Carrello
Carrello vuoto



Indennità di espropriazione per aree edificabili: art. 2 commi 89 e 90 l. n 244/2007

 ART. 2 COMMA 89 L. N 244/2007: IL VALORE VENALE
 COSTITUZIONALITÀ
 RETROATTIVITÀ (ART. 2 COMMA 90)

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:INDENNITÀ DI ESPROPRIAZIONE E DI OCCUPAZIONE PER PUBBLICA UTILITÀ - dieci anni di giurisprudenza
anno:2019
pagine: 3241 in formato A4, equivalenti a 5510 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 45,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


INDENNITÀ DI ESPROPRIO --> AREE EDIFICABILI --> ART. 2 COMMA 89 L. N 244/2007

La pronuncia della sentenza n. 348 del 24 ottobre 2007 della Corte Costituzionale (che ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dei commi 1 e 2 dell'art. 5 bis del D.L. n. 333 del 1992) e l'entrata in vigore dell'art. 2, commi 89 e 90, della legge 24 dicembre 2007 n. 244 con l'espungere dall'ordinamento, quanto alle aree edificabili, i criteri di determinazione dell'indennità di espropriazione stabiliti dal predetto art. 5 bis, hanno prodotto l'effetto di rendere applicabile, limitatamente a tali aree, il criterio del "valore venale".

Per effetto della sentenza della Corte Cost. n. 348/2008 ed art. 2, commi 89 e 90, della L. n. 244/2007, n. 244, in ipotesi di area edificabile l'indennità va determinata in misura pari al valore venale del bene, con la precisazione che "quando l'espropriazione è finalizzata ad attuare interventi di riforma economico - sociale l'indennità è ridotta del 25%" e che "nei casi in cui ... è stata offerta un'indennità provvisoria che, attualizzata, risulta inferiore agli otto decimi di quella determinata in via definitiva, l'Indennità è au... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ... 10%".

In applicazione dell'art. 37 DPR 327/2001, come introdotto dall'art. 2 comma 89 della L. 24.12.2007 n. 244 a seguito della pronuncia di incostituzionalità (cfr. Corte Cost. sentenza n. 348/2007) dell'art. 5 bis del D.L. n. 333 del 1992, il calcolo dell'indennità di espropriazione, in ipotesi di area edificabile, va effettuato secondo il valore venale del bene alla data del decreto di esproprio.

La determinazione dell'indennità di esproprio e di occupazione legittima va operata tenendo conto della sentenze della Corte Costituzionale n. 348 e 349/2007 e della L. 24.12.2007 n. 244 art. 2 comma 89 che, uniformandosi a quel decisum, ha modificato l'art. 37 del DPR 327/2001, per il quale, nell'attuale formulazione, l'indennità di espropriazione di un'area edificatile è determinata nella misura pari al valore venale del bene.

A seguito delle pronunce della Corte Costituzionale dell'ottobre 2007, recepite dalle disposizioni dei commi 89 e 90 dell'art. 2 della L. 244/2007, l'indennità per aree edificabili va liquidata sulla base del valore venale.

Alla luce della sentenza della Corte Cost. n. 348/207 e della L. n. 244/2007 art. 2 comma 89 lett. a che ha novellato il DPR 327/2... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ... comma 1, l'indennità di espropriazione di un'area edificabile è determinata nella misura pari al valore venale del bene.

Il legislatore, con l'art. 2, commi 89 e 90, della legge finanziaria per il 2008 (n. 244 del 2007), ha introdotto nuove norme per la determinazione dell'indennità di esproprio che considerano il valore venale del bene, ridotto del 25% allorché l'espropriazione è diretta ad attuare interventi di riforma economico-sociale e non mere espropriazioni "isolate" .

Con la L. n. 244/2007 (finanziaria 2008) è stato sostituito il comma 1 dell'art. 37 D.P.R. 08.06.2001 n. 327, con la previsione che "l'indennità di espropriazione di un'area edificabile è determinata nella misura pari al valore venale del bene".

Per effetto dell'art. 2 comma 89 L. n. 244/07, il valore di esproprio deve essere determinato in base al valore venale del bene.

Alla luce del disposto di cui alla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, lett."a", 'indennità di espropriazione di un'area edificabile è determinata nella misura pari al valore venale del bene, laddove soltanto "quando l'espropriazione è finalizzata ad attuare interventi... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ... economico-sociale, l'indennità è ridotta del 25 per cento".

INDENNITÀ DI ESPROPRIAZIONE E DI OCCUPAZIONE --> INDENNITÀ DI ESPROPRIO --> AREE EDIFICABILI --> ART. 2 COMMA 89 L. N 244/2007 --> RETROATTIVITÀ (ART. 2 COMMA 90)

I criteri di liquidazione dell'indennità di espropriazione previsti dalla L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 89, introdotti a seguito della dichiarazione d'illegittimità costituzionale del D.L. 11 luglio 1992, n. 333, art. 5-bis, commi 1 e 2, convertito con modificazioni dalla L. 8 agosto 1992, n. 359, si applicano alle sole procedure espropriative avviate dopo l'entrata in vigore del Testo unico, mentre nelle procedure che restano assoggettate al regime previgente, trova applicazione il criterio del valore di mercato, già previsto dalla L. n. 2359 del 1865, art. 39 senza riduzioni, dal momento che la norma intertemporale di cui alla L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 90, prevede la retroattività della nuova disciplina soltanto per i procedimenti espropriativi ancora in corso, e non anche per i giudizi pendenti relativi a procedimenti già definiti.

Nella determinazione dell'indennità d'espropriazione, a seguito della dichiar... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...llegittimità costituzionale del D.L. 11 luglio 1992, n. 333, art. 5 bis, commi 1 e 2, convertito, con modificazioni, dalla L. 8 agosto 1992, n. 359 (sentenza n. 348 del 2007), i criteri previsti dalla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, in quanto introdotti come modifica dal D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, art. 37, commi 1 e 2, si applicano soltanto alle procedure espropriative soggette al predetto Testo Unico - cioè quelle in cui la dichiarazione di pubblica utilità sia intervenuta dopo la sua entrata in vigore (30 giugno 2003), secondo le previsioni dell'art. 57, come modificato dal D.Lgs. 27 dicembre 2002, n. 302.

Nella determinazione dell'indennità di espropriazione, a seguito della dichiarazione di illegittimità costituzionale del D.L. 11 luglio 1992, n. 333, art. 5-bis, (sentenza n. 348 del 2007), i criteri previsti dalla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, in quanto introdotti come modifica dal D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, art. 37, commi 1 e 2, si applicano soltanto alle procedure espropriative soggette al predetto Testo Unico, mentre nelle procedure soggette al regime pregresso rivive la L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39 e va, quindi, fatto riferimento al valore di mercato, atteso che la norma inter... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...i cui alla L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 90, prevede la retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità espropriativa solo per i procedimenti espropriativi in corso, e non anche per i relativi giudizi.

Lo "jus superveniens" costituito dalla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, si applica retroattivamente, in virtù del disposto contenuto nella stessa L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 90, per i soli procedimenti espropriativi in corso, e non anche per i giudizi in corso.

A seguito della declaratoria di illegittimità costituzionale del criterio di indennizzo di cui al D.L. 11 luglio 1992, n. 333, art. 5 bis convertito, con modifiche, nella L. 8 agosto 1992, n. 359 ed al D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, art. 37, commi 1 e 2, da parte della sentenza n. 348 del 2007 della Corte costituzionale, lo "jus superveniens" costituito dalla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, si applica retroattivamente, in virtù del disposto contenuto nella stessa L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 90, per i soli procedimenti espropriativi in corso, e non anche per i giudizi in corso.

Lo "jus superveniens" costituito dalla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2,... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...lett. a), si applica retroattivamente per i soli procedimenti espropriativi in corso, e non anche per i giudizi in corso (Cass., Sez. un., 28 febbraio 2008, n. 5265).

L'art. 2, comma 89, lett. a), L n. 244/2007 che ha introdotto modifiche all'art. 37, commi 1 e 2, del D.P.R. n. 327 del 2001 segue la disciplina transitoria prevista dall'art. 57 medesimo decreto, restando inapplicabile nei procedimenti espropriativi in cui la dichiarazione di pubblica utilità sia stata emessa prima del 30 giugno 2003, e tenuto conto che la norma intertemporale di cui alla L. n. 244 cit., art. 2, comma 90, prevede la retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità espropriativa solo per i procedimenti espropriativi in corso, e non anche per i giudizi pendenti.

La L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, lett. a), avendo introdotto modifiche al D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, art. 37, commi 1 e 2, segue la disciplina transitoria prevista dall'art. 57 D.P.R. cit., ed è quindi inapplicabile nei procedimenti espropriativi in cui la dichiarazione di pubblica utilità sia stata emessa prima del 30 giugno 2003, mentre la norma intertemporale di cui alla L. n. 244 cit., art. 2, comma 90, prevede la retroattività... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...va disciplina di determinazione dell'indennità espropriativa solo per i procedimenti espropriativi in corso, e non anche per i giudizi.

La norma intertemporale di cui alla L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 90, prevede la retroattività della disciplina di determinazione dell'indennità espropriativa prevista dal precedente comma 89, (che ha modificato del D.P.R. n. 327 del 2001, l'art. 37, commi 1 e 2, introducendo un criterio analogo a quello previsto dalla legge fondamentale), solo, per i procedimenti espropriativi in corso e non anche per i procedimenti giudiziari pendenti.

A seguito della declaratoria d'illegittimità costituzionale del criterio di indennizzo di cui al D.L. 11 luglio 1992, n. 333, art. 5-bis, convertito, con modifiche, nella L. 8 agosto 1992, n. 359 ed al D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, art. 37, commi 1 e 2, da parte della sentenza n. 348 del 2007 della Corte costituzionale, lo "jus superveniens" costituito dalla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, lett. a) si applica retroattivamente per i soli procedimenti espropriativi in corso, e non anche per i giudizi in corso.

La L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 89, lett. a) che ha introdotto modifiche al D.P.R. n. 327 del 2001, ... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...mmi 1 e 2, segue la disciplina transitoria prevista dal D.P.R. cit., art. 57 ed è quindi inapplicabile nei procedimenti espropriativi in cui la dichiarazione di pubblica utilità sia stata emessa prima della sua entrata in vigore, mentre la norma intertemporale di cui alla medesima L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 90, prevede la retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità espropriativa, solo, per i procedimenti espropriativi in corso e non anche per i procedimenti giudiziari pendenti.

A seguito della declaratoria d'illegittimità costituzionale del criterio d'indennizzo di cui al D.L. 11 luglio 1992, n. 333, art. 5 bis convertito, con modifiche, nella L. 8 agosto 1992, n. 359 ed al D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, art. 37, commi 1 e 2, da parte della sentenza n. 348 del 2007 della Corte costituzionale, lo "jus superveniens" costituito dalla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, lett. a), si applica retroattivamente per i soli procedimenti espropriativi in corso, e non anche per i giudizi in corso.

La norma intertemporale di cui alla L. n. 244/2007, all'art. 2, comma 90, prevede la retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità espropriati... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ... i procedimenti espropriativi in corso, e non anche per i giudizi.

Secondo il costante orientamento, a seguito della declaratoria d'illegittimità costituzionale del criterio di indennizzo di cui al D.L. 11 luglio 1992, n. 333, art. 5-bis, convertito, con modifiche, nella L. 8 agosto 1992, n. 359 ed al D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, art. 37, commi 1 e 2, da parte della sentenza n. 348 del 2007 della Corte costituzionale, lo "jus superveniens" costituito dalla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, lett. a) si applica retroattivamente per i soli procedimenti espropriativi in corso, e non anche per i giudizi in corso.

La riduzione dell'indennità in ipotesi di interventi di riforma economico-sociale introdotta dalla L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 89, trova applicazione, in virtù della disciplina transitoria dettata dall'art. 2 cit., comma 90, ai soli procedimenti espropriativi ancora in corso, per tali intendendosi, quelli che alla data di entrata in vigore della predetta legge non si si siano ancora conclusi per effetto dell'intervenuta emissione del decreto di espropriazione, e non anche i giudizi che siano ancora in corso per la determinazione delle indennità relative a procedimenti amministrativi defin... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...ella predetta data.

Lo ius superveniens costituito dalla L. n. 244 del 2007, art. 2, commi 89 e 90, che ha modificato il D.P.R. n. 327 del 2001, art. 37, commi 1 e 2, segue la disciplina transitoria prevista dall'art. 57 del citato decreto, ed è quindi inapplicabile nei procedimenti espropriativi in cui la dichiarazione di pubblica utilità sia stata emessa prima del 30 giugno 2003; la norma intertemporale di cui al menzionato comma 90 prevede altresì una limitata retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità di espropriazione solo con riferimento "ai procedimenti espropriativi" e non anche ai giudizi in corso.

A seguito della dichiarazione d'illegittimità costituzionale del D.L. 11 luglio 1992, n. 333, art. 5-bis, commi 1 e 2, convertito in legge, con modificazioni, dalla L. 8 agosto 1992, n. 359, art. 1, comma 1 e del D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, art. 37, commi 1 e 2 (Corte costituzionale, sentenza n. 348 del 2007), i criteri previsti dalla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, lett. a) - che ha sostituito del D.P.R. n. 327 del 2001, art. 37, commi 1 e 2, si applicano soltanto, secondo quanto disposto dalla stessa L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 90, ai procedime... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...iativi in corso soggetti alla disciplina di cui al predetto D.P.R. n. 327 del 2001.

Nella determinazione dell'indennità di espropriazione, a seguito della dichiarazione d'illegittimità costituzionale del D.L. 11 luglio 1992, n. 333, art. 5 bis, commi 1 e 2, convertito, con modificazioni, dalla L. 8 agosto 1992, n. 359, resa dalla Corte Costituzionale con sentenza n. 348 del 24.10.2007, i criteri previsti dalla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, in quanto introdotti come modifica dal D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, art. 37, commi 1 e 2 (t.u. espropriazioni), si applicano soltanto alle procedure espropriative soggette al predetto Testo Unico - cioè quelle in cui la dichiarazione di pubblica utilità sia intervenuta dopo la sua entrata in vigore.

L'abbattimento del 25% previsto dall'art. 37 comma 1 del D.P.R. n. 327 del 2001 per l'ipotesi in cui l' espropriazione sia ".... finalizzata ad attuare interventi di riforma economico – sociale" è applicabile per effetto del disposto dell'art. 2 comma 90 della L. n. 244 del 2007 a tutti i procedimenti espropriativi in corso, salvo che la determinazione dell'indennità di espropriazione sia stata condivisa, ovvero accettata, o sia comunque divenuta ir... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...

La L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, lett. a), avendo introdotto modifiche al D.P.R. 327/2001, art. 37, commi 1 e 2, segue la disciplina transitoria prevista dall'art. 57 D.P.R. cit., ed è quindi inapplicabile nei procedimenti espropriativi in cui la dichiarazione di p.u. sia stata emessa prima del 30 giugno 2003, mentre la norma intertemporale di cui alla cit. L. n. 244, art. 2, comma 90, prevede la retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità espropriativa solo per i procedimenti espropriativi in corso e non anche ai giudizi in corso. La norma indicata si applica pertanto solo alle espropriazioni disciplinate ratione temporis dal T.U. n. 327 del 2001, e, nell'ambito di esse, ai soli procedimenti in corso e non già ai giudizi in corso.

Il D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, art. 37, nel testo modificato a seguito della sentenza della Corte Cost. n. 348/2007, dalla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, riguarda ai sensi dell'art. 57 del medesimo D.P.R., come modificato dal D.Lgs. 27 dicembre 2002, n. 307, le sole procedure espropriative per le quali la dichiarazione di pubblica utilità sia intervenuta successivamente al 30 giugno 2003, nonché, ai sensi dell'art. 2 ci... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...0, gli altri procedimenti espropriativi in corso, ma non anche i giudizi, relativi a procedimenti già conclusi.

Il tenore letterale e la ratio della L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 90, fanno ritenere che l'espressione non può che riferirsi, al fine di indicare le ipotesi in cui si debba dare ingresso al testo dell'art. 37 riscritto al comma 89 secundum constitutionem, ai soli procedimenti determinativi pendenti all'1.1.2008, per i quali soltanto l'indennità può ancora essere determinata secondo lo jus superveniens, fermo restando che, per i procedimenti espropriativi pur successivi al 1 luglio 2003, ma definiti prima della entrata in vigore della novella, non può che darsi ingresso al criterio del valore venale pieno.

La norma intertemporale di cui alla L. n. 244/2007 , art. 2, comma 90, estende retroattivamente la nuova disciplina soltanto ai procedimenti espropriativi ancora in corso, escludendone pertanto l'applicabilità a quelli già conclusi, ancorché alla data della sua entrata in vigore fosse ancora pendente il giudizio riguardante la determinazione dell'indennità.

I criteri previsti dalla L. 244/2007 art. 2, comma 89, in quanto introdotti a modifica del D.P.R. n. ... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...1, art. 37, commi 1 e 2, si applicano soltanto alle procedure espropriative soggette al predetto testo unico, mentre nelle procedure soggette al regime pregresso, rivive la L. n. 2359/1865, art. 39 e va, quindi, fatto riferimento al valore di mercato, atteso che la norma intertemporale di cui alla L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 90, prevede la retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità espropriativa solo per i "procedimenti" amministrativi di espropriazione in corso, e non anche per i giudizi. Non si pone dunque neppure questione di decurtabilità del 25% del valore venale, che vale solo per i soli procedimenti espropriativi in corso e non rilevante nei giudizi in corso.

Per i procedimenti per i quali all'entrata in vigore del TU sia già intervenuta la dichiarazione di pubblica utilità non è applicabile la normativa di cui all'art. 37 T.U sia nel testo originario, che a maggiore ragione in quello modificato dalla L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 89, con la speciale previsione della riduzione del 25% allorché l'espropriazione è destinata da una specifica disposizione legislativa "ad attuare interventi di riforma economico-sociale", peraltro invocabile soltanto, ... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...ato anche dalle Sezioni Unite della Corte, ai procedimenti (amministrativi) in corso e non anche ai processi in corso alla data di entrata in vigore della nuova legge.

Lettera chiarissima e ratio della L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 90 fanno ritenere che l'espressione non può che riferirsi, al fine di indicare le ipotesi in cui si debba dare ingresso al testo dell'art. 37 riscritto al comma 89 secundum constitutionem, ai procedimenti determinativi pendenti all'1.1.2008, per i quali soltanto l'indennità può ancora essere determinata secondo lo jus superveniens.

I criteri previsti dalla L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 89, in quanto introdotti a modifica del D.P.R. n. 327 del 2001, art. 37, commi 1 e 2 si applicano soltanto alle procedure espropriative soggette al predetto testo unico, mentre nelle procedure soggette al regime pregresso rivive la L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39 e va, quindi, fatto riferimento al valore di mercato, atteso che la norma intertemporale di cui alla L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 90, prevede la retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità espropriativa solo per i "procedimenti" amministrativi di espropriazione in corso, e non anche per i giudiz... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...br /> La decurtabilità del 25% del valore venale, vale solo per i procedimenti espropriativi in corso e non è rilevante nei giudizi in corso.

La norma intertemporale di cui alla L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 90 prevede la retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità espropriativa solo per i procedimenti espropriativi in corso, e non anche per i giudizi in corso nei quali pertanto è inapplicabile la detrazione del 25% prevista dal D.P.R. 327, art. 37.

La norma intertemporale di cui alla L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 90, prevede una (limitata) retroattività della nuova disciplina di determinazione della indennità espropriativa, ma solo con riferimento ai "procedimenti espropriativi", e non anche ai giudizi, "in corso".

Lo "ius superveniens" costituito dalla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, commi 89 e 90, si applica solo ai procedimenti espropriativi e non anche ai giudizi in corso.

La norma intertemporale di cui al comma 90 dell'art. 2 della L. n. 244 del 2007, prevede una limitata retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità di espropriazione di cui al precedente comm... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...l sistema delle riduzioni e delle maggiorazioni dalla stessa riproposto), solo con riferimento "ai procedimenti espropriativi" e non anche ai giudizi in corso.

Il criterio di cui al D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, art. 37 nel testo modificato dalla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, riguarda, ai sensi dell'art. 57 del medesimo D.P.R., le sole procedure espropriative per le quali la dichiarazione di pubblica utilità sia intervenuta successivamente al 30 giugno 2003, nonché, ai sensi del comma 90 dell'art. 2 legge cit., i procedimenti espropriativi in corso, ma non anche i giudizi.

Le disposizioni di cui alla L. n. 244 del 2007, art. 2, ivi compresa la riduzione del 25%, si applicano retroattivamente ai soli procedimenti espropriativi ancora in corso e non anche ai giudizi in corso.

Lettera chiarissima e ratio della L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 90, fanno ritenere che l'espressione non può che riferirsi, al fine di indicare le ipotesi in cui si debba dare ingresso al testo dell'art. 37 riscritto al comma 89 secundum constitutionem, ai procedimenti determinativi pendenti all'1.1.2008, per i quali soltanto l'indennità può ancora essere determinata secondo lo jus superveniens.
[Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...Una volta venuto meno a seguito della sentenza della Corte costituzionale n. 348 del 2007 - il criterio riduttivo dell'indennizzo di cui all'art. 5-bis del D.L. 11 luglio 1992, n. 333, torna nuovamente applicabile - sia ai fini della determinazione dell'indennità di espropriazione che ai fini di quella di occupazione temporanea - il criterio generale del valore venale del bene fissato dall'art. 39 della L. 25 giugno 1865, n. 2359, mentre lo "ius superveniens" costituito dall'art. 2, commi 89 e 90, della L. 24 dicembre 2007, n. 244, si applica solo ai procedimenti espropriativi e non anche ai giudizi in corso.

La norma intertemporale di cui all'art. 2 comma 90 L. n. 244 del 2007, prevede una limitata retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità di espropriazione solo con riferimento "ai procedimenti il espropriativi" e non anche ai giudizi in corso.

La norma intertemporale di cui all'art. 2 comma 90 L. n. 244 del 2007 prevede una limitata retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità di espropriazione solo con riferimento "ai procedimenti il espropriativi" e non anche ai giudizi in corso.

Lo jus superveniens costituito dall... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...embre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, lett. a), si applica retroattivamente per i soli procedimenti espropriativi in corso, e non anche per i giudizi in corso.

Per effetto della sentenza della Corte costituzionale n. 348 del 2007, ai fini della determinazione del conguaglio del prezzo delle cessioni volontarie di terreno edificabile, deve farsi applicazione del criterio generale del valore venale del bene, fissato dalla L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39, giacché lo "ius superveniens" costituito dalla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, commi 89 e 90, si applica solo ai procedimenti espropriativi e non anche ai giudizi in corso.

Il D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, art. 37 nel testo modificato dalla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, riguarda, ai sensi dell'art. 57 del medesimo D.P.R., come modificato dal D.Lgs. 27 dicembre 2002, n. 307, le sole procedure espropriative per le quali la dichiarazione di pubblica utilità sia intervenuta successivamente al 30 giugno 2003, nonché, ai sensi del comma 90 dell'art. 2 cit.. gli altri procedimenti espropriativi in corso, ma non anche i giudizi relativi a procedimenti già conclusi.

In forza della norma intertemporale di cui al comma 90 art. 2 L. n.... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...lo ius superveniens costituito dalla cit. L. n. 244 art.2 comma 89 e 90, ivi compresa la riduzione del 25% prevista per le indennità riferibili ad espropriazioni finalizzate ad attuare interventi di riforma economico-sociale, si applica ai procedimenti espropriativi in corso e non anche ai giudizi in corso.

In ipotesi di terreno avente destinazione edificatoria deve applicarsi, sia per la determinazione dell'indennità di espropriazione che per quella di occupazione temporanea, il criterio generale del valore venale del bene fissato dalla L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39: a nulla rilevando lo "ius superveniens" costituito dalla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, commi 89 e 90, che si applica solo ai procedimenti espropriativi (e non anche ai giudizi) in corso.

Lo "ius superveniens" costituito dalla L. n. 244 del 2007, art. 2 comma 89, che prevede la riduzione del 25% dell'indennità allorché l'espropriazione sia finalizzata ad interventi di riforma economico - sociale, trova applicazione in forza della norma intertemporale di cui al successivo comma 90 limitatamente ai procedimenti espropriativi in corso e non anche ai giudizi in corso.

Lo "ius superveniens" costituito dalla... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...del 2007, art. 2, comma 89, che prevede la riduzione del 25% dell'indennità allorché l'espropriazione sia finalizzata ad interventi di riforma economico - sociale, per effetto della norma intertemporale di cui al successivo comma 90, trova applicazione limitatamente ai "procedimenti espropriativi in corso e non anche ai giudizi in corso".

La norma intertemporale di cui al comma 90 dell'art. 2 della L. n. 244/2007 prevede una limitata retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità di espropriazione solo con riferimento "ai procedimenti espropriativi" e non anche ai giudizi in corso.

A seguito della sentenza n. 348 del 2007 della Corte costituzionale, lo "jus superveniens" costituito dalla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, lett. a), si applica retroattivamente per i soli procedimenti espropriativi in corso, e non anche per i giudizi in corso, come confermato dalla norma intertemporale di cui alla cit. L. n. 244, art. 2, comma 90.

La norma intertemporale di cui al comma 90 art. 2 L. n. 244/2007, prevede una limitata retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità di espropriazione di cui al precedente comma 89, sol... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...imento "ai procedimenti espropriativi" e non anche ai giudizi in corso, per i quali trova applicazione la regola generale dell'art. 39 L. n. 2359/1865.

Nei giudizi in corso non trova applicazione lo ius superveniens costituito dalla L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 89, bensì l'art. 39 L. n. 2359/1865; va evidenziata la corrispondenza di tale opzione ermeneutica con la giurisprudenza della Corte Edu, nonché della Grande Chambre della Corte, la quale, pur non escludendo che in materia civile una nuova normativa possa avere efficacia retroattiva, ha ripetutamente considerato lecita l'applicazione dello ius superveniens in causa soltanto in presenza di "imperieux motifs d'interet general".

A seguito della sentenza della Corte Costituzionale n. 348 del 2007, lo jus superveniens, costituito dalla L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 89, lett. a), si applica retroattivamente ai soli procedimenti espropriativi in corso e non anche per i giudizi in corso, come confermato dalla norma intertemporale di cui all'art. 2, comma 90, L. cit.

La L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, lett. a) si applica retroattivamente per i soli procedimenti espropriativi in corso, e non anche per i giudizi in corso, come confe... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ... norma intertemporale di cui all'art. 2, comma 90.

La lettera chiarissima e ratio della L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 90 fanno ritenere che l'espressione non può che riferirsi, al fine di indicare le ipotesi in cui si debba dare ingresso al testo dell'art. 37 riscritto al comma 89 secundum constitutionem, ai soli procedimenti determinativi pendenti all'1.1.2008, fermo restando che, per i procedimenti espropriativi pur successivi ad 1.7.2003 ma definiti prima della entrata in vigore della novella, non può che darsi ingresso al criterio del valore venale pieno di cui alla L. n. 2359 del 1865, art. 39.

Lo ius superveniens costituito dall'art. 2, commi 89 e 90, l. 24 dicembre 2007 n. 244, si applica solo ai procedimenti espropriativi e non anche ai giudizi in corso.

La riduzione del 25% dell'indennità prevista nella L. 24 dicembre 2007, n. 244, è applicabile solo nei procedimenti espropriativi in corso e non rilevante nei giudizi in corso.

Alla luce della norma intertemporale di cui alla L. n. 244/2007 art. 2, comma 90, la retroattività della nuova disciplina di determinazione dell' indennità di esproprio di cui al comma 89 trova applicazione limitatamente ai procedimenti esprop... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...corso e non anche ai giudizi in corso

Per effetto della norma intertemporale di cui al comma 90 art. 2 L. n. 244/2007, la retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità di esproprio di cui al precedente comma 89, che prevede la riduzione del 25% dell'indennità allorché l'espropriazione sia finalizzata ad interventi di riforma economico - sociale, opera limitatamente ai procedimenti espropriativi in corso e non anche ai giudizi in corso.

La norma intertemporale di cui all'art. 2 comma 90 L. n.244/2007 prevede una limitata retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità di espropriazione solo con riferimento "ai procedimenti in corso".

La norma intertemporale di cui all'art. 2 comma 90 L.n. 244/2007, prevede una limitata retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità di espropriazione solo con riferimento "ai procedimenti espropriativi" e non anche ai giudizi in corso.

A seguito della sentenza della Corte Cost. n. 348/2007, lo "jus superveniens" costituito dalla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, lett. a), si applica retroattivamente per i soli procedimenti esprop... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...corso, e non anche per i giudizi in corso, come confermato dalla norma intertemporale di cui alla cit. L. n. 244, art. 2, comma 90.

Al criterio del valore venale fa riferimento il D.P.R. n. 327/2001, art. 37, nel testo modificato dalla L. n. 244/2007, art. 2, comma 89, il quale è applicabile, ai sensi del medesimo D.P.R., art. 57, alle sole procedure espropriative per le quali la dichiarazione di pubblica utilità sia intervenuta successivamente al 30 giugno 2003, nonché, ai sensi del cit. art. 2, comma 90, agli altri procedimenti espropriativi in corso, ma non anche ai giudizi riguardanti procedimenti già conclusi.

La norma intertemporale di cui al comma 90 art. 2 L. n. 244/2007, prevede una limitata retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità di espropriazione, solo con riferimento "ai procedimenti espropriativi" e non anche ai giudizi in corso.

La norma intertemporale di cui all'art. 2, comma 90, della legge n. 244/2007, prevede la retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità espropriativa solo per i procedimenti espropriativi in corso, e non anche per i giudizi.

La norma di diritto intertemporale di cu... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...90 della L. n. 244/2007, art. 2 prevede una limitata retroattività della nuova disciplina, con riferimento solo "ai procedimenti espropriativi" e non anche ai giudizi in corso.

La L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 89, lett. a), si riferisce alle "procedure in corso" e non anche ai giudizi in corso, nei quali sia ancora in discussione la misura delle indennità, relativamente ai quali va fatta applicazione della L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39.

La norma di diritto intertemporale di cui al comma 90 dell'art. 2 della L. n. 244/2007 prevede una limitata retroattività della nuova disciplina in materia di indennità di cui al precedente comma 89, con riferimento solo "ai procedimenti espropriativi" e non anche ai giudizi in corso.

Lo jus superveniens rappresentato dal D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, art. 37, commi 1 e 2, come modificato dalla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, ai sensi del comma 90 di quest'ultimo articolo, si applica ai procedimenti espropriativi in corso, e non anche ai giudizi aventi ad oggetto la determinazione dell'indennità di espropriazione con riferimento a procedimenti che risultino già conclusi con l'emissione del decreto ablatorio... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...r /> La norma intertemporale di cui all'art. 2 comma 90 L. n. 244/2007 limita la retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità dì esproprio di cui al precedente comma 89 ai procedimenti espropriativi in corso e non anche ai giudizi in corso.

La norma di diritto intertemporale di cui al comma 90 art. 2 L n. 244/2007 prevede una limitata retroattività della nuova disciplina in materia di indennità di cui al precedente comma 89, con riferimento solo "ai procedimenti espropriativi" e non anche ai giudizi in corso.

La norma intertemporale di cui al comma 90 dell'art. 2 L. n. 244/1990 prevede una limitata retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità di espropriazione solo con riferimento "ai procedimenti espropriativi" e non anche ai giudizi in corso.

Le modifiche al DPR 327/2001 apportate dalla L. n. 244/2007, art. 2, comma 89 per il successivo comma 90, "si applicano " soltanto ai "procedimenti espropriativi in corso e "non anche ai giudizi in corso". Il concetto di "procedimenti espropriativi in corso", per la sua specifica ed univoca valenza tecnico - giuridica, richiama unicamente l'a... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...er amministrativo teso all'ablazione del bene e di conseguenza, tale concetto, non legittima nessun riferimento alla pendenza di una controversia avente ad oggetto il pagamento di indennità.

La norma intertemporale di cui al comma 90 dell'art. 2 L. n. 244/2007 prevede una limitata retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità di espropriazione, solo con riferimento "ai procedimenti espropriativi" e non anche ai giudizi in corso.

La norma intertemporale di cui al comma 90 dell'art. 2 L. n. 244/2007 prevede bensì una limitata retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità espropriativa, ma solo con riferimento ai procedimenti espropriativi e non anche ai giudizi in corso.

La norma intertemporale di cui all'art. 2 comma 90 L. n. 244/2007 prevede una limitata retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità di espropriazione solo con riferimento "ai procedimenti espropriativi" e non anche ai giudizi in corso.

La norma intertemporale di cui all'art. 2 comma 90 L. n. 244/2007, prevede una limitata retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità di e... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...ne solo con riferimento "ai procedimenti espropriativi" e non anche ai giudizi in corso.

La norma intertemporale di cui all'art. 2 comma 90 L. n. 244/2007 prevede una limitata retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità di espropriazione solo con riferimento "ai procedimenti espropriativi" e non anche ai giudizi in corso.

La norma intertemporale di cui alla L. n. 244/207, art. 2, comma 90, prevede la retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità espropriativa solo per i procedimenti espropriativi in corso, e non anche per i giudizi.

La norma intertemporale di cui alla L. n. 244/2007, art. 2, comma 90, prevede la retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità espropriativa solo per i procedimenti espropriativi in corso, e non anche per i giudizi.

Con la L.. n. 244/2007 (finanziaria 2008) è stato sostituito il comma I dell'art. 37 D.P.R. 8.6.2001 n. 327 con la previsione che "l'indennità di espropriazione di un'area edificabile è determinata nella misura pari al valore venale del bene". La disposizione, per espressa previsione contenuta nell'art. 2 comma 90 L... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...è applicabile a tutti i procedimenti in corso "salvo che la determinazione dell'indennità di espropriazione sia stata condivisa, ovvero accettata, o sia comunque divenuta irrevocabile".

L'art. 2 comma 90 L. n. 244/2007 prevede una limitata retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità di espropriazione di cui al precedente comma 89 solo con riferimento "ai procedimenti espropriativi" e non anche ai giudizi in corso.

La norma sopravvenuta contenuta nella L. n. 244 del 2007, art. 2, commi 89 e 90, che prevede che "Quando l'espropriazione è finalizzata ad attuare interventi di riforma economico-sociale, l'indennità è ridotta del venticinque per cento", non è applicabile ratione temporis ai giudizi in corso atteso che il disposto del comma 90, ne prevede limitata retroattività "ai procedimenti espropriativi".

I criteri dettati dall'art. 2 commi 89 e 90 lett. a) della L. 244/07 sono applicabili in via retroattiva ai soli procedimenti espropriativi - e non ai giudizi - in corso alla data della sua entrata in vigore, per i quali trova necessariamente applicazione il criterio del valore venale del bene previsto dall'a... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...a L. n. 2359 del 1865.

Qualora sia stata messa in discussione la determinazione dell'indennità di espropriazione, per effetto della L. n. 244/2007 art. 2 comma 90, non può più trovare applicazione nel giudizio il D.L. 11 luglio 1992, n. 333, art. 5 bis, comma 1, convertito, con modificazioni, dalla L. 8 agosto 1992, n. 359. l'art. 5 bis che disponeva la determinazione del valore dell'area fabbricabile sulla base della semisomma del valore venale e della rendita catastale capitalizzata, con la decurtazione del 40%.

La norma intertemporale di cui all'art. 2 comma 90 L. n. 244/2007, prevede una limitata retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità di espropriazione solo con riferimento "ai procedimenti espropriativi" e non anche ai giudizi in corso; in suddetta ipotesi trova applicazione l'art. 39 L. n. 2359/1865.

La norma intertemporale di cui all'art. 2, comma 90, della L. n. 244/2007 prevede la retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità espropriativa solo per i procedimenti espropriativi in corso, e non anche per i giudizi.

La norma intertemporale di cui al comma 90 dell'art. 2 L. n. 244/2007, prevede una limit... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...tività della nuova disciplina "ai procedimenti espropriativi" e non anche ai giudizi in corso.

La norma intertemporale di cui alla cit. L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 90, prevede la retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità espropriativa solo per i procedimenti espropriativi in corso, e non anche per i giudizi.

Il criterio estimativo di cui all'art. 37 DPR 327/2001, ex art. 2 comma 90 L. n. 244/2007, è applicabile a tutti i procedimenti espropriativi in corso in cui la determinazione dell'indennità non sia divenuta irrevocabile.

Lo ius superveniens costituito dalla L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 89 che prevede la riduzione del 25% dell'indennità allorché l'espropriazione sia finalizzata ad interventi di riforma economico-sociale, può trovare applicazione, per effetto della norma intertemporale di cui al successivo comma 90, limitatamente ai "procedimenti espropriativi in corso" e non anche ai giudizi in corso.

La norma intertemporale, di cui all'art. 2, comma 90 della L. n. 244/2007, prevede una limitata retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità di espropriazione solo co... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...to "ai procedimenti espropriativi" e non anche ai giudizi in corso.

L'art. 2 comma 90 L. n. 244/2007, ha esteso il criterio indennitario di cui al comma 89 a tutti i procedimenti espropriativi in corso, salvo che la determinazione dell'indennità di espropriazione sia stata condivisa, ovvero accettata, o sia divenuta irrevocabile; suddetta norma trova pertanto applicazione in ipotesi in cui la questione sia ancora sub iudice.

Lo ius superveniens costituito dalla L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 89 che prevede la riduzione del 25% dell'indennità allorché l'espropriazione sia finalizzata ad interventi di riforma economico-sociale, può trovare applicazione per effetto della norma intertemporale di cui al successivo comma 90, limitatamente ai "procedimenti espropriativi in corso" e non anche ai giudizi in corso.

La norma intertemporale di cui alla L. n. 244 del 1977, art. 2, comma 90 consente la retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità di cui all'art. 2 comma 89, ivi compresa la riduzione del 25% dell'indennità allorché l'espropriazione sia finalizzata ad interventi di riforma economica sociale, limitatamente ai "procedimenti espr... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...uot; e non anche ai giudizi già in corso.

La norma intertemporale di cui all'art. 2 comma 90 della L. n. 244/2007, prevede una limitata retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità di espropriazione solo con riferimento "ai procedimenti espropriativi" e non anche ai giudizi in corso.

Per effetto dell'art. 2 comma 90 L. n. 244 del 2007, il nuovo criterio indennitario previsto dalla norma medesima si applica ai "procedimenti espropriativi in corso" e non anche ai giudizi in corso.

Il criterio indennitario di cui alla L. n. 244/2007 art. 2 comma 89 che ha modificato l'art. 37 DPR 327/2001, equiparando l'indennità di espropriazione delle aree edificabili ai loro valore di mercato, si applica, per effetto della norma intertemporale di cui al comma 90, a tutti i procedimenti espropriativi in corso e non anche i giudizi in corso, con riferimento ai quali troverà applicazione il criterio dettato dall'art. 39 della L. n. 2359/1865, secondo cui l'indennità deve corrispondere al valore di mercato del bene sottratto al privato.

La norma intertemporale di cui all'art. 2 comma 90 della L. n. 244/2007 prevede una limitata retroattività della ... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...plina di determinazione dell'indennità di espropriazione solo con riferimento "ai procedimenti espropriativi" e non anche ai giudizi in corso.

La L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 90, dispone che il nuovo criterio indennitario si applica a tutti i procedimenti espropriativi in corso, salvo che la determinazione dell'indennità di espropriazione sia stata condivisa, ovvero accettata, o sia comunque divenuta irrevocabile.

Lo "ius superveniens" costituito dalla L. n. 244 del 2007, art. 2, commi 89, trova applicazione, alla luce della norma intertemporale di cui al comma 90, solo con riferimento "ai procedimenti espropriativi" e non già ai giudizi in corso.

La norma intertemporale di cui all'art. 2, comma 90, della L. n. 244/2007, prevede la retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità espropriativa solo per i procedimenti espropriativi in corso, e non anche per i giudizi.

La norma intertemporale di cui al comma 90 dell'art. 2 L. n. 244/2007 prevede una limitata retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità di espropriazione solo con riferimento "ai procedimenti espropriativi" e non anche ... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...in corso.

L'art. 2 comma 90 L. n. 244/2007, ha espressamente stabilito che i nuovi criteri indennitari di cui al comma 89, si applicano non a tutti i giudizi ma a tutti i procedimenti espropriativi in corso.

La norma intertemporale di cui all'art. 2 comma 90 L. n. 244/2007 prevede una limitata retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità di espropriazione di cui al comma 89, solo con riferimento "ai procedimenti espropriativi" e non anche ai giudizi in corso.

Il comma 90 dell'art. 2 L. n. 244/2007 ha espressamente stabilito che i nuovi criteri indennitari previsti dal comma 89 si applicano non a tutti i giudizi ma a tutti i procedimenti espropriativi in corso.

La norma intertemporale di cui all'art. 2 comma 90 L. n. 244/2007, riconosce una limitata retroattività alla nuova disciplina di determinazione dell'indennità di esproprio di cui al comma 89, in quanto applicabile solo "ai procedimenti espropriativi" e non già ai giudizi in corso.

La disposizione di cui all'art. 2 comma 89 L. n. 244/2007, è applicabile a tutti i giudizi in cui l'indennità non è divenuta irrevocabile.

I criteri indennit... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...alla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, trovano applicazione per effetto del comma 90, non a tutti i giudizi ma a tutti i procedimenti espropriativi in corso.

La disposizione di cui alla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, lett."a", colmando il vuoto normativo conseguente alla sent. Corte Cost. n. 348/2007, risulta, ai sensi del comma 90 del sopra citato art. 2, applicabile "a tutti i procedimenti espropriativi in corso, salvo che la determinazione dell'indennità di espropriazione sia stata condivisa, ovvero accettata, o sia comunque divenuta irrevocabile"; la citata normativa trova pertanto applicazione in ipotesi in cui risulti contestata la quantificazione dell'indennità.

INDENNITÀ DI ESPROPRIAZIONE E DI OCCUPAZIONE --> INDENNITÀ DI ESPROPRIO --> AREE EDIFICABILI --> ART. 2 COMMA 89 L. N 244/2007 --> RETROATTIVITÀ (ART. 2 COMMA 90) --> ACCETTAZIONE INDENNITÀ

Le disposizioni dell'art. 14 l. 10/77 e dell'art. 20 d.P.R. 327/01 prevedono che l'accettazione, o condivisione dell'indennità stimata dall'amministrazione, sia espressamente manifestata con atto notificato. Ne consegue che, in mancanza di un documento dal quale desumere l... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ... volontà di accettare il prezzo unitario di cessione stabilito dall'Amministrazione, devono ritenersi applicabili i criteri stabiliti dall'art. 2 commi 89 e 90 della l. 244/2007, che espressamente si applicano ai procedimenti in corso alla data di entrata in vigore purché non sia stato condiviso accettato o divenuto irrevocabile un diverso prezzo.

La nuova norma introdotta dalla L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 89 non può trovare applicazione al procedimento espropriativo riattivato dopo la rinunzia alla cessione volontaria alle accettate condizioni, trovando applicazione la previsione transitoria ostativa alla estensione del novum in ragione del fatto che l'indennità è stata accettata (art. 2 citato, comma 90).

La previsione di cui all'art. 2 comma 90 L. n. 244/2007 recupera i profili di negozialità per adesione per affermare la sopravvivenza della vecchia regola di determinazione dell'indennità le sole volte in cui alla data di entrata in vigore della stessa legge, pur ancora pendente il procedimento espropriativo e quindi pur essendo possibile l'applicazione del nuovo testo dell'art. 37, commi 1 e 2 del T.U. (come novellato secundum constitutionem dal comma 89, lett. A), l'indennità stessa ... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...to una veste di fatto in termini di irretrattabilità, per consenso dell'espropriando (id est: sia stata accettata, condivisa o sia divenuta irrevocabile comunque); tale previsione obbedisce a criteri di ragionevolezza.

INDENNITÀ DI ESPROPRIAZIONE E DI OCCUPAZIONE --> INDENNITÀ DI ESPROPRIO --> AREE EDIFICABILI --> ART. 2 COMMA 89 L. N 244/2007 --> RETROATTIVITÀ (ART. 2 COMMA 90) --> COSTITUZIONALITÀ

La prospettata illegittimità costituzionale della L. n. 244 del 2007, art. 2, commi 89 e 90, per la violazione degli artt. 3, 42 e 97 Cost., ove interpretati nel senso dell'applicabilità solo ai procedimenti espropriativi in corso e non anche ai giudizi in corso, è smentita in radice dai principi affermati nella pronuncia 348/2007 della Corte cost., alla stregua dei criteri generali fissati dalla CEDU nell'interpretazione dell'art. 1 del primo Protocollo della Convenzione, e che hanno condotto alla declaratoria d'illegittimità costituzionale della L. n. 359 del 1992, art. 5 bis, ed in via consequenziale, del D.P.R. n. 327 del 2001, art. 37, commi 1 e 2.

La non applicazione della nuova disposizione premiale di cui al comma 89 art. 2 L. n. 244/2007 ai giudizi in co... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...cedenti alla disciplina del T.U., è conforme ai principi enunciati dalla CEDU e perciò stesso al precetto dell'art. 117 Cost. e d'altra parte non viola il principio di eguaglianza di cui all'art. 3 Cost., invocabile in situazioni che si svolgono nell'ambito della medesima dimensione temporale, non già quando si abbia il succedersi nel tempo di situazioni diversamente regolate.

INDENNITÀ DI ESPROPRIAZIONE E DI OCCUPAZIONE --> INDENNITÀ DI ESPROPRIO --> AREE EDIFICABILI --> ART. 2 COMMA 89 L. N 244/2007 --> RETROATTIVITÀ (ART. 2 COMMA 90) --> PROCEDIMENTI ANTE TU

Le disposizioni di cui alla L. n. 244 del 2007, art. 2, commi 89 e 90, si applicano soltanto alle procedure espropriative soggette al Testo Unico sulle espropriazioni - cioè quelle in cui la dichiarazione di pubblica utilità sia intervenuta dopo la sua entrata in vigore (30 giugno 2003), secondo le previsioni dell'art. 57, come modificato dal D.Lgs. 27 dicembre 2002, n. 302 - mentre nelle procedure soggette al regime pregresso, rivive la L. n. 2359 del 1865, art. 39 e va fatto riferimento al valore di mercato.

Le disposizioni della L. n. 244 del 2007, art. 2, commi 89 e 90, si applicano soltanto alle procedu... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...ative in cui la dichiarazione di pubblica utilità sia intervenuta dopo l'entrata in vigore del DPR 327/2001 (30 giugno 2003), secondo le previsioni dell'art. 57, come modificato dal D.Lgs. 27 dicembre 2002, n. 302 - mentre nelle procedure soggette al regime pregresso, rivive la L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39 e va, quindi, fatto riferimento al valore di mercato.

L'art. 2, comma 89, lett. a) ha introdotto modifiche al D.P.R. n. 327 del 2001, art. 37, commi 1 e 2, e segue la disciplina transitoria prevista dall'art. 57 medesimo decreto; resta pertanto inapplicabile nei procedimenti espropriativi in cui la dichiarazione di pubblica utilità sia stata emessa prima del 30 giugno 2003; la norma intertemporale di cui alla L. n. 244 cit., art. 2, comma 90, prevede altresì la retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità espropriativa, solo, per i procedimenti espropriativi in corso, e non anche per i giudizi pendenti.

A seguito della dichiarazione di illegittimità costituzionale del D.L. 11 luglio 1992, n. 333, art. 5-bis, convertito, con modificazioni, dalla L. 8 agosto 1992, n. 359 (sentenza n. 348 del 2007), nelle procedure soggette al regime antecedente al DPR 327/2001, continua ad app... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39, atteso che la norma intertemporale di cui alla citata L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 90, prevede la retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità espropriativa solo per i procedimenti espropriativi in corso, e non anche per giudizi.

La norma intertemporale di cui alla Legge 244 del 2007, art. 2, comma 90, nel prevedere la retroattività della nuova disciplina, ne estende l'applicabilità ai soli procedimenti espropriativi ancora in corso, e non anche ai giudizi pendenti. Tali disposizioni, ivi compresa la riduzione del 25% prevista dal secondo periodo dell'art. 37, comma 1, come modificato dall'art. 2, comma 89, non risultano pertanto applicabili al procedimento espropriativo promosso sulla base di una dichiarazione di pubblica utilità risalente in epoca anteriore all'entrata in vigore del D.P.R. n. 327 del 2001 e comunque ormai definito alla data di entrata in vigore della L. n. 244 del 2007.

Nella determinazione dell'indennità di espropriazione, a seguito della dichiarazione d'incostituzionalità dell'art. 5 bis, commi 1 e 2 L. 8 agosto 1992 n. 359, i criteri previsti dall'art. 2, comma 89, L. 24 dicembre 2007 n. 244, introdotti come modif... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...t. 37, commi 1 e 2, D.P.R. 8 giugno 2001 (ivi compreso l'aumento dell'indennità di espropriazione del 10%), si applicano, ex art. 57, soltanto alle procedure espropriative soggette al predetto testo unico - cioè quelle in cui la dichiarazione di pubblica utilità è intervenuto dopo la sua entrata in vigore (30 giugno 2003) - mentre nei giudizi di espropriazione in corso, soggetti al regime pregresso, rivive il criterio dell'art. 39 L. n. 2359 del 1865.

A seguito della sentenza della Corte Cost. n. 348/2007, nei procedimenti espropriativi soggetti alle leggi previgenti al D.P.R. n. 327 del 2001, "rivive", a seguito della predetta dichiarazione di incostituzionalità, la L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39, con la conseguenza che per la determinazione dell'indennità di espropriazione dev'essere fatto riferimento al valore di mercato del bene espropriato, in quanto la disposizione intertemporale, di cui alla L. n. 244 del 2007, menzionato art. 2, comma 90, prevede la retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità di espropriazione solo per i procedimenti espropriativi, e non anche per i giudizi, "in corso".

Nei procedimenti espropriativi soggetti alle leggi... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ... al D.P.R. n. 327 del 2001 "rivive", a seguito della sentenza Corte Cost. n. 348/2007, la L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39, con la conseguenza che per la determinazione dell'indennità di espropriazione dev'essere fatto riferimento al valore di mercato del bene espropriato, in quanto la disposizione intertemporale, di cui alla L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 90, prevede la retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità di espropriazione solo per i "procedimenti espropriativi", e non anche per i giudizi, "in corso".

Nelle procedure soggette al regime pregresso al DPR 327/2001, rivive la L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39, e va, quindi, fatto riferimento al valore di mercato, atteso che la norma intertemporale di cui alla L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 90, prevede la retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità espropriativa solo per i procedimenti espropriativi in corso, e non anche per i giudizi.

I criteri previsti dalla L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 89, essendo stati introdotti a modifica del D.P.R. n. 327 del 2001, art. 37, commi 1 e 2, concernono soltanto le procedure espropriative soggette al predetto testo unico - cio&egr... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ... in cui la dichiarazione di pubblica utilità è intervenuta dopo la sua entrata in vigore (30 giugno 2003), secondo le previsioni come modificato dal D.Lgs. 27 dicembre 2002, n. 302, art. 57 - mentre nelle procedure soggette al regime pregresso, rivive la L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39 e va, quindi, fatto riferimento al valore di mercato.

I criteri previsti dalla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, in quanto introdotti a modifica del D.P.R. n. 327 del 2001, art. 37, commi 1 e 2, si applicano soltanto alle procedure espropriative soggette al predetto testo unico - cioè a quelle in cui la dichiarazione di pubblica utilità sia intervenuta dopo la sua entrata in vigore (30 giugno 2003), secondo le previsioni dell'art. 57, come modificato dal D.Lgs. 27 dicembre 2002, n. 302 - mentre nelle procedure soggette al regime pregresso rivive, della L. 25 giugno 1865, n. 2359, l'art. 39, e va, quindi, fatto riferimento al valore di mercato.

I criteri previsti dalla L. 244/2007, art. 2, comma 89, in quanto introdotti come modifica del D.P.R. 327/2001, 37, commi 1 e 2, si applicano soltanto alle procedure espropriative soggette al predetto Testo Unico - cioè quelle in cui la dichiarazione di pubblica utilità ... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...nuta dopo la sua entrata in vigore (30 giugno 2003), secondo le previsioni dell'art. 57, come modificato dal D.Lgs. 27 dicembre 2002, n. 302 - mentre nelle procedure soggette al regime pregresso rivive la L. n. 2359/1865, art. 39 e va, quindi, fatto riferimento al valore di mercato, atteso che la norma intertemporale di cui alla L. n. 244/2007, art. 2, comma 90, prevede la retroattività della nuova disciplina di determinazione dell'indennità espropriativa solo per i procedimenti espropriativi in corso, e non anche per i giudizi.

Nella determinazione dell'indennità di espropriazione, a seguito della sentenza della Corte cost. n. 348 del 2007, i criteri previsti dalla L. 244/2007, art. 2 comma 89, in quanto introdotti come modifica al D.P.R. 327/2001, art. 37, commi 1 e 2, si applicano soltanto nelle procedure espropriative soggette al predetto Testo unico, mentre nelle procedure soggette al regime pregresso rivive la L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39 e va quindi fatto riferimento al valore di mercato.

Nella determinazione dell'indennità di espropriazione, a seguito della sentenza Corte cost. n. 348 del 2007, i criteri previsti dalla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, in quanto introdotti come modifica dal D.P... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...o 2001, n. 327, art. 37, commi 1 e 2, si applicano soltanto nelle procedure espropriative soggette al predetto Testo unico. Nelle procedure soggette al regime pregresso rivive la L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39.

Nelle procedure soggette al regime ante t.u. espropriazioni rivive la L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39 e va quindi fatto riferimento al valore di mercato del bene con esclusione della decurtazione del 25% ora prevista dall'art. 37 DPR 327/2001.

Il nuovo testo dell'art. 37 del T.U. come rimodellato dalla L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 89, non è applicabile ad una vicenda nella quale la dichiarazione di p.u è occorsa ben prima del 30.6.2003.

Nei giudizi aventi ad oggetto la determinazione dell'indennità di espropriazione, relativi a procedimenti in cui la dichiarazione di pubblica utilità sia stata emessa prima del 30 giugno 2003, trova applicazione una volta venuto meno - a seguito della sentenza della Corte costituzionale n. 348 del 2007 - il criterio riduttivo dell'indennizzo di cui al D.L. 11 luglio 1992, n. 333, art. 5 bis sia ai fini della determinazione dell'indennità di espropriazione che ai fini di quella di occupazione temporanea, il criterio generale del valore venale del b... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ... dalla L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39. Lo "ius superveniens" costituito dalla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, commi 89 e 90, si applica solo ai procedimenti espropriativi e non anche ai giudizi in corso.

Lo ius superveniens costituito dalla L. n. 244 del 2007, art. 2, commi 89 e 90, con il sistema della maggiorazione dell'indennità ivi prevista, avendo introdotto modifiche al D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, art. 37, commi 1 e 2, segue la disciplina transitoria prevista dall'art. 57, D.P.R. cit., ed è quindi inapplicabile nei procedimenti espropriativi in cui la dichiarazione di pubblica utilità sia stata emessa prima del 30 giugno 2003.

La normativa di cui alla L. n. 244 del 2007, art. 2, commi 89 e 90, che ha modificato il d.p.r. 327/2001, deve ritenersi applicabile solo per quelle fattispecie per le quali si applichi il D.P.R. n. 327 del 2001; ne consegue la non applicazione di detta normativa alle fattispecie in cui la dichiarazione di pubblica utilità è intervenuta prima dell'entrata in vigore del T.U. del 2001, cui si applica il criterio del valore venale di cui alla L. n. 2359 del 1865, art. 39.

Nella determinazione dell'indennità di espropriazione, i criteri previsti d... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, in quanto introdotti come modifica del D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, art. 37, commi 1 e 2, si applicano soltanto nelle procedure espropriatile soggette al predetto T.U. mentre, nelle procedure soggette al regime pregresso, rivive la L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39.

Lo ius superveniens costituito dalla L. n. 244 del 2007, art. 2, commi 89 e 90 ha introdotto modifiche al D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, art. 37, commi 1 e 2, e pertanto segue la disciplina transitoria prevista dall'art. 57 D.P.R. cit., ed è quindi inapplicabile nei procedimenti espropriativi in cui la dichiarazione di pubblica utilità sia stata emessa prima del 30 giugno 2003.

I nuovi criteri indennitari, introdotti dall'art. 2 comma 89 e 90 L. n. 244/2007,con il sistema delle riduzioni e delle maggiorazioni dalla stessa riproposto, non trovano applicazione per i procedimenti espropriativi antecedenti al TU; deve affermarsi la corrispondenza di questa opzione ermeneutica con la giurisprudenza della Corte Edu, nonché della Grande Chambre della Corte, la quale, pur non escludendo che in materia civile una nuova normativa possa avere efficacia retroattiva, ha ripetutamente considerato lecita l'applicazione dello ius supervenie... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ... soltanto in presenza di "imperieux motifs d'interet general.

La non applicazione dei nuovi criteri indennitari, introdotti dall'art. 2 comma 89 e 90 L. n. 244/2007, ivi compresi i meccanismi premiali, ai procedimenti antecedenti il TU, è conforme ai principi enunciati dalla CEDU, e perciò stesso al precetto dell'art. 117 Cost. e non viola il principio di eguaglianza di cui all'art. 3 Cost. invocabile in situazioni che si svolgono nell'ambito della medesima dimensione temporale; non già quando si abbia il succedersi nel tempo di situazioni diversamente regolate.

Il D.P.R. n. 327 del 2001, art. 37 modificato dalla Legge Finanziaria del 2008, è inapplicabile alle espropriazioni per le quali la dichiarazione di pubblica utilità sia anteriore all'entrata in vigore del nuovo T.U. sull'espropriazione.

Il criterio di liquidazione dell'indennità di espropriazione di cui al all'art. 37 del DPR 327/2001, nel testo modificato dalla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, si riferisce, ai sensi dell'art. 57 del medesimo D.P.R., alle sole procedure espropriative per le quali la dichiarazione di pubblica utilità sia intervenuta successivamente al 30 giugno 2003, nonché, ai sensi de... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...it., comma 90 ai procedimenti espropriativi in corso, ma non anche ai giudizi.

I criteri previsti dall'art. 2, comma 89, della L. n. 244/2007, in quanto introdotti come modifica dell'art. 37, commi 1 e 2, del D.P.R. n. 327/2001, si applicano soltanto nelle procedure espropriative soggette al predetto T.U. - mentre, nelle procedure soggette al regime pregresso, rivive l'art. 39 della legge 25 giugno 1865, n. 2359 e va, quindi, fatto riferimento al valore di mercato.

A seguito della dichiarazione d'illegittimità costituzionale (sentenza n. 348 del 2007) dell'art. 5 bis, commi 1 e 2 d.l. 11 luglio 1992, n. 333 convertito, con modificazioni, dalla legge 8 agosto 1992, n. 359, i criteri previsti dall'art. 2, comma 89, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, in quanto introdotti come modifica dell'art. 37, commi 1 e 2, del D.P.R. 327/2001 si applicano soltanto nelle procedure espropriative soggette al predetto T.U., mentre, nelle procedure soggette al regime pregresso, rivive l'art. 39 della legge 25 giugno 1865, n. 2359.

La maggiorazione del 10%, prevista dall'art. 37, comma 2, del D.P.R. n. 327 del 2001, come modificato dall'art. 2, comma 89, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, giusto quanto disposto dal novantesimo comma di quest'... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...colo, non è applicabile, nel caso di procedura espropriativa conclusasi prima dell'entrata in vigore della predetta legge.

I criteri previsti dall'art. 2, comma 89 L. n. 244/2007, in quanto introdotti come modifica dell'art. 37, commi 1 e 2, D.P.R. 327/2001, si applicano soltanto nelle procedure espropriative soggette al predetto t.u. - cioè quelle in cui la dichiarazione di pubblica utilità è intervenuta dopo la sua entrata in vigore (30 giugno 2003), secondo le previsioni dell'art. 57 come modificato dal D.lgs. 27 dicembre 2002 n. 302 - mentre, nelle procedure soggette al regime pregresso, rivive l'art. 39 l. 25 giugno 1865 n. 2359.

In materia di quantificazione dell'indennità di espropriazione i nuovi criteri legislativi di cui alla L. n. 244/2007, in quanto introdotti come modifica del D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, art. 37, commi 1 e 2, si applicano soltanto nelle procedure espropriative soggette al predetto T.U. secondo le previsioni dell'art. 57, come modificato dal D.Lgs. 27 dicembre 2002, n. 302 mentre, nelle procedure soggette al regime pregresso, rivive, per effetto della sentenza della Corte Cost. n. 348/2007, la L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39.

A seguito della dichiarazione d'illegitt... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...; costituzionale (sentenza n. 348 del 2007) del D.L. 11 luglio 1992, n. 333, art. 5 bis, commi 1 e 2 convertito, con modificazioni, dalla L. 8 agosto 1992, n. 359, i criteri previsti dalla L. n. 244/2007, art. 2, comma 89, in quanto introdotti come modifica del D.P.R. n. 327/2001, art. 37, commi 1 e 2, si applicano soltanto nelle procedure espropriative soggette al predetto T.U mentre, nelle procedure soggette al regime pregresso, rivive la L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39.

Nella determinazione dell'indennità di espropriazione i criteri previsti dalla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89 in quanto introdotti come modifica dal D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, art. 37, commi 1 e 2, si applicano soltanto nelle procedure espropriative soggette al predetto T.U. mentre, nelle procedure soggette al regime pregresso, rivive la L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39 e va, quindi, fatto riferimento al valore di mercato.

I criteri previsti dalla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 89, in quanto introdotti come modifica del D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, art. 37, commi 1 e 2, (T.U. espropriazioni), si applicano soltanto nelle procedure espropriative soggette al predetto T.U. cioè quelle in cui la dichiarazione di pubblica utilità... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...intervenuta dopo la sua entrata in vigore (30 giugno 2003), secondo le previsioni dell'art. 57, come modificato dal D.Lgs. 27 dicembre 2002, n. 302, mentre, nelle procedure soggette al regime pregresso, rivive la L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39.

Con riferimento ai procedimenti in cui la dichiarazione di pubblica utilità sia stata emessa prima del 30 giugno 2003, data di entrata in vigore del D.P.R. n. 327/2001, trova applicazione, per effetto della sentenza Corte Cost. n. 348/2007, il criterio del valore venale di cui all'art. 39 L. n. 2359/1865 e non la L. n. 244/2007, che essendo intervenuta a modifica dell'art. 37 commi 1 e 2 DPR 327/2001, segue la disciplina transitoria prevista dall'art. 57 del decreto medesimo.

La nuova disposizione di cui all'art. 2 commi 89 e 90 della L. n. 244/2007 ha apportato modificazioni testuali alla disciplina dettata con il D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, e, pertanto, la sua applicazione è limitata alle fattispecie nelle quali le norme del testo unico sono operanti, fattispecie che, ai sensi del cit. D.P.R. n. 327, art. 57, sono quelle nelle quali la dichiarazione di pubblica utilità è successiva al 30 giugno 2003.

Qualora la dichiarazione di pubblica utilità sia an... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...a data di entrata in vigore del DPR 327/2001, il giudice del rinvio dovrà fare applicazione del criterio del valore venale del bene previsto dalla L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39 e non di quello previsto dalla L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 89.

La nuova disposizione di cui all'art. 2 commi 89-90 L. n. 244/2007 ha apportato modificazioni testuali alla disciplina dettata con il D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, e, pertanto, la sua applicazione è limitata alle fattispecie nelle quali le norme del testo unico sono operanti, ossia quelle nelle quali la dichiarazione di pubblica utilità è successiva al 30 giugno 2003.

In ipotesi in cui la dichiarazione di PU sia anteriore all'entrata in vigore del DPR 327/2001, trova applicazione, per effetto della sentenza della Corte Cost. n. 348/2007, il criterio del valore venale del bene previsto dalla L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39, non quello previsto dalla L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 89.

Il nuovo criterio indennitario di cui all'art. 37 commi 1 e 2 DPR 327/2001 come modificato dall'art. 2. comma 89, della L. n. 244/2007, trova applicazione, per effetto del successivo comma, a tutti i procedimenti espropriativi in corso, anche se anteriori all'entrata in vigo... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...spropriazioni, salvo che la determinazione dell'indennità sia comunque divenuta irrevocabile.

La nuova disposizione di cui L. n. 244/2007 ha apportato modificazioni testuali alla disciplina dettata con il D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327 e, pertanto, la sua applicazione è limitata alle fattispecie nelle quali le norme del testo unico sono operanti, fattispecie che, ai sensi dell'art. 57 TU, sono quelle nelle quali la dichiarazione di pubblica utilità è successiva al 30 giugno 2003.

Qualora la dichiarazione di pubblica utilità sia anteriore all'entrata in vigore del DPR 327/2001 (30 giugno 2003), il Giudice del rinvio dovrà fare applicazione del criterio del valore venale del bene previsto dalla L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39, non di quello previsto dalla L. n. 244 del 2007, art. 2, comma 89.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI