Carrello
Carrello vuoto



Indennità di occupazione: momento di ricognizione del valore del bene

Siccome il diritto all'indennità di occupazione matura al compimento di ogni singola annualità, è a ciascuno di questi diversi momenti che deve essere calcolato il parametro di riferimento, che tiene conto del valore venale attuale del bene, passibile nel tempo di variazioni dipendenti dalla vicenda dello specifico mercato immobiliare di riferimento.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:INDENNITÀ DI ESPROPRIAZIONE E DI OCCUPAZIONE PER PUBBLICA UTILITÀ - dieci anni di giurisprudenza
anno:2016
pagine: 3597 in formato A4, equivalenti a 6115 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 60,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


Solo se la determinazione monetaria del valore venale del bene abbia subito variazioni apprezzabili nello sviluppo della occupazione legittima e registrabili alle singole consecutive cadenze annuali, il giudice del merito ad ogni scadenza è tenuto a procedere al calcolo virtuale della indennità di espropriazione fondata anche sul valore venale del bene, come tale soggetto a variazioni nel tempo. La diversità tra la data di effettiva valutazione dell'immobile e quella di maturazione del diritto a percepire l'indennizzo per la scadenza dell'annualità di occupazione legittima non rende censurabile la liquidazione di detto indennizzo, ove non si dimostri un apprezzabile divario del valore del bene in tali rispettivi momenti.

Il diritto all'indennità di occupazione matura al compimento di ogni singola annualità per cui è a ciascuno di questi momenti che deve essere calcolato il parametro di riferimento che, allo stato, è quello del valore venale (passibile di variazioni correlate al mercato immobiliare). Ne discende che, se la determinazione del valore venale avrà avuto variazioni apprezzabili nel corso dell'occupazione legittima e registrabili alle scadenze annuali, ad ognuna di esse dovrà calcolars... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...tà virtuale. Tuttavia la diversità tra data di effettiva valutazione e data di maturazione del diritto a percepire l'indennizzo non rende di per sé censurabile la liquidazione ove non si dimostri l'apprezzabile divario di valore nei vari momenti.

Siccome il diritto all'indennità di occupazione matura al compimento di ogni singola annualità, è a ciascuno di questi diversi momenti che deve essere calcolato il parametro di riferimento, che tiene conto del valore venale attuale del bene, passibile nel tempo di variazioni dipendenti dalla vicenda dello specifico mercato immobiliare di riferimento.

Ai fini del calcolo dell'indennità di occupazione, le possibilità edificatorie da considerare vanno valutate al momento dell'adozione del decreto di occupazione. Dette possibilità devono essere commisurate alle previsioni del piano regolatore generale, vigente al momento del verificarsi della vicenda ablativa, per la zona omogenea nella quale l'area in questione è compresa, incidendo evidentemente sul valore di mercato il tipo di destinazione - residenziale, industriale o di altro genere - che può essere data agli edifici realizzati su di essa.

Ai fini dell'indennit&agra... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...pazione, le possibilità edilizie del suolo - in ragione delle sue utilizzazioni compatibili con la destinazione della zona omogenea di appartenenza - devono essere accertate con riguardo al momento in cui si verifica l'occupazione in forza del provvedimento ablatorio, e non a quello dell'imposizione del vincolo espropriativo.

Il diritto all'indennità di occupazione matura al compimento di ogni singola annualità, per cui è a ciascuno di questi momenti che deve essere calcolato il parametro di riferimento. Tuttavia la diversità tra la data di effettiva valutazione dell'immobile e quella di maturazione del diritto a percepire l'indennizzo per la scadenza dell'annualità di occupazione legittima non rende censurabile la liquidazione di detto indennizzo, ove non si dimostri un apprezzabile divario del valore del bene in tali rispettivi momenti.

La ricognizione legale stabilita dalla L. n. 359 del 1992, art. 5 bis (ed ora dal T.U. D.P.R. n. 327 del 2001, art. 32), deve essere compiuta, in relazione all'indennità di occupazione, al momento dell'adozione del relativo decreto, perciò divenendone irrilevante la situazione urbanistica sia antecedente, sia successiva.

Se l'indennità di... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...e deve essere calcolata in misura pari agli interessi legali sul valore del bene per ogni singolo anno in cui si è protratta l'occupazione, la base di calcolo non può essere la stima già rivalutata alla data in cui è terminata l'occupazione, ma bisogna devalutare tale stima, risalendo alla fine di ciascun anno di occupazione.

Siccome il diritto all'indennità di occupazione matura al compimento di ogni singola annualità, è a ciascuno di questi momenti che deve essere calcolato il parametro di riferimento costituito dal valore venale del bene passibile nel tempo di variazioni dipendenti dall'oscillazione del mercato immobiliare e non a quello del decreto di esproprio, a meno che il giudice di merito non dimostri che negli anni in cui si è protratta l'occupazione, non si sia verificato alcun mutamento dei prezzi rispetto a quest'ultimo momento.

Il diritto all'indennità di occupazione matura al compimento di ogni singola annualità, per cui è a ciascuno di questi momenti che deve essere calcolato il parametro di riferimento che, allo stato, è quello del valore venale attuale del bene passibile nel tempo di variazioni dipendenti dallo specifico mercato immobiliare di rifer... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ndennità virtuale di espropriazione fondata sul valore venale del bene, potrà essere determinata anno per anno o, se tal metodo sia dichiaratamente infruttuoso per irreperibilità di dati, mediante devalutazione dell'indennità determinata con riferimento ad una data successiva.

Il diritto alla indennità di occupazione matura al compimento di ciascuna annualità, per cui è a ciascuno di questi momenti che deve essere calcolato il parametro di riferimento, che è quello del valore venale attuale del bene, passibile nel tempo di variazioni dipendenti dallo specifico mercato immobiliare di riferimento.

L'indennità di occupazione matura al compimento di ogni singola annualità e va, pertanto, calcolata sulla base dell'indennità di espropriazione - effettiva o virtuale - riferita a ciascun anno di occupazione.

L'utilizzazione del valore venale del terreno alla data della decisione, per liquidare l'indennità virtuale di espropriazione e ricavare da questa quella di occupazione, non comporta necessariamente una entità del dovuto maggiore della somma liquidata in base alle diverse indennità di espropriazione determinate anno per anno, perché i ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...mercato immobiliare all'attualità non sono necessariamente maggiori e possono anche essere minori di quelli delle epoche precedenti e non costituiscono in alcun caso una mera rivalutazione delle somme da corrispondere.

Poiché il diritto all'indennità di occupazione matura al compimento di ogni singola annualità, il relativo importo dev'essere calcolato avendo riguardo all'indennità virtuale di espropriazione determinata in riferimento a ciascuna di queste scadenze (o anche alla data di cessazione dell'occupazione legittima, ove non risultino apprezzabili variazioni di valore del fondo occupato).

Poiché il diritto all'indennità di occupazione matura al compimento di ogni singola annualità, è in relazione a ciascuno di tali momenti che dev'essere determinata l'indennità di espropriazione da assumere come base di calcolo, con la conseguenza che, ove il parametro di riferimento per la sua determinazione abbia subito nel tempo variazioni apprezzabili, ad ogni scadenza deve procedersi al calcolo dell'indennità virtuale di espropriazione, in base alla quale va poi liquidata quella di occupazione.

Il calcolo dell'indennità di occupazione deve essere effettuato... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...a che sarebbe spettata per ogni anno d'occupazione a partire dal primo anno; il valore del terreno calcolato alla data di trasformazione del bene deve pertanto essere devalutato all'epoca d'immissione nel possesso.

Il diritto all'indennità di occupazione matura al compimento di ogni singola annualità di occupazione; a ciascuno di questi momenti deve essere calcolato il parametro di riferimento con la conseguenza che, se la determinazione monetaria del valore venale del bene ha subito variazioni apprezzabili nello sviluppo della occupazione legittima e registrabili alle singole consecutive scadenze annuali, ad ogni scadenza dovrà procedersi al calcolo virtuale dell'indennità di espropriazione fondata anche sul valore venale del bene, come tale soggetto a variazioni nel tempo tempo.

Il diritto all'indennità di occupazione legittima matura al compimento di ogni singola annualità, per cui è a ciascuno di questi momenti che deve procedersi al calcolo virtuale dell'indennità di espropriazione fondata sul valore venale del bene, passibile nel tempo di variazioni dipendenti dallo specifico mercato immobiliare di riferimento.

L'ammontare dell'indennità di occupazione deve essere fi... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...do definitivo "per ciascun anno di occupazione" in misura corrispondente agli interessi legali sull'indennità virtuale di espropriazione calcolata con riferimento al periodo in considerazione e non certamente alla data successiva cui viene parametrata quella di espropriazione (se e quando il relativo decreto viene emesso), traducendosi un tale meccanismo in una indebita locupletazione per l'espropriando, che si avvarrebbe di un valore di stima successivo al periodo effettivo in cui ha subito l'occupazione.

L'indennità di espropriazione da considerare ai fini del calcolo dell'indennità di occupazione deve considerare le progressiva maggiorazione dei prezzi nel corso del periodo di durata dell'occupazione stessa; in questa senso, sembra necessario fare riferimento, in difetto di più utili elementi di valutazione, alla normale rivalutazione secondo gli indici ISTAT.

Ai fini del calcolo dell'indennità di occupazione la ricognizione delle aree e la valutazione del loro valore deve essere effettuata con riferimento al periodo in cui si è protratta l'occupazione.

Ai fini del calcolo dell'indennizzo concernente l'occupazione temporanea, l'accertamento delle possibilità legali ed effet... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ficazioni del bene va condotto con riferimento al momento del decreto che l'autorizza.

Il diritto all'indennità di occupazione matura al compimento di ogni singola annualità e la determinazione va effettuata con riferimento al valore del bene alla data di scadenza del relativo termine. Tuttavia la sua concreta applicazione richiede la dimostrazione, da parte di chi ha interesse, di un apprezzabile divario del valore del bene alle date di ciascuna scadenza.

La ricognizione legale delle possibilità edificatore delle aree occupate in forza di successivi decreti, ai fini della determinazione dell'indennità di occupazione, deve essere effettuata con riferimento a ciascun decreto di occupazione temporanea, che attua automaticamente la compressione del diritto dominicale.

L'indennità di occupazione matura al compimento di ogni singola annualità. La stessa deve essere commisurata all'indennità di espropriazione - effettiva o virtuale - dovuta se l'immobile fosse stato espropriato in quell'anno; ne consegue che ad ogni scadenza dovrà procedersi al calcolo virtuale dell'indennità di espropriazione, per commisurare ad essa l'indennità di occupazione in quel momento maturata ed... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...

In relazione all'occupazione d'urgenza preordinata all'espropriazione di cui alla L. n. 2359 del 1865, art. 71, comma 1 ed alla L. n. 865 del 1971, art. 20, le possibilità legali ed effettive di edificazione ai fini della valutazione del bene, vanno valutate al momento dell'adozione del decreto di occupazione che la dispone, atteso che proprio l'emissione di tale provvedimento, comportando il trasferimento in capo all'occupante di tutte le facoltà connesse al godimento del fondo, configura la trasformazione del correlativo diritto del proprietario in diritto all'indennizzo, ex art. 42 Cost..

L'indennità di occupazione legittima matura al compimento di ogni singola annualità e va, pertanto, calcolata sulla base dell'indennità di espropriazione - effettiva o virtuale - riferita a ciascun anno di occupazione.

L'indennità di occupazione deve essere commisurata, al compimento di ciascun anno, all'indennità di espropriazione, effettiva o virtuale, dovuta come se l'immobile fosse stato espropriato in quell'anno.

L'indennità di occupazione matura al compimento di ogni singola annualità; in ciascuno di questi momenti deve essere calcolato il parametro di riferimento... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...le aree fabbricabili) tiene conto, come termine da mediare, del valore venale attuale del bene, passibile nel tempo di variazioni dipendenti dalla vicenda dello specifico mercato immobiliare di riferimento.

Il diritto all'indennità di occupazione matura al compimento di ogni singola annualità; ne consegue che a ciascuno di questi momenti deve essere calcolato il parametro di riferimento che (per le aree fabbricabili), tiene conto del valore venale attuale del bene, passibile nel tempo di variazioni dipendenti dalla vicenda dello specifico mercato immobiliare di riferimento, nonché dell'aumento o della diminuzione del costo della vita.

Qualora l'indennità di espropriazione, sulla quale è effettuato il calcolo dell'indennità di occupazione, è determinata, con una valutazione di merito insindacabile, sulla base di un valore unitario medio dei terreni espropriati e in tale valutazione rimanga assorbita l'eventuale variazione nel tempo del valore unitario dell'area espropriata, non è necessario procedere all'attualizzazione anno per anno del valore del terreno posto a fondamento della determinazione dell'indennità di espropriazione.

Siccome il diritto all'indennità di oc... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...atura al compimento di ogni singola annualità di occupazione, a ciascuno di questi momenti deve essere calcolato il parametro di riferimento, passibile nel tempo di variazioni dipendenti dalla vicenda dello specifico mercato immobiliare di riferimento; con la conseguenza che, se la determinazione monetaria del valore venale del bene abbia subito variazioni apprezzabili nello sviluppo della occupazione legittima e registrabili alle singole consecutive scadenze annuali, ad ogni scadenza dovrà procedersi al calcolo virtuale della indennità di espropriazione.

Ai fini della liquidazione dell'indennità di occupazione si rende necessaria, quale prima operazione, la ricognizione legale della natura e della destinazione dei terreni da compiersi al momento dell'adozione del decreto di occupazione che la dispone, con conseguente irrilevanza della situazione urbanistica del bene sia antecedente che successiva all'epoca appena indicata.

Il parametro di riferimento temporale per la determinazione dell'indennità di occupazione, la quale matura al compimento di ciascuna annualità, è costituito da ciascuna di queste scadenze: ne consegue che se il valore del bene, abbia subito variazioni apprezzabili nello sviluppo de... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...one legittima, ad ogni scadenza annuale dovrà procedersi al calcolo virtuale dell'indennità di espropriazione per commisurare ad essa l'indennità di occupazione a quel momento maturata ed esigibile, non potendosi assumere come parametro di riferimento l'indennità di espropriazione che sarebbe stata liquidata allo spirare dell'occupazione legittima.

In difetto di prova della reale perdita dei frutti del godimento dell'area occupata, quando il valore venale di questa non sia rimasto costante per la sua intera durata ma abbia subito variazioni apprezzabili nel corso dell'occupazione, ad ogni scadenza annuale, dovrà procedersi al calcolo virtuale dell'indennità di espropriazione (attualizzato in caso di indennità liquidata al termine dell'occupazione pluriennale), per commisurare ad essa l'indennità di occupazione maturata ed esigibile.

L'indennità di occupazione consiste in una percentuale di quella che virtualmente sarebbe dovuta per l'espropriazione dell'area da occupare come liquidabile anno per anno, quando vi siano state chiare variazioni nel valore dell'area e l'omessa indicazione di ogni cenno a un permanere costante e continuo del valore di mercato di essa nel periodo in cui è... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...upata.

È giustificato calcolare l'indennità di occupazione a quella di espropriazione alla scadenza del termine di occupazione legittima, allorché il valore venale di riferimento sia rimasto costante nel tempo.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI