Carrello
Carrello vuoto



Acquisizione sanante e condanna della P.A. all'obbligo di provvedere

La condanna all’obbligo generico di provvedere ex art. 42-bis, in ipotesi di occupazione illegittima dell'area, è limitata dai principi derivanti dagli artt. 43 e 42 bis D.P.R. 327/2001 e dalle possibilità insite nel principio di atipicità delle pronunce di condanna (art. 34 Cod. Proc. Amm.). Rimane invece impregiudicata la valutazione discrezionale della P.A. relativamente agli interessi in conflitto.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:OCCUPAZIONI ED ESPROPRI ILLEGITTIMI
anno:2014
pagine: 4019 in formato A4, equivalenti a 6832 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 55,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


PATOLOGIA --> ACQUISIZIONE SANANTE --> ART. 42 BIS DPR 327/2001 --> RIPARAZIONE PER EQUIVALENTE O IN FORMA SPECIFICA --> POTERI DEL GIUDICE --> CONDANNA GENERICA A PROVVEDERE

I principi derivanti dall'interpretazione sistematica degli artt. 43 e 42 bis DPR 327/2001 e le possibilità insite nel principio di atipicità delle pronunce di condanna, di cui all'art. 34, comma 1 lett. c), c.p.a., impongono una limitazione della condanna all'obbligo generico di provvedere, ex art. 42-bis d.lgs. n. 327/2001.

In ipotesi di occupazione illegittima dovrebbe ritenersi preclusa la tutela risarcitoria difettando – ai fini del riconoscimento del diritto al rivendicato controvalore venale del bene – il presupposto della perdita della proprietà. Un recente pronuncia (Consiglio di Stato n. 1514 del 16 marzo 2012, resa dalla sez. IV), al fine di dare soluzione al problema ha argomentato nel senso che la tutela restitutoria eliderebbe di per sé ed automaticamente il potere (discrezionale) di acquisizione sanante ex art. 42 bis. Di conseguenza la domanda (comunque formulata) è ritenuta accoglibile nei (soli) sensi dalla condanna all'obbligo generico di provvedere ex art. 42 bis, restando impregiudicata la scelta ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...le tra acquisizione sanante e restituzione.

I principi derivanti dall'interpretazione sistematica degli artt. 43 e 42 bis DPR 327/2001 e le possibilità insite nel principio di atipicità delle pronunce di condanna, di cui all'art. 34, comma 1 lett. c), c.p.a., impongono una limitazione della condanna all'obbligo generico di provvedere, ex art. 42-bis d.lgs. n. 327/2001.

In mancanza di atto di acquisizione del fondo illegittimamente occupato, a fronte della richiesta di ottenere la restituzione dei terreni interessati all'opera pubblica, il giudice non può che limitare la propria decisione a una condanna all'obbligo generico di provvedere ex art. 42 bis o alla restituzione dei beni o alla loro acquisizione.

Accertata l'assenza di un valido titolo di esproprio, la modifica del bene immobile e la sua utilizzazione, va accolta la domanda risarcitoria, ai sensi dell'art. 34 lett.c) c.p.a., nei limiti della condanna dell'amministrazione all'obbligo generico di provvedere ex art. 42 bis DPR n. 327/2001.

In ipotesi di occupazione illegittima dovrebbe ritenersi preclusa la tutela risarcitoria difettando – ai fini del riconoscimento del diritto al rivendicato controvalore venale del bene – il presu... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...a perdita della proprietà. Un recente pronuncia (Consiglio di Stato Sez. IV n. 1514 del 16 marzo 2012), al fine di dare soluzione al problema ha argomentato nel senso che la tutela restitutoria eliderebbe di per sé ed automaticamente il potere (discrezionale) di acquisizione sanante ex art. 42 bis DPR 327/2001. Di conseguenza la domanda (comunque formulata) è ritenuta accoglibile nei (soli) sensi dalla condanna all'obbligo generico di provvedere ex art. 42 bis, restando impregiudicata la scelta discrezionale tra acquisizione sanante e restituzione.

A fronte di occupazione divenuta illegittima, una volta ritenuta la "doverosità" di attivazione del procedimento di acquisizione sanante ex art. 42 bis DPR 327/2001, la strutturazione della tutela del privato nei sensi della condanna a provvedere, nelle forme del rito avverso il silenzio, è non solo senz'altro possibile, ma addirittura, sotto un profilo di opportunità, auspicabile: il risultato - condanna generica a provvedere - ha apprezzabili conseguenze sia per il privato, sia per la stessa P.A ed in ogni caso toglierebbe la giurisprudenza dall'imbarazzo di non poter direttamente accogliere le azioni restitutorie o di dover affermare che il giudice non può elidere il p... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...istrativo di decidere o meno l'acquisizione del bene.

Alla luce dell'entrata in vigore dell'art. 42 bis d.P.R. n. 327 del 2001, l'Amministrazione deve esercitare le proprie valutazioni in ordine all'acquisizione definitiva del bene al proprio patrimonio; pertanto, deve ordinarsi all'Amministrazione di provvedere ai sensi dell'art. 42 - bis, qualora l'Amministrazione stessa non ritenga di restituire l'immobile al legittimo proprietario previa riduzione in pristino stato.

I principi derivanti dall'interpretazione sistematica degli artt. 43 e 42 bis DPR 327/2001 e le possibilità insite nel principio di atipicità delle pronunce di condanna, di cui all'art. 34, comma 1 lett. c), c.p.a., impongono una limitazione della condanna all'obbligo generico di provvedere ex art. 42-bis, impregiudicata la discrezionale valutazione in ordine agli interessi in conflitto da parte dell'Amministrazione che, ove ritenga di non restituire gli immobili ai legittimi proprietari previa riduzione in pristino, potrà in via alternativa disporre l'acquisizione del bene.

I principi derivanti dall'interpretazione sistematica degli artt. 43 e 42 bis DPR 327/2001 e le possibilità insite nel principio di atipicità delle pronunce di co... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...cui all'art. 34, comma 1 lett. c), c.p.a., consentono una formulazione della sentenza che non pregiudichi la possibilità per l'Amministrazione di acquisire il bene ai sensi del citato art. 42-bis. Ne consegue che, onde non pregiudicare la discrezionale valutazione dell'Amministrazione in ordine agli interessi in conflitto, la formulazione della sentenza può consistere nell'ordinare all'Amministrazione di provvedere ai sensi dell'art. 42-bis d.p.r. n. 327/2001, qualora la stessa non ritenga di restituire l'immobile previa riduzione in pristino stato.

I principi derivanti dall'interpretazione sistematica degli artt. 43 e 42 bis DPR 327/2001 e le possibilità insite nel principio di atipicità delle pronunce di condanna, di cui all'art. 34, comma 1 lett. c), c.p.a., impongono una limitazione della condanna all'obbligo generico di provvedere ex art. 42 bis, salvi gli effetti vincolanti degli accertamenti compiuti nella sede giudiziaria i cui esiti sono irretrattabili.

Alla luce dell'entrata in vigore dell'art. 42 bis, l'Amministrazione deve comunque esercitare le proprie valutazioni in ordine all'acquisizione definitiva del bene al proprio patrimonio; pertanto, deve ordinarsi all'Amministrazione di provvedere ai sensi dell'art.... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ....P.R. n. 327 del 2001, qualora l'Amministrazione stessa non ritenga di restituire l'immobile al legittimo proprietario previa riduzione in pristino stato.

I principi derivanti dall'interpretazione sistematica degli artt. 43 e 42 bis DPR 327/2001 e le possibilità insite nel principio di atipicità delle pronunce di condanna, di cui all'art. 34, primo comma, lett. c), c.p.a., consentono una formulazione della sentenza che non pregiudichi la possibilità per l'Amministrazione di acquisire il bene ai sensi del citato art. 42-bis. Ne consegue che, onde non pregiudicare la discrezionale valutazione dell'Amministrazione in ordine agli interessi in conflitto, la formulazione della sentenza può consistere nell'ordinare all'Amministrazione di provvedere ai sensi dell'art. 42-bis d.p.r. n. 327/2001, qualora la stessa non ritenga di restituire l'immobile previa riduzione in pristino stato.

I principi derivanti dall'interpretazione sistematica degli artt. 43 e 42 bis DPR 327/2001 e le possibilità insite nel principio di atipicità delle pronunce di condanna, di cui all'art. 34, comma 1 lett. c), c.p.a., consentono una formulazione della sentenza che non pregiudichi la possibilità per l'Amministrazione di acquisire il... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...nsi del citato art. 42-bis. Ne consegue che, onde non pregiudicare la discrezionale valutazione dell'Amministrazione in ordine agli interessi in conflitto, la formulazione della sentenza può consistere nell'ordinare all'Amministrazione di provvedere ai sensi dell'art. 42-bis d.p.r. n. 327/2001, qualora la stessa non ritenga di restituire l'immobile previa riduzione in pristino stato.

PATOLOGIA --> ACQUISIZIONE SANANTE --> ART. 42 BIS DPR 327/2001 --> RIPARAZIONE PER EQUIVALENTE O IN FORMA SPECIFICA --> POTERI DEL GIUDICE --> CONDANNA GENERICA A PROVVEDERE --> RITO DEL SILENZIO

A fronte di occupazione divenuta illegittima, una volta ritenuta la "doverosità" di attivazione del procedimento di acquisizione sanante ex art. 42 bis DPR 327/2001, sarebbe preveribile la strutturazione della tutela del privato nei sensi della condanna a provvedere, nelle forme del rito avverso il silenzio; il risultato - condanna generica a provvedere - ha apprezzabili conseguenze sia per il privato, sia per la stessa P.A ed in ogni caso toglierebbe la giurisprudenza dall'imbarazzo di non poter direttamente accogliere le azioni restitutorie o di dover affermare che il giudice non può elidere il potere amministrativo di decider... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...acquisizione del bene.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI