Carrello
Carrello vuoto



Distinzione tra beni demaniali e patrimoniali

All'origine della distinzione che classifica i beni pubblici nelle tre categorie fondamentali di demanio pubblico, patrimonio indisponibile e patrimonio disponibile vi sono ragioni di carattere storico e sistematico. I beni pubblici in senso stretto (demanio e patrimonio indisponibile) sono caratterizzati da una serie di regole e principi comuni, tutti qualificati dalla specialità delle norme applicabili, ben diverse da quelle che regolano l'appartenenza dei beni dei soggetti privati.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:DEMANIO E PATRIMONIO PUBBLICO - principi generali
anno:2017
pagine: 621 in formato A4, equivalenti a 1056 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 25,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


DEMANIO E PATRIMONIO --> DISTINZIONE

In carenza dell'atto formale di inserimento di un bene nell'ambito dei beni patrimoniali disponibili, un'immobile quale una casa cantoniera resta assoggettato al regime dei beni demaniali ed è, dunque, soggetto all'applicazione della disciplina di cui al D.Lgs. n. 85/2010 sul trasferimento dei beni dello Stato agli enti locali.

La disciplina positiva dei beni pubblici risiede ancora, almeno nelle sue linee fondamentali, nel codice civile, divide i beni pubblici, ossia i beni "appartenenti allo Stato, agli enti pubblici e agli enti ecclesiastici", in tre categorie: beni demaniali, beni patrimoniali indispensabili e beni patrimoniali disponibili.

In tema di individuazione dei beni pubblici o demaniali, oggi non è più possibile limitarsi all'esame della sola normativa codicistica del '42, risultando indispensabile integrare la stessa con le varie fonti dell'ordinamento e specificamente con le (successive) norme costituzionali.

La Costituzione non contiene un'espressa definizione dei beni pubblici, né una loro classificazione, ma si limita a stabilire alcuni richiami che sono, comu... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... importanti per la definizione del sistema positivo.

Disquisire in termine di sola dicotomia beni pubblici (o demaniali)-privati significa, in modo parziale, limitarsi alla mera individuazione della titolarità dei beni, tralasciando l'ineludibile dato della classificazione degli stessi in virtù della relativa funzione e dei relativi interessi a tali beni collegati.

Al fine di riconoscere se in concreto il particolare bene di cui si discute fa parte della realtà materiale che la norma, denominandola, inserisce nel demanio, si deve tener conto in modo specifico del duplice aspetto finalistico e funzionale che connota la categoria dei beni in questione.

Ragioni di carattere storico e sistematico hanno portato alla costruzione normativa, tuttora vigente nel nostro ordinamento, chiaramente scolpita dal codice civile e dalle leggi speciali di settore, che classifica i beni pubblici in tre categorie fondamentali: demanio, patrimonio indisponibile e patrimonio disponibile.

Demanio e patrimonio pubblico identificano la figura tipica dei beni pubblici in senso stretto, caratterizzati da una serie di regole e principi comuni, tutti qualificati dalla specialit&... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...le norme applicabili, ben diverse da quelle che regolano il regime di appartenenza dei beni dei soggetti privati: la nota qualificante di tale specialità è costituita dalla circostanza che i beni pubblici di questo tipo sono utilizzabili secondo modalità determinate, nelle quali il rispetto del vincolo funzionale della destinazione pubblica impone l'applicazione di regole di matrice pubblicistica e autoritativa.

Diversamente dal demanio e dal patrimonio indisponibile, i beni del patrimonio disponibile sono riconducibili al regime di appartenenza del diritto comune, ferma restando la rilevanza (indiretta) di alcune regole di organizzazione amministrativa della gestione dei beni o di particolari principi di trasparenza contrattuale in relazione alle attività di alienazione.

Gli strumenti giuridici utilizzabili per attribuire a soggetti terzi il diritto di utilizzazione non sono affatto fungibili per tutti i beni soggettivamente appartenenti all'amministrazione, ma devono risultare congruenti alle regole proprie di ciascuna categoria di beni.

La tripartizione demanio, patrimonio indisponibile, patrimonio disponibile[Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ive le prime due categorie ad un particolare tipo di relazione con la res, che, senza nulla aggiungere al concetto di proprietà (caratteristica comune anche al patrimonio disponibile), distingue tali beni in relazione al loro regime giuridico.

I beni pubblici in senso stretto, ossia demanio e beni patrimoniali indisponibili, sono caratterizzati da una serie di regole e principi comuni, tutti qualificati dalla specialità delle norme applicabili, ben diverse da quelle che regolano il regime di appartenenza dei beni dei soggetti privati.

La nota qualificante la specialità dei beni demaniali e patrimoniali indisponibili, rispetto ai beni del patrimonio disponibile, è costituita dalla circostanza che i primi sono utilizzabili secondo modalità determinate, nelle quali il rispetto del vincolo funzionale della destinazione pubblica impone l'applicazione di regole di matrice pubblicistica e autoritativa.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI