo stata attribuita alla dirigenza la competenza ad adottare tutti gli atti di gestione, inclusi quelli che impegnano la P.A. verso l'esterno.

Legittimamente il decreto di occupazione è sottoscritto dal Sindaco, qualora l'Amministrazione locale abbia dato applicazione all'art. 53, comma 23, della L. n. 388/2000 (legge finanziaria per il 2001), in forza del quale, nei comuni con popolazione inferiore a cinquemila abitanti è possibile attribuire ai componenti dell'organo esecutivo (il Sindaco e la Giunta, nel caso di specie), la responsabilità degli uffici e dei servizi, in deroga all'art. 107 del D.L... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...0, che prevede invece la competenza esclusiva dei dirigenti all'adozione degli atti di gestione dell'ente locale.

L'atto di occupazione d'urgenza, quale atto esecutivo e gestorio, rientra nella competenza dirigenziale e non involge la competenza degli organi di governo del Comune.

In ipotesi di delega del potere espropriativo (nel caso di specie) ex art. 176 del D.Lgs. n. 163/2006 ed art. ed all'art. 6, comma 8, del T.U. n. 327/2001, legittimamente il decreto di occupazione è emanato dal funzionario posto a capo del costituito Ufficio Espropri con un formale atto del C.d.A. della società delegata.

Del tutto legittimamente, il decreto di occupazione è adottato dal dirigente responsabile dell'area tecnica comunale e cioè dal soggetto preposto all'unità organizzativa tecnico – urbanistica competente alla trattazione della pratica.

Alla luce dell'art. 7, comma 2, del decreto legge n. 138 del 2002, come convertito nella legge n 178 del 2002, rientra nell'ambito delle competenze istituzionali della s.p.a. ANAS anche l'emanazione degli atti di occupazione d'urgenza per la realizzazione delle opere che le siano state commissionate.

Alla luce del nuovo assetto delle au... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ali, di cui al D. L.vo. n. 267/2000, i provvedimenti di autorizzazione all'occupazione e di comunicazione della data di immissione in possesso, sono di competenza del dirigente, tenendo conto della specifica suddivisione delle competenze tra i diversi uffici.

L'adozione del decreto di occupazione temporanea e d'urgenza rientra nella competenza del dirigente dell'amministrazione procedente, quale soggetto che ha competenza esclusiva ad adottare tutti gli atti di gestione. Non è tuttavia affetta da vizio di incompetenza la deliberazione di Giunta comunale che si limiti, nell'ambito delle proprie attribuzioni di indirizzo, a prevedere che per l'esecuzione dell'opera sarà necessario procedere all'occupazione d'urgenza delle aree interessate, senza che, perciò, emergano straripamenti nella sfera di poteri dalla legge riservata ad altri soggetti.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI