Carrello
Carrello vuoto



La partecipazione nella dismissione dei beni pubblici


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:PARTECIPAZIONE AL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO - comunicazioni, osservazioni, controdeduzioni e contraddittorio
anno:2018
pagine: 2232 in formato A4, equivalenti a 3794 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 40,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


Dato il carattere accertativo dell'attività prodromica alla dismissione ex art. 3 d.l. 351/2001, tesa all'acquisizione di dati di fatto le cui conseguenze, compiutamente indicate dalla legge, non sono in alcun modo negoziabili, deriva che nessun apporto può derivare dal coinvolgimento degli interessati in ciascuna delle fasi del procedimento, per cui è legittimo prescindere dalla comunicazione di avvio del procedimento.

L'avvio del procedimento volto all'adozione della delibera di alienazione del palazzo di giustizia deve essere comunicato al Ministero della Giustizia.

Non vi è dubbio che l'avvenuto perfezionamento di una procedura ad evidenza pubblica, segnato dall'adozione di un provvedimento di aggiudicazione definitiva, differenzi la posizione dell'aggiudicatario ai fini dell'applicazione delle garanzie partecipative di cui agli artt. 7 e ss. della legge n. 241/1990, imponendo, nel caso di esercizio del potere di autotutela, l'obbligo di comunicare l'avvio del relativo procedimento, proprio per consentire all'aggiudicatario non solo di svolgere le proprie difese, ma soprattutto di fornire all'amministrazione l'imprescindibile apporto di osservazioni, controdeduzioni e chiarimenti al fine della corretta e completa attiv... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...istruttoria per l'adozione di un "giusto" provvedimento.

L'Amministrazione comunale è tenuta a dare all'aggiudicatario la previa comunicazione di avvio del procedimento di revoca dell'aggiudicazione definitiva del bene pubblico, in considerazione della posizione di vantaggio a lui attribuita con tale ultimo atto e del diritto dello stesso di svolgere le proprie difese, mediante osservazioni e controdeduzioni.

La ricomprensione di un immobile tra quelli "di pregio" e l'esclusione dello stesso dal novero degli immobili che si trovano in stato di degrado, ai sensi dell'art. 3, comma 13, D.L. 351/2001, non sono annullabili per omessa comunicazione di avvio del procedimento, se è dimostrato che il provvedimento non avrebbe potuto essere diverso.

Laddove l'interessato sia stato informato fin dall'inizio della procedura di dismissione in corso, sia stato più volte notiziato del suo progredire ed abbia pertanto avuto la possibilità di partecipare, è irrilevanze la mancanza di una formale comunicazione di avvio del procedimento.

La verifica del pregio degli immobili, quale attività strumentale alla dismissione e finalizzata agli accertamenti istruttori per dettare regole generali di pian... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...dell'ulteriore azione ai fini dei futuri singoli atti di dismissione, non soggiace alla norme di cui all'art. 7 e ss. della legge 241/1990.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI