Carrello
Carrello vuoto



Impugnazione degli atti avversi alla realizzazione di impianti industriali e di servizio


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:RICORSI, IMPUGNAZIONI, DOMANDE GIUDIZIALI
anno:2016
pagine: 3048 in formato A4, equivalenti a 5182 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 45,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


GIUDIZIO --> LEGITTIMAZIONE PASSIVA --> IMMISSIONI

Sintesi: Legittimati passivi, rispetto all'azione intentata ai sensi dell'art. 844 c.c., sono gli autori delle immissioni, allorché la domanda sia diretta a respingere il fatto di questi ultimi ed a farne cessare l'attività.


Estratto: «Il primo motivo di ricorso è infondato.E' sufficiente osservare che l'azione proposta attiene ad illecito extracontrattuale in quanto tendente alla eliminazione delle immissioni nocive lamentate sicché legittimamente è stata proposta nei confronti dei coniugi autori del danno ed utilizzatori del bene di provenienza delle immissioni, non rilevando la prova della comunione legale del bene stesso.Al riguardo la S.C. ha affermato che legittimati passivi, rispetto all'azione intentata ai sensi dell'art. 844 c.c., sono gli autori delle immissioni, allorché la domanda sia diretta a respingere il fatto di questi ultimi ed a farne cessare l'attività (Cfr. Cass. n. 740/77; n. 2277/66).»

GIUDIZIO --> LEGITTIMAZIONE PASSIVA --> IMPIANTI DI RADIOTELEFONIA

Sintesi: In caso di impugnativa del provvedimento di diniego di installazione di impianti di radiotelefonia il ricors... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...amente essere notificato al Comune che abbia emanato il provvedimento, non essendo necessario evocare in giudizio anche l'ARPA.

Estratto: «VI. Preliminarmente vanno esaminate le eccezioni del Comune che sono infondate.Quanto alla prima, con la quale si lamenta la non completa instaurazione del contraddittorio, è noto che il provvedimento impugnabile è quello definitivo adottato dal Comune sulla scorta di pareri di altre Amministrazioni (es: ARPAV, Sovrintendenza), che, appunto in quanto pareri, sono atti endoprocedimentali non lesivi e non impugnabili. Quindi le altre Amministrazioni non dovevano essere evocate in giudizio perché, ai sensi dell'art. 87 del d.lgs. n. 259 del 2003, l'autorizzazione all'installazione di infrastrutture per impianti radioelettrici è rilasciata dal Comune.Quanto alla tardività del gravame, nella parte in cui si rivolge avverso la norma regolamentare, parimenti l'infondatezza deriva da una consolidata giurisprudenza che ne ammette l' impugnazione unitamente all'atto applicativo (Cons. di Stato, VI, n. 5286 del 2007; n. 4159 del 2005); ciò in quanto in tema di disposizioni pianificatorie, dirette a regolare l'uso del territorio negli aspetti urbanistici o edilizi, vanno distinte le presc... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... in via immediata stabiliscono le potenzialità edificatorie dell'area, le quali, per l'effetto conformativo dello ius aedificandi che le caratterizza, devono essere impugnate nel termine decadenziale che decorre dalla loro pubblicazione, dalle altre regole che più in dettaglio disciplinano l'attività edificatoria con strumenti (come le N.T.A.) che per la loro natura regolamentare sono suscettibili di ripetute applicazioni ed esplicano effetto lesivo nel momento in cui è adottato l'atto applicativo.»



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI