Carrello
Carrello vuoto



Varianti progettuali in contraddittorio


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:LA PROGETTAZIONE nel governo del territorio
anno:2018
pagine: 290 in formato A4, equivalenti a 493 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 20,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


È possibile, per esigenze tecniche connesse all'opera, inserire nella previsione di esproprio le aree marginali in fascia di rispetto, senza previo contraddittorio con i proprietari, qualora gli stessi non abbiano alcuna possibilità di mutare tale decisione.

E' illegittimo il provvedimento di approvazione del progetto definitivo comportante modifica di un realizzando tracciato viabilistico non preceduto dalla comunicazione di avvio del procedimento ex artt. 11 e 16 DPR 327/2001, impedendo così del tutto la partecipazione al procedimento da parte dei privati proprietari dei lotti di terreno interessati dalla realizzazione dell'opera.

Qualora sia da escludere l'incidenza sulle aree di proprietà privata della perizia di variante, quest'ultima ha carattere meramente confermativo del progetto definitivo precedentemente approvato e della dichiarazione di pubblica utilità in esso contenuta, almeno relativamente alle particelle non interessate da alcuna modifica del progetto, con la conseguenza che nessuna utile partecipazione del privato potrebbe ipotizzarsi con riguardo ad un tratto dell'azione amministrativa in ordine al quale l'amministrazione non abbia ritenuto di rideterminarsi.

La comunicazione di avv... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...edimento ha finalità sostanziali e non meramente formali, per cui tutte le volte in cui il soggetto interessato abbia conosciuto o abbia potuto conoscere aliunde, senza diretta e personale comunicazione, un determinato atto o progetto, o sia stato in condizione di conoscerlo, non si rende necessaria una specifica comunicazione di avvio del procedimento in relazione a sue successive propaggini, venendo in rilevo solo riferimenti a segmenti modificativi dell'iniziale procedura.

Non è necessaria la comunicazione di avvio del procedimento qualora la variante non abbia dato luogo ad un'opera nuova, ma abbia integrato una semplice modifica dell'originario progetto per il quale era già intervenuta la comunicazione, per cui non possa configurarsi alcuna reale novità in assoluto della variante e quindi una violazione dell'obbligo informativo relativamente alla stessa.

L'approvazione di variante comportante una dichiarazione di pubblica utilità, nuova e non dipendente dalla precedente vicenda espropriativa, deve essere preceduta dalla comunicazione di avvio del procedimento.

Il proprietario ha diritto di partecipare al procedimento ogni volta che, a causa di una variante progettuale, la realizzazione dell'oper... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...una diversa ricaduta sulla sua proprietà.

In ipotesi in cui la parziale modifica del tracciato viabilistico scaturisca dal contraddittorio con tutti gli interessati, l'eventuale rinnovo della comunicazione di avvio del procedimento è eventualmente necessaria solo in caso di stravolgimento delle originarie previsioni progettuali che incidono ancor più negativamente sugli interessi degli altri destinatari.

PROCEDURA --> CONTRADDITTORIO, GIUSTO PROCEDIMENTO --> PROGETTAZIONE --> VARIANTI PROGETTUALI --> VARIANTI IN CORSO D'OPERA

Della variante apportata al progetto in corso di esecuzione, non devono essere resi edotti tutti i precedenti destinatari, e non solo quelli, per ipotesi, nuovamente interessati da ulteriori interventi espropriativi. Una diversa interpretazione appare illogica e contraria ai principi di semplificazione e di non aggravamento del procedimento rendendo oltremodo difficoltosa l'attività dell'amministrazione, oltre tutto complicata al solo scopo di soddisfare interessi conoscitivi di soggetti estranei a quel segmento di procedura.

L'obbligo di comunicazione di avvio del procedimento, vale per l'ipotesi in cui "nel corso dei lavori si manifesti la necessità... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...unità di espropriare altri terreni o altri edifici, attigui a quelli già espropriati", ed a questi fini "con atto motivato l'autorità espropriante integra il provvedimento con cui è stato approvato il progetto ai fini della dichiarazione di pubblica utilità"; non sussiste tale obbligo nel caso in cui la perizia di variante non abbia comportato alcuna previsione progettuale di espropriazione di ulteriori aree.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI