Carrello
Carrello vuoto



Le norme legislative antisismiche sugli intervalli di isolamento fra edifici


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL CODICE DELLE DISTANZE
anno:2017
pagine: 2838 in formato A4, equivalenti a 4825 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 40,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> FASCE DI RISPETTO E DISTANZE LEGALI --> DISTANZE --> PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Le norme antisismiche sugli intervalli di isolamento fra edifici, essendo dirette a salvaguardare non soltanto l'incolumità pubblica e privata, ma anche ad impedire la creazione di intercapedini dannose e pericolose tra fabbricati, sono integrative delle disposizioni di cui agli artt. 873 c.c. e segg., e prevalgono sugli strumenti urbanistici che prevedono eventualmente distanze inferiori.

L'art. 19 legge 21/1970, che ha integrato il d.l. 79/1968, prevede deroghe alle prescrizioni edilizie in materia sismica dettate dalla legge 1684/1962, la quale, a sua volta, ha carattere integrativo delle disposizioni di cui all'art. 873 c.c. e ss. quanto agli intervalli di isolamento fra edifici così come previsti dall'art. 6 legge 1684/1962, cioè metri sei di distanza tra i muri frontali degli edifici.

Qualora sia eseguita una costruzione senza rispettare le prescrizioni dettate dall'art. 9 legge 1684/1962 in materia di edilizia nelle zone sism... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...osizione che, pur non essendo integrativa delle norme del codice civile sulle distanze tra edifici, prevede specifici accorgimenti volti a prevenire danni alla proprietà altrui in occasione di movimenti tellurici - il proprietario dell'edificio contiguo ha diritto di chiedere l'eliminazione dello stato di pericolo derivante dalla presumibile instabilità del suo immobile, mediante idonei interventi o, se ciò non sia tecnicamente possibile, mediante la riduzione in pristino.

Nelle zone in cui vige la normativa antisismica contenuta nella legge 1684/1962 non sono applicabili le disposizioni di cui agli artt. 874, 876, 884 c.c., perché è invece necessario che ogni costruzione costituisca un organismo a sé stante, mediante l'adozione di giunti o altri opportuni accorgimenti idonei a consentire la libera ed indipendente oscillazione degli edifici.

Le norme legislative antisismiche sugli intervalli di isolamento fra edifici sono integrative delle disposizioni dell'art. 873 c.c., e segg., in materia di distanze fra le costruzioni, essendo dirette a salvaguardare non soltanto l'incolumità pubblica e privata ma anche ad impedi... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ione di intercapedini dannose e pericolose tra fabbricati. Pertanto, esse prevalgono sugli strumenti urbanistici che prevedano distanze inferiori.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI