Carrello
Carrello vuoto



La determinazione giudiziale dell'indennità: l'accordo di cessione


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:DETERMINAZIONE GIUDIZIALE DELL'INDENNITÀ DI ESPROPRIO
anno:2015
pagine: 581 in formato A4, equivalenti a 988 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 25,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


GIUDIZIO --> DETERMINAZIONE GIUDIZIALE DELL'INDENNITÀ

Sintesi: La rubrica di cui all'art. 54 DPR 327/2001 ricomprende nella generale categoria di "opposizione alla stima" anche l'ipotesi specifica della determinazione giudiziale dell'indennità.


Estratto: «Passando, quindi, all'esame delle specifiche eccezioni di improcedibilità e/o di inammissibilità della domanda sollevate dal Comune convenuto, si osserva innanzitutto che, nel caso in esame, non può condividersi l'assunto, secondo cui non potrebbe proporsi "opposizione alla stima" ex art. 54, non essendo stato formulato un giudizio a maggioranza e,quindi, una stima in senso tecnico, avendo due componenti della terna attribuito valore diverso ai terreni espropriati, con l'astensione del terzo. Ed invero, il testuale disposto dell'art. 54 non porta in alcun modo a ritenere che solo nel caso in cui i tecnici si esprimano concordemente a maggioranza si abbia una "stima" impugnabile, atteso che il rimedio dell'opposizione è un rimedio ampio che consente di censurare tutte le attività connesse al procedimento di determinazione dell'indennità, nonché l... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...grave; stimata dai tecnici (cfr. disposto della norma, secondo cui: "il proprietario espropriato, il promotore dell'espropriazione o il terzo che ne abbia interesse può impugnare innanzi alla Corte d'Appello, nel cui distretto si trova il bene espropriato, gli atti dei procedimenti di nomina dei periti e di determinazione dell'indennità, la stima fatta dai tecnici o dalla Commissione provinciale, la liquidazione delle spese di stima e, comunque, può chiedere la determinazione giudiziale dell'indennità...."). D'altra parte, sarebbe incompatibile con un sistema che ha inteso apprestare, attraverso l'elencazione di cui all'art. 54, uno strumento di tutela sì ampio per l'espropriato, un'interpretazione della norma che escludesse dalla fruizione della tutela il soggetto destinatario di una "stima" non effettuata in ossequio al disposto di cui all'art. 21/11 D.P.R. 327/2001 ("in caso di dissenso di uno dei tecnici, la relazione è adottata a maggioranza"), ossia operata in maniera del tutto peculiare, in quanto effettuata diversamente da due componenti della terna, con l'astensione del terzo.In ogni caso, appare evidente dalla lettura complessiva dell'atto di "opposizione", che nel censurare certi aspetti... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...t;stima" effettuata dalla terna dei tecnici, gli opponenti abbiano inteso nel contempo espressamente richiedere la determinazione giudiziale dell'indennità (cfr. il riferimento testuale contenuto nelle conclusioni dell'atto di citazione alla "diversa misura ritenuta equa da accertare e quantificare in corso di giudizio, anche con eventuale CTU..."), per cui alcun profilo di inammissibilità della domanda potrebbe porsi. Il mancato specifico riferimento nell'intestazione dell'atto introduttivo del giudizio alla determinazione giudiziale dell'indennità - omissione questa, peraltro, in linea con la testuale rubrica dell'art. 54 che ricomprende nella generale categoria di "opposizione alla stima" anche l'ipotesi specifica della determinazione giudiziale dell'indennità - ben può essere superata dal potere-dovere del giudice di qualificare giuridicamente l'azione e di attribuire il "nomen iuris" al rapporto dedotto in giudizio, anche in difformità alla qualificazione della fattispecie ad opera delle parti. Ed invero, l'interpretazione della domanda giudiziale costituisce un'operazione riservata al giudice del merito, il cui giudizio, risolvendosi in un accertamento di fatto, non è censurabile in sede di... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...à, quando sia motivato in maniera congrua ed adeguata, avendo riguardo all'intero contesto dell'atto, senza che ne risulti alterato il senso letterale e tenendo conto della sua formulazione, nonché del contenuto sostanziale, in relazione alle finalità che la parte intende perseguire, senza essere condizionato al riguardo dalla formula adottata dalla parte stessa e senza, tuttavia, incorrere nel vizio di ultrapetizione, lasciando inalterati sia il "petitum" che la "causa petendi" (cfr. in tal senso Cass. N. 14751/2007 e 12402/2007).Nel caso in esame, gli attori, oltre ad avere espressamente richiesto la determinazione giudiziale dell'indennità, rimettendosi alla quantificazione ritenuta equa dall'A.G. hanno svolto considerazioni che lasciano inequivocamente intendere di voler demandare, comunque, all'accertamento del giudice la più giusta indennità dovuta.»

GIUDIZIO --> DETERMINAZIONE GIUDIZIALE DELL'INDENNITÀ --> ACCORDO DI CESSIONE --> INCONTESTABILITÀ DEL QUANTUM

Sintesi: Non è ipotizzatile alcuna contestazione né dell'indennità provvisoria accettata o concordata attraverso un accordo amichevole né del prezzo della cessione vol... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...raverso lo strumento dell'opposizione alla stima.

Estratto: «Per effetto dell'accettazione la misura dell'indennità diviene definitiva e non più contestabile restando così precluso il ricorso al rimedio della sua determinazione giudiziale attraverso la proposizione dell'opposizione alla stima, il cui presupposto è costituito appunto dalla mancata accettazione dell'indennità offerta in via provvisoria cui segue la determinazione dell'indennità definitiva e il suo deposito presso la Cassa Depositi e Prestiti, che costituiscono le condizioni richieste dalla legge per l'emanazione del decreto di espropriazione (Cass. 18 aprile 2003, n. 6303): non è pertanto ipotizzatile alcuna contestazione né dell'indennità provvisoria - accettata o concordata attraverso un accordo amichevole - né del prezzo della cessione volontaria attraverso lo strumento dell'opposizione alla stima.»

GIUDIZIO --> DETERMINAZIONE GIUDIZIALE DELL'INDENNITÀ --> ACCORDO DI CESSIONE --> NULLLITÀ

Sintesi: Nella ipotesi di cessione volontaria del bene, stipulata ai sensi dell'art. 12 della legge n. 865/71 con accordo definitivo sul prezzo (senza la clausola "salvo ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...), qualora sia promossa azione per la nullità parziale del suddetto atto relativamente a solo alcune delle voci della indennità, la rideterminazione del prezzo da parte del giudice deve riguardare non la complessiva indennità e quindi il prezzo di cessione pattuito e divenuto definitivo bensì solo le singole e specifiche nullità denunciate.

Estratto: «Risulta con chiarezza che la sentenza della Cassazione n. 3930 del 1999, a base del giudizio di rinvio in cui è stata emessa la decisione impugnata, ha affermato che nel caso andavano esaminate soltanto le nullità parziali delle componenti del prezzo della cessione denunciate dal Consorzio A.S.I., tenendo conto della eccezione di edificabilità delle aree prospettata dai C. e procedendo alla sostituzione delle voci del corrispettivo ritenute nulle, per violazione di norme imperative.La richiamata sentenza di legittimità, rilevata la distinzione della cessione oggetto del presente giudizio, comunque costituente contratto definitivo liberamente concluso dalle parti, rispetto a quella "salvo conguaglio" di cui alla L. n. 385 del 1980, dichiarata incostituzionale con sentenza 19 luglio 1983 n. 223, ha precisato chiaramente che, in sede d... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...quot;l'oggetto dell'accertamento deve essere limitato alle singole nullità evidenziate nella domanda del Consorzio, tenendo pur sempre conto che, con una sorta di eccezione riconvenzionale, i C. hanno ottenuto la declaratoria della natura edificabile delle loro aree".Il carattere definitivo del contratto di cessione concluso tra le parti, valido ed efficace secondo la citata decisione di legittimità, imponeva al giudice del rinvio di "rivisitare le singole domande di nullità proposte dal Consorzio, individuare quelle che non attengono alla mera applicazione delle disposizioni della L. n. 865 del 1971 e, valutatane la fondatezza, procedere a un nuovo calcolo del prezzo di cessione stabilito dalle parti, in tal modo eventualmente emendato".In sede di legittimità, si è quindi affermata, con effetto di giudicato processuale, la validità della cessione conclusa nel caso e si è negata l'esistenza di una domanda di nullità della intero contratto da parte del Consorzio o, in via riconvenzionale, da parte dei C., escludendosi espressamente che nella fattispecie, in cui si deducevano errori "commessi nel calcolo dell'indennità fabbricati e nella triplicazione del valore anche dei manufatti esistenti sul suo... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...otesse comprendersi anche "una più vasta domanda di rideterminazione della indennità, del tutto estranea allo specifico procedimento in esame" (le frasi tra virgolette sono nella sentenza di questa Corte n. 3930/99).Il carattere definitivo del prezzo, concordato in un valido contratto concluso tra le parti, come è ostativo alla applicabilità della L. n. 359 del 1992, art. 5 bis, nella fattispecie, così impedisce di procedere a una nuova liquidazione del quantum dovuto per la cessione delle aree sulla base del loro valore venale ai sensi della L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39, a differenza di quanto deciso dalla sentenza impugnata.Quest'ultima ha ritenuto fondata l'azione di nullità parziale dell'indennità fabbricati, riesaminata come imposto dalla Cassazione, ma non poteva ricalcolare l'intero prezzo della cessione delle aree trasferite sulla base del loro valore venale, come invece ha fatto, in contrasto con la denegata esistenza di una domanda di nuova determinazione dell'intera indennità, che avrebbe portato anche a dover ridurre il dovuto, ai sensi della L. n. 359 del 1992, art. 5 bis, ritenuto invece inapplicabile e determinato pure l'esame, dichiarato precluso, della richiesta del Consorzio di rilevare ch... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...rdo non era stata compresa un'area in centro edificato, che invece risultava pagata.»

Sintesi: Nella ipotesi di cessione volontaria del bene, stipulata ai sensi dell'art. 12 della legge n. 865/71 con accordo definitivo sul prezzo è ammissibile e fondata la azione di nullità parziale per contrarietà a norme imperative relativamente alla voce concernente il calcolo del corrispettivo per i fabbricati il cui valore venale sia stato determinato in contrasto con la L. n. 865 del 1971, art. 16, comma 9, che impone comunque di tenere conto, nella valutazione dei manufatti, del loro stato di conservazione, qualsiasi sia la natura, agricola o edificabile, delle superfici sulle quali essi sorgono.

Estratto: «Delle dedotte azioni del Consorzio A.S.I. di nullità parziale delle indennità - prezzo della cessione conclusa con le controparti, è ammissibile e fondata quella relativa al calcolo del corrispettivo per i fabbricati, il cui valore venale è stato determinato in contrasto con la L. n. 865 del 1971, art. 16, comma 9, che impone comunque di tenere conto, nella valutazione dei manufatti, del loro stato di conservazione, qualsiasi sia la natura, agricola o edificabile, delle superfici sul... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...si sorgono, con conseguente irrilevanza dell'eccezione dei C. di inapplicabilità della legge citata.In ordine alle domande di nullità delle indennità aggiuntive deve invece parzialmente accogliersi l'eccezione riconvenzionale dei C. sulla natura edificabile delle aree, che impone di non applicare la regola di cui alla L. n. 865 del 1971, art. 17, comma 1, non spettando nel caso la triplicazione della indennità tabellare al proprietario coltivatore diretto in fatto nella specie operata, così come già precisato.Negata la nullità della triplicazione operata anche in rapporto alle somme corrisposte per i fabbricati, la somma pagata a tale titolo, da ridurre in proporzione alla maggiorazione erogata invalidamente per il fabbricato n. 2, deve presumersi imputabile al valore convenuto dei beni ceduti da C.F., comprensivo del dovuto per la metà fabbricato e per le aree allo stesso cedente appartenenti.In ordine alla indennità erogata a C.F., quale fittavolo della metà del fondo di proprietà del fratello, l'eccezione di inammissibilità della domanda di nullità ad essa relativa deve invece essere respinta con accoglimento della domanda che comporta la riduzione di quanto dovuto a tale titolo al solo... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...io e/o tabellare del terreno, non ostando alla concessione di tale corrispettivo la natura edificabile delle aree dedotta dai cedenti.»

Sintesi: La nullità dell'accordo di cessione per contrasto con norme imperative non può essere delibato neppure incidentalmente dal giudice dell'opposizione alla stima in quanto l'accertamento incidentale può avere ad oggetto solo questioni pregiudiziali e tra esse non può ascriversi l'accertamento dell'eventuale nullità dell'accordo amichevole sull'indennità poiché esso non costituisce un antecedente logico necessario della determinazione della giusta indennità di espropriazione ma ha natura di mero fatto impeditivo dell'espropriazione che deve essere fatto valere necessariamente in separato giudizio.

Estratto: «La dedotta nullità dell'accordo per contrasto con norme imperative, dedotta dalla ricorrente, non può essere delibato neppure incidentalmente dal giudice dell'opposizione alla stima in quanto l'accertamento incidentale può avere ad oggetto solo questioni pregiudiziali e tra esse non può ascriversi l'accertamento dell'eventuale nullità dell'accordo amichevole sull'indennità poiché esso ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...isce un antecedente logico necessario della determinazione della giusta indennità di espropriazione ma ha natura di mero fatto impeditivo dell'espropriazione che deve essere fatto valere necessariamente in separato giudizio.»



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI