Carrello
Carrello vuoto



Il trasferimento coatto dal patrimonio dell'A.N.A.S. a quello della Regione può essere impugnato


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:RICORSI, IMPUGNAZIONI, DOMANDE GIUDIZIALI
anno:2016
pagine: 3048 in formato A4, equivalenti a 5182 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 45,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


Sintesi: La Provincia è legittimata ad impugnare il provvedimento con cui l'A.N.A.S. trasferisce coattivamente dal suo patrimonio a quello dell'ente provinciale, in quanto in conseguenza di tale trasferimento viene a crearsi in capo ad essa il dovere di gestione emanutenzione.

Estratto: «1. In via preliminare, sono del tutto condivisibili, e infatti non sono state contestate dalle controparti costituite, le considerazioni svolte dalla Provincia ricorrente in ordine alla propria legittimazione. E’infatti indiscutibile che l’ente provinciale al quale vengano trasferiti, come con i provvedimenti impugnati si è inteso fare, tratti di strada statale dismessi assume per ciò solo l’onere della loro gestione e manutenzione, con il relativo impegno finanziario, ai sensi dell’art. 14 del d. lgs. 30 aprile 1992 n°285, ovvero del codice della strada; subisce quindi a carico del proprio patrimonio quel pregiudizio diretto ed immediato che in via generale legittima a proporre l’impugnativa giurisdizionale degli atti amministrativi (sulla idoneità di un pregiudizio patrimoniale a fondare la legittimazione ad agire si veda ad esempio, in termini generali, C.d.S. sez. VI 16 febbraio 2005 n°479), pregiudizio tanto pi... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...iato in quanto, come correttamente rilevato sempre dalla Provincia ricorrente, l’ordinamento non prevede strumenti amministrativi per ritrasferire ad altri soggetti tratti di strada dismessi a carico di un ente non correttamente individuato come cessionario. Il ricorso giurisdizionale contro l’assegnazione quindi è in tal caso l’unico rimedio astrattamente proponibile.»



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI