Carrello
Carrello vuoto



L'intervento ad adiuvandum o ad opponendum di soggetti interessati nel processo amministrativo

L’intervento ad adiuvandum è inammissibile se proposto da soggetto cointeressato, legittimato come tale a proporre l'impugnazione in via autonoma.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:GIUDIZIO 2014-2016 in materia di urbanistica ed edilizia, demanio e patrimonio pubblico, espropriazione per pubblica utilità
anno:2017
pagine: 2761 in formato A4, equivalenti a 4694 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 40,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


GIUDIZIO --> INTERVENTO

L'intervento ad adiuvandum è inammissibile se proposto da soggetto cointeressato, legittimato come tale a proporre l'impugnazione in via autonoma.

Colui che interviene quale cointeressato sostanziale non fa valere un mero interesse di fatto bensì un interesse personale all'impugnazione di atti immediatamente e direttamente per lui lesivi, che può far valere solo mediante proposizione di rituale ricorso nelle forme e nei prescritti termini di decadenza.

L'art. 28, co. 2, c.p.a. subordina l'intervento alla titolarità di un qualsiasi interesse, purché non di mero fatto (e, dunque, giuridicamente rilevante), alla conservazione (intervento ad opponendum) o alla rimozione (intervento ad adiuvandum) del provvedimento impugnato.

L'intervento ad adiuvandum o ad opponendum può essere proposto soltanto dal titolare di una posizione giuridica collegata o dipendente da quella del ricorrente principale.

L'intervento, avvenendo nello stato in cui si trova la causa, è sempre possibile finché la causa stessa non passi in decisione, salva la possibilità delle altre parti costituite di chiedere termini a difesa.

Nel proce... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...trativo l'intervento previsto dall'art. 28, co. 2 c.p.a., è di tipo adesivo dipendente, proposto a sostegno delle ragioni dell'una o dell'altra parte, e consentito a condizione che il soggetto, se legittimato, non sia decaduto dal diritto di impugnare il provvedimento amministrativo.

L'intervento avvenuto all'udienza destinata alla precisazione delle conclusioni e subito prima della precisazione stessa è ammissibile ai sensi dell'art. 268 c.p.c..

GIUDIZIO --> INTERVENTO --> AZIONE RISARCITORIA

L'intervento ad opponendum nel giudizio amministrativo, per consolidata giurisprudenza, è consentito a qualsiasi soggetto sia titolare di un interesse, anche di mero fatto, dipendente da quello azionato in via principale o ad esso accessorio, ovvero di quello sotteso al mantenimento dei provvedimenti impugnati, che gli consente di ritrarre un vantaggio indiretto e riflesso dalla reiezione del ricorso. Non v'è dubbio che tale sia la situazione del soggetto che, essendo comunque il materiale detentore dell'immobile della cui restituzione si controverte, non può certo dirsi privo di un interesse di fatto coinvolto dalla vicenda per cui è causa.

GIUDIZIO --> INTERVENTO --> CONCESS... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ALE

L'interveniente (nella specie, un autorizzato stagionale) non può surrettiziamente agire in "saltum" per introdurre azioni o recuperare quelle ancora pendenti in primo grado (nella specie, impugnazione del permesso di costruire assentito e della concessione demaniale rilasciata nonché opposizione di terzo alla sentenza oggetto di odierno appello) oppure venire nuovamente su questioni già delibate in violazione del principio del "ne bis in idem" (nella specie, proprietà della passerella e localizzazione della concessione demaniale prevista dal PUA).

GIUDIZIO --> INTERVENTO --> IMPIANTI DI RADIOTELEFONIA

La mera residenza nel territorio comunale interessato dall'installazione di un impianto di radiotelefonia non è di per sé sufficiente a fondare un interesse ad intervenire nel giudizio promosso contro il provvedimento con il quale la P.A. ha rigettato la domanda di esecuzione delle opere preordinate alla realizzazione di impianto, occorrendo invece la dimostrazione del requisito della vicinitas.

GIUDIZIO --> INTERVENTO --> REGOLAMENTO EDILIZIO

In un giudizio in cui si discute della legittimità di una norma contenuta in un regolamento comunale ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...imati ad intervenire anche quei Comuni che abbiano interesse a rivendicare il potere di adottare nei propri regolamenti edilizi - al momento attuale o de futuro - norme di tenore analogo a quella contestata.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI