Carrello
Carrello vuoto



Il contraddittorio nella localizzazione dell'opera pubblica


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:PARTECIPAZIONE AL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO - comunicazioni, osservazioni, controdeduzioni e contraddittorio
anno:2018
pagine: 2232 in formato A4, equivalenti a 3794 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 40,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


PROCEDURA --> CONTRADDITTORIO, GIUSTO PROCEDIMENTO --> OSSERVAZIONI E CONTRODEDUZIONI --> OSSERVAZIONI --> ALLA LOCALIZZAZIONE DELL'OPERA

Deve presumersi che l'espropriato medio non abbia sufficienti strumenti di cognizione per elaborare una proposta progettuale alternativa di per sé completa, quantomeno sotto il profilo tecnico. Compete all'ente promotore delle espropriazioni, cui è demandato il bilanciamento degli interessi in gioco mediante la scelta della soluzione che sia in grado di garantire il miglior risultato tecnico con il minor sacrificio della proprietà privata e di tutti gli altri interessi recessivi rispetto a quello primario sotteso alla realizzazione dell'opera, accertare se la diversa collocazione della stessa indicata dal proprietario interessato dall'esproprio o dall'asservimento sia in concreto fattibile utilizzando tutte le diverse metodologie e soluzioni tecniche disponibili e a quale costo.

A fronte dell'interesse azionato dai proprietari espropriati, non riveste fondamento sollevare aspetti tecnici relativi la realizzanda opera; le valutazioni di tecnica costruttiva sono inconferenti con l'obiettivo di "spostare" la localizzazione dell'opera (viabilistica).

Sussistendo già... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...o espropriativo efficace per effetto dell'approvazione dello strumento urbanistico, i contenuti della partecipazione a seguito di comunicazione di avvio del procedimento ex art. 16 DPR 327/2001, non possono riferirsi all'ablazione in quanto tale, ma possono ragionevolmente dirigersi solo sulle concrete caratteristiche dell'intervento sollecitando possibili modifiche tali da arrecare il minor pregiudizio al diritto dominicale del privato.

Il fatto che l'osservazione comporti l'espropriazione di terreni appartenenti a terzi non può, di per sé, costituire un motivo ostativo al suo accoglimento, trattandosi di un'eventualità del tutto fisiologica nell'ambito dei procedimenti espropriativi, specificamente prevista dal comma 12 dell'art. 16 del D.P.R. 327 del 2001; piuttosto, allorché la modifica progettuale proposta in sede di osservazioni interessi terreni appartenenti a terzi, spetta alla p.a. procedere ad una comparazione dei pregiudizi che le diverse soluzioni possono arrecare all'una o all'altra proprietà (a parità di soddisfazione dell'interesse pubblico).

Non costituiscono vere e proprie soluzioni alternative proposte dal privato soggetto ad espropriazione, attraverso gli apporti partecipativi e per le qua... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... l'obbligo di valutazione da parte dell'Amministrazione, le proposte che si traducono unicamente nel tentativo di traslare su altri soggetti e su altri suoli gli svantaggi derivanti dal procedimento di localizzazione dell'opera pubblica.




 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI