Carrello
Carrello vuoto



Le garanzie partecipative nel rilascio del titolo paesaggistico


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:PARTECIPAZIONE AL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO - comunicazioni, osservazioni, controdeduzioni e contraddittorio
anno:2018
pagine: 2232 in formato A4, equivalenti a 3794 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 40,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


L'art. 156 d.lgs. 42/2004 pone la comunicazione di avvio del procedimento in capo all'autorità che rilascia l'autorizzazione paesaggistica, valendo tale avviso in relazione alla successiva fase del controllo da parte dell'autorità ministeriale: risultando in tal modo normativamente regolamentati gli adempimenti relativi alla partecipazione procedimentale con riferimento alla successiva fase di competenza dell'autorità ministeriale, deve escludersi l'illegittimità del provvedimento di annullamento ministeriale per l'eventuale omissione delle garanzie partecipative.

L'annullamento dell'autorizzazione paesaggistica da parte della soprintendenza deve essere preceduto da una comunicazione formale di avvio del procedimento inviata, al privato istante, dalla medesima amministrazione statale periferica chiamata a concludere il procedimento.

Non è necessario comunicare l'avvio del procedimento amministrativo prima di revocare un'autorizzazione paesaggistica relativa ad un manufatto che presenti concrete caratteristiche diverse da quelle per le quali era stato richiesto e ottenuto l'assenso.

A fronte di un preavviso di rigetto che si è limitato a lamentare una carenza di documentazione, è illegitt... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...vedimento finale motivato in ordine alla non compatibilità del progettato intervento rispetto al contesto paesaggistico.

È illegittimo la prescrizione negativa contenuta in un'autorizzazione paesaggistica (nella specie trattavasi del diniego a realizzare un pergolato in legno) se agli atti del procedimento non v'è traccia né di richiesta di opportune integrazioni, né di svolgimento di accertamenti, né della relazione tecnica illustrativa dell'amministrazione procedente, né dell'avviso dell'avvio del procedimento, né del preavviso di provvedimento negativo, con evidente compromissione del diritto alla partecipazione al procedimento dell'interessato e con conseguente evidente violazione dell'art. 146 del D.Lgs. n. 42 del 2004.

Il procedimento di accertamento di conformità paesaggistica è disciplinato dall'art. 167 D.Lgs. 42/2004 che non contempla alcun obbligo di comunicazione dell'avvio del procedimento ai terzi.

Il preavviso di diniego non si applica al procedimento di controllo dell'autorizzazione paesaggistica da parte della Soprintendenza.

La valutazione ambientale sulle opere e, ancor più, su un progetto complesso di interventi sul territor... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... non può giustificare l'inerzia o le elusioni in risposta al preavviso di rigetto tempestivamente comunicato all'interessato dalla Soprintendenza.

L'obbligo di avviso dell'inizio del procedimento di controllo dell'autorizzazione paesaggistica è da intendersi assolto con la comunicazione agli interessati, a cura dell'autorità preposta alla tutela del vincolo, dell'avvenuta trasmissione alla Soprintendenza dell'autorizzazione rilasciata.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI