Carrello
Carrello vuoto



Giurisdizione sulle questioni relative al trasferimento di beni


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:GIURISDIZIONE E COMPETENZA GIURISDIZIONALE nell’ambito del governo del territorio
anno:2016
pagine: 3023 in formato A4, equivalenti a 5139 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 45,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


GIUDIZIO --> GIURISDIZIONE E COMPETENZA --> TRASFERIMENTO DEL BENE ESPROPRIATO

Sintesi: L'azione di rivendica e di reintegra nel possesso nei confronti dei soggetti privati che hanno acquistato, con atti di compravendita soggetti agli istituti di diritto privato, il fondo in precedenza espropriato dalla parte alienante, rientrano nella giurisdizione del GO; ciò in quanto ove il bene venga alienato, trova applicazione la normale disciplina privatistica-contrattuale e non certamente il regime speciale della cessione volontaria, che presuppone la dichiarazione di p.u.


Estratto: «A diversa conclusione le Sezioni Unite devono pervenire con riguardo alle richieste formulate nei confronti delle società acquirenti dell'immobile: al riguardo il Collegio deve osservare che non è esatto che le cessioni del fondo della Termo 2BM abbiano natura pubblicistica,essendo rivolte a conseguire la finalità pubblica per la quale è stata attuata l'espropriazione (rectius: l'occupazione: pag. 9 sent.): in quanto questa Corte ha ripetutamente affermato che il procedimento amministrativo di espropriazione si conclude e si arresta con l'adozione del decreto ablativo (ovvero con l'equipollente contratto di cessione, o ancor... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...eversibile trasformazione del bene allorché realizzi la cd. occupazione espropriativi); e che per il resto le vicende dell'immobile vivono autonomamente (Cass. 14901/2000), ed ove lo stesso venga alienato,trova applicazione la normale disciplina privatistica-contrattuale e non certamente il regime speciale della cessione volontaria,che presuppone la dichiarazione di p.u., nonché un procedimento espropriativo (più specificamente il subprocedimento previsto dalla L. n. 865 del 1971, art. 12) in corso. Ed è rivolta a procurare al solo espropriante (e non anche a terzi) l'acquisto del fondo espropriato ponendo termine al procedimento,e contestualmente eliminando la necessità dell'emanazione del decreto di espropriazione. Si deve aggiungere che nel caso la Termo 2BM ha esercitato una normale azione di rivendica del fondo nei confronti di soggetti privati che lo avevano acquistato con i menzionati atti di compravendita soggetti agli istituti di diritto privato che consentono di conseguirne la caducazione; per cui avendo detta domanda e quella conseguente di reintegra nel possesso di detto terreno, per oggetto la verifica dell'esistenza di un diritto reale - quello di proprietà- la stessa vertendo su di un diritto soggettivo,peraltro non compre... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...a delle fattispecie devolute alla giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo dalla L. n. 205 del 2000, spetta alla giurisdizione del giudice ordinario anche per la natura privata dei soggetti nei cui confronti è proposta: così come nella medesima giurisdizione rientrano le domande di accertamento dei contratti di compravendita stipulati nel 2002 dal Consorzio occupante, regolati da norme di diritto privato con riguardo non soltanto alle obbligazioni ed ai diritti soggettivi di ciascuna delle parti, ma anche l'intero spettro delle patologie ed inefficacie negoziali, siano esse inerenti alla struttura del contratto, siano esse estranee e/o alla stessa sopravvenute.»

GIUDIZIO --> GIURISDIZIONE E COMPETENZA --> TRASFERIMENTO DI BENI TRA ENTI PUBBLICI

Sintesi: La posizione del Comune che contesti il provvedimento regionale di attribuzione di beni all'USL è quella sottesa ad una azione negatoria ovvero di accertamento della proprietà, con la sola particolarità che la fonte dell'altrui pretesa è costituita da un atto di accertamento operato da un ente pubblico, nella fattispecie la Regione: la relativa controversia in oggetto, pertanto, avendo riguardo a diritti soggettivi, esula dalla giuris... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... giudice amministrativo.

Estratto: «La difesa dell'Azienda sanitaria ritiene di competenza dell'Autorità giurisdizionale ordinaria la cognizione delle controversie relative al trasferimento di beni ex art. 5 d. lgs. 502/92, sul presupposto che l'effetto del trasferimento si ricollegherebbe esclusivamente alla legge e che, conseguentemente, le determinazioni degli Enti coinvolti si risolverebbero in meri atti ricognitivi; verrebbero cioè in rilievo pretese afferenti posizioni di diritto soggettivo perfetto.L'eccezione è fondata.La tesi della difesa dell'azienda sanitaria poggia su precedenti giurisprudenziali condivisi dal Collegio (cfr. da ultimo Cass., SS.UU., 23.2.2007, n.4206 e T.A.R. Calabria, Catanzaro, sez.I, 11.12.2007, n.2003). La previsione di cui all'art. 5 sopra citato, nel prevedere tale trasferimento ad opera della Regione e a favore delle ASL, infatti, contempla atti puramente ricognitivi che, in adempimento di un puntuale precetto di legge, impongono il mero riconoscimento della qualità di bene del patrimonio comunale con vincolo di destinazione a favore delle unità sanitarie.Le determinazioni regionali, pertanto, non costituiscono esercizio di poteri discrezionali, avendo carattere meramente dichiarativo... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...go del Comune di trasferire i beni in proprietà alla AUSL BA/1.Si tratta,in altri termini, di un'attività di ricognizione di tali beni e dichiarativa del corrispondente diritto al trasferimento, in quanto è alla legge che va ricondotto l'effetto traslativo.La portata delle determinazioni regionali impugnate, anch'essa specificamente dettata dalla legge (cfr. art.5 in parola, comma secondo), è solo quella di costituire titolo per la trascrizione dei beni.La posizione del Comune, odierno ricorrente, è dunque quella sottesa ad una azione negatoria ovvero di accertamento della proprietà, con la sola particolarità che la fonte dell'altrui pretesa è costituita da un atto di accertamento operato da un ente pubblico; nella fattispecie la Regione.La controversia in oggetto, pertanto, avendo riguardo a diritti soggettivi, esula dalla giurisdizione del giudice amministrativo.»



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI