Carrello
Carrello vuoto



Il sequestro preventivo di un manufatto abusivo realizzato sul demanio marittimo


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL CODICE DEGLI ABUSI DEMANIALI
anno:2018
pagine: 1121 in formato A4, equivalenti a 1906 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 30,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


DEMANIO E PATRIMONIO --> ABUSI DEI PRIVATI --> REATI --> ART. 1161, CO. 1, COD. NAV. --> SEQUESTRO PREVENTIVO

In materia di occupazione del demanio marittimo, è legittimo il provvedimento di conferma del sequestro preventivo di uno stabilimento balneare per il reato previsto dagli artt. 54 e 1161 c.n., previa disapplicazione della concessione demaniale ritenuta illegittima dal giudice penale.

Il sequestro preventivo di un bene demaniale marittimo, disposto al fine di impedire il protrarsi di una illecita occupazione di suolo pubblico, è legittimo solo nella misura in cui l'occupazione illecita sottragga l'area alla fruizione collettiva, ipotesi che certamente è più facilmente immaginabile quando è posta in essere da un privato.

L'ordinanza di sequestro di un manufatto realizzato sul demanio marittimo deve essere congruamente motivata, dovendosi, in particolare, desumere se si sia in presenza del reato di occupazione abusiva di suolo demaniale marittimo o, piuttosto, del reato di realizzazione abusiva di innovazioni nell'area demaniale.

Nel caso in cui sia chiesto il sequestro preventivo di un manufatto mantenuto sul demanio marittimo oltre il termine previsto dalla concessio... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...e marittima, il giudice deve valutare la concretezza e l'attualità del periculum in mora, e non può rigettare l'istanza osservando che, in considerazione del fatto che di lì a breve l'occupante avrebbe di nuovo acquisito il titolo per l'occupazione, il provvedimento cautelare avrebbe assolto alla propria funzione per un lasso di tempo limitato.

Al fine di impedire il protrarsi di una illecita occupazione di suolo pubblico che la sottrae alla fruizione pubblica è certamente possibile procedere al sequestro di opere realizzate sul demanio marittimo e non rimosse nel termine prescritto.

È possibile procedere al sequestro preventivo di un bene del demanio marittimo allo scopo di impedire il protrarsi di una illecita occupazione di suolo pubblico e delle attività in esso svolgentisi, se si considera che la natura permanente del reato punito dall'art. 1161 cod. nav. è un dato pacifico e tale da postulare per definizione il periculum che l'eventuale sequestro preventivo intende contrastare e prevenire.

Qualora la permanenza del reato di cui all'art. 1161 cod. nav. sia ancora in atto non è necessario che il provvedimento di sequestro preventivo contenga altri accertamenti in ordine alle ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... ulteriori rispetto alla consumazione del reato stesso, in quanto il periculum è immanente e un simile accertamento sarà necessario solo nel caso in cui la permanenza sia già cessata.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI