Carrello
Carrello vuoto



Cooperative bancarie


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL CODICE DELLE COOPERATIVE
anno:2015
pagine: 825 in formato A4, equivalenti a 1402 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 30,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


Il fondo mutualistico per la promozione e lo sviluppo della cooperazione, il quale agisca per la devoluzione, in proprio favore, del patrimonio di una banca di credito cooperativo, nell'ipotesi di incorporazione di questa, non ha l'onere di esperire preventivamente l'opposizione alla fusione, di cui all'art. 2503 cod. civ., dal momento che tale rimedio ha la funzione di impedire - ove accolto - il realizzarsi della fusione, ossia lo stesso presupposto del diritto alla devoluzione vantato, con la conseguenza che il fondo né avrebbe interesse ad opporsi, né sarebbe a ciò legittimato in quanto privo della qualità di creditore.

Premesso che, al riscontro di gravi irregolarità in sede ispettiva di una banca di credito cooperativo deve fare seguito necessariamente una diffida perché le elimini entro un dato termine, essa va adottata solo quando sia "utile" a dar modo alla cooperativa di attuare le misure idonee a sanare le irregolarità riscontrate, per non mettere in allarme i potenziali soci che avrebbero evitato (o cessato) di versare somme alla società.

Con riguardo alle norme disciplinanti ratione temporis il procedimento di convocazione dell'assemblea di società cooperativa banca... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...lica la norma generale di cui all'art. 2366 cod. civ., ove prevede la previa pubblicazione dell'avviso in Gazzetta Ufficiale con termine di almeno 15 giorni tra detta pubblicazione e la data dell'assemblea stessa e non invece le norme di fonte regolamentare, di deroga alla citata disposizione civilistica, fissate all'arti del D.M. Giustizia n. 437 del 1998 e sulla base delle norme deleganti di cui all'art. 104, comma 2 e art. 144, comma 3 TUF, non essendo estensibili alle società cooperative le procedure di specialità delle regole di convocazione assembleare, né in caso di offerta pubblica di acquisto o scambio, né di sollecitazione alla raccolta delle deleghe (esclusa espressamente ed in via programmatica, per tali società, dall'art. 137 del TUF).



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI