Carrello
Carrello vuoto



L'evizione dell'immobile (artt. 1479 e segg. Cod.Civ.)

La garanzia per evizione consiste nella restituzione del prezzo pagato dal compratore in buona fede, ignorando che l'immobile non fosse di proprietà del venditore (artt.1479 e segg Cod. Civ.). La presenza di pesi gravanti sulla cosa ed imposti da norme ed oneri di natura pubblicistica non può essere equiparata all'evizione parziale, per cui non è operante la garanzia relativa.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:TRASFERIMENTO E ACQUISTO DI DIRITTI REALI CON LA P.A.
anno:2017
pagine: 2105 in formato A4, equivalenti a 3578 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 40,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> ACQUISTO ALLA MANO PRIVATA --> DA PRIVATO A PRIVATO --> EVIZIONE

Le prescrizioni del piano regolatore generale, una volta approvate e pubblicate nelle forme previste, hanno valore di prescrizioni di ordine generale di contenuto normativo, come tali assistite da una presunzione legale di conoscenza da parte dei destinatari. I vincoli da essi imposti, pertanto, non possono qualificarsi come oneri non apparenti gravanti sull'immobile secondo la previsione dell'art. 1489 c.c. e non sono, conseguentemente, invocabili dal compratore come fonte di responsabilità del venditore che non li abbia dichiarati nel contratto.

L'esistenza di un vincolo di espropriazione per pubblica utilità e la successiva perdita, totale o parziale, del bene per effetto del procedimento ablativo, devono essere ricondotte non già nell'ambito della disciplina di cui all'art. 1489 c.c., bensì della garanzia per evizione totale o parziale della cosa venduta, ai sensi degli artt. 1483 e 1484 c.c..

Può costituire evizione anche l'espropriazione per causa di pubblica utilità, costituendo la garanzia per evizione una particolare tutela che l'ordinamento attr... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...compratore, per il caso in cui sia disturbato o menomato nel godimento del bene acquistato per effetto delle pretese fatte valere da terzi nei suoi confronti. Ricorre, pertanto, la garanzia per evizione, nel caso in cui l'immobile venduto venga espropriato in esecuzione di un vincolo di piano regolatore particolareggiato preesistente al contratto ed avente incidenza specifica e reale sulla cosa venduta, perché tale vincolo incide sulla radice stessa del rapporto negoziale, limitando od escludendo il diritto trasmesso.

Gli effetti della garanzia per evizione, che sanziona l'inadempimento da parte del venditore dell'obbligazione di cui all'art. 1476 c.c., conseguono al mero fatto obiettivo della perdita del diritto acquistato, indipendentemente dalla colpa del venditore e dalla stessa conoscenza da parte del compratore della possibile causa della futura evizione. E' pertanto irrilevante la circostanza relativa alla conoscibilità, da parte dell'acquirente, del vincolo espropriativo imposto su parte dell'area compravenduta dovendosi attribuire rilievo solo all'avvenuto intervento ablatorio, posto in essere sulla base di un vincolo preesistente alla vendita.

La garanzia per evizione costituisce una particolare tu... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ordinamento attribuisce al compratore, per il caso in cui sia disturbato o menomato nel godimento del bene acquistato per effetto delle pretese fatte valere da terzi nei suoi confronti. Pertanto, la garanzia per evizione si estende a tutte le ipotesi di vendita, siano esse a misura o corpo.

Le prescrizioni del PRG una volta approvate e pubblicate nelle forme previste, hanno valore di prescrizione di ordine generale di contenuto normativo come tali assistite da una presunzione legale di conoscenza da parte del destinatario; i vincoli da essi imposti non possono pertanto qualificarsi come oneri non apparenti gravanti sull'immobile secondo la previsione dell'art. 1489 c.c. e non sono, conseguentemente, invocabili dal compratore come fonte di responsabilità del venditore che non li abbia dichiarati nel contratto.

Qualora il compratore del bene sottoposto a vincolo espropriativo subisca l'espropriazione, sussiste ipotesi di evizione; in tal caso la responsabilità del venditore non è esclusa dal semplice fatto che al compratore fosse nota l'esistenza del diritto del terzo sulla cosa: ossia gli effetti della garanzia si producono comunque per il solo fatto obiettivo della perdita del diritto acquistato.

Ai ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... artt. 1479 e segg. c.c., il compratore che ha acquistato in buona fede, ignorando che la cosa non fosse di proprietà del venditore, ha diritto alla restituzione del prezzo pagato; tale eventualità sussiste in ipotesi in cui per il bene alienato risulti, in base a sentenza successiva al suo trasferimento, l'intervenuta occupazione acquisitiva a favore di dell'Ente pubblico.

La pendenza del procedimento espropriativo non preclude al titolare del bene di poter vendere i beni sottoposti al procedimento non essendosi ancora verificata la perdita della titolarità. In caso di successivo accertamento giudiziale di intervenuta occupazione acquisitiva non sussiste colpa dei venditori e conseguente obbligazione risarcitoria, in quanto i beni al momento della cessione rientravano nella loro piena disponibilità.

I vincoli degli strumenti urbanistici generali, approvati e pubblicati nelle forme di legge, hanno valore di prescrizioni di ordine generale e normativo, come tali assistite da una presunzione generale di conoscenza da parte dei destinatari, alla stessa stregua delle norme di legge, sicché detti vincoli non possono qualificarsi come oneri non apparenti gravanti sull'immobile secondo la previsione dell'art. 1489 c.c., e... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...temente, non sono invocabili del compratore come fonte di responsabilità del venditore che non li abbia dichiarati nel contratto.

La presenza di pesi gravanti sulla cosa ed imposti da norme ed oneri di natura pubblicistica non può essere equiparata all'evizione parziale, per cui non è operante la garanzia relativa.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI