Carrello
Carrello vuoto



Conseguenze dell'esercizio del potere amministrativo sui rapporti tra soggetti privati negozialmente instaurati


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:RICORSI, IMPUGNAZIONI, DOMANDE GIUDIZIALI
anno:2016
pagine: 3048 in formato A4, equivalenti a 5182 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 45,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


Sintesi: L'esercizio del potere amministrativo può indirettamente provocare conseguenze sui rapporti intercorrenti tra soggetti privati negozialmente instaurati (ad es. il contratto di prestazione professionale e/o di mandato), ma ciò non comporta un allargamento della legittimazione ad agire anche ai soggetti indirettamente incisi, poiché fuoriesce dalla giurisdizione del G.A. l'accertamento delle conseguenze indirette dell'esercizio del potere pubblico sul contratto stipulato dai privati e sul rapporto da questo originantesi sul piano della presupposizione o della sopravvenuta impossibilità giuridica dell'oggetto.

Estratto: «3. Di tale ultima specie è anche il caso in esame, dove, attraverso una rideterminazione delle previsioni dello strumento urbanistico, si è inciso sulla capacità edificatoria di un suolo.Tuttavia, nel caso di specie, il rapporto processuale che si è instaurato con la Pubblica amministrazione appare, per così dire, capovolto, rispetto alle considerazioni ricostruttive sopra esposte.Ed infatti, i provvedimenti che hanno inciso negativamente sullo ius aedificandi – per come risultante dalla precedente pianificazione - non s... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...mpugnati dal soggetto titolare del bene (soc. Petracem).Tali provvedimenti sono stati invece impugnati da un soggetto, che con il proprietario di detti immobili ha stipulato un contratto d'opera professionale, il quale lamenta ora che, per effetto della adozione della variante al PRG, si è determinata la risoluzione del contratto, con conseguente perdita di consistenti vantaggi patrimoniali.Alla luce di quanto esposto, appare evidente che l'attuale appellante non è titolare di alcuna posizione di interesse legittimo nei confronti della pubblica amministrazione, e non è, quindi, legittimato alla proposizione del presente ricorso.Ed infatti, l'avere contrattualmente stabilito una pluralità di obbligazioni a carico ed in favore del Negri, connesse alla realizzazione del progetto di lottizzazione e conseguente vendita dei lotti (della cui attività ulteriore, oltre quella di progettazione, il Negri sottolinea di essere stato incaricato), rappresenta una circostanza estranea al rapporto (di diritto pubblico) intercorrente tra privato proprietario dei beni immobili, titolare di interesse legittimo oppositivo (la Petracem) e la Pubblica Amministrazione (il Comune di Traona); una circostanza, cioè, che appartiene al contenuto contrattuale, libera... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...ito in esercizio di autonomia negoziale privata, ma che non è idonea a far sorgere alcun rapporto con la Pubblica Amministrazione.Tale circostanza, dunque, in quanto disciplinata e/o determinata nelle sue conseguenze dallo statuto contrattuale regolante il rapporto tra soggetti parte di un contratto di prestazione d'opera professionale o anche di mandato, è strutturalmente inidonea a conformare una posizione di interesse legittimo in capo al professionista, proprio perché alcun rapporto intercorre, a valle ed indipendentemente dal contratto, tra il professionista stesso e la pubblica amministrazione.Processualmente, la posizione del professionista parte del contratto, come definita nel caso di specie, nel mentre sorregge certamente un intervento ad adiuvandum della posizione di un (eventuale) ricorrente, non consente affatto di ricostruire una autonoma legittimazione ad agire e, quindi, ad impugnare i provvedenti di diniego interessanti la sfera giuridica di altri soggetti, e ciò solo perché tali provvedimenti avranno – ma non più immediatamente e direttamente – conseguenze (non effetti) negative sul rapporto contrattuale con tali soggetti intercorrente.Da quanto sinora esposto, appare evidente come non possa essere seguita l... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ... dell'interesse legittimo proposta dall'appellante, in particolare laddove egli afferma che "l'attinenza dell'interesse del privato va dunque valutata caso per caso, in giusta correlazione con l'episodico esercizio di potere, ma senza che si postuli in alcun modo una preventiva previsione della sua rilevanza da rinvenire tout court all'interno della norma posta a regola dell'agire dell'amministrazione".Tale ricostruzione (che postula un esercizio del potere amministrativo "a geometria variabile", e di conseguenza una incidentale, se non casuale, emersione delle posizioni di interesse legittimo) per un verso, prescinde dal dato normativo (si vedano, tra gli altri, i già citati artt. 7 e 9 l. n. 241/1990); per altro verso, rende in pratica possibile l'attribuzione di titolarità di posizioni di interesse legittimo al di fuori del rapporto di diritto pubblico; per altro verso ancora, finisce con il porre fortemente in dubbio lo stesso fondamento sostanziale della posizione di interesse legittimo, che se già sconta – come si è già avuto modo di affermare – una particolarità offerta dalla sua "percepibilità" solo sul piano dinamico (dell'esercizio del potere), tuttavia non può non trovare nella prefigurazione normativ... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...icità del potere amministrativo e del suo esercizio, i tratti identificativi della titolarità (secondo gli attributi del "personale" e dell'"attuale").E' del tutto evidente che l'esercizio del potere amministrativo, che (come nel caso di specie) agisce in misura compressiva sull'interesse legittimo, può indirettamente provocare conseguenze sui rapporti intercorrenti tra soggetti privati negozialmente instaurati (nel caso di specie, il contratto di prestazione professionale e/o di mandato), ma, per un verso, non può che confermarsi la titolarità dell'interesse legittimo solo in capo al soggetto direttamente leso dall'esercizio del potere; per altro verso, fuoriesce dalla giurisdizione del giudice amministrativo l'accertamento delle conseguenze indirette dell'esercizio del potere pubblico sul contratto stipulato dai privati e sul rapporto da questo originantesi (sul piano della presupposizione o della sopravvenuta impossibilità giuridica dell'oggetto).Ovviamente, la dichiarata insussistenza della posizione di interesse legittimo tutelabile, con riferimento agli atti (impugnati) che hanno disposto la variante al PRG, si estende anche alla concessione edilizia (pur essa impugnata) rilasciata in favore del sig. Della Matera, atteso che non pu... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...ere alcun rilievo, in assenza di posizione di interesse legittimo, la prospettata "vicinitas" degli immobili (non di proprietà dell'appellante) a quello sul quale deve sorgere la assentita costruzione, trattandosi di elemento (a parte ogni considerazione della sua rilevanza nel caso di specie) utilizzabile al fine della individuazione dell'interesse ad agire (e che quindi presuppone positivamente acclarata la sussistenza della posizione giuridica tutelabile).»



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI