Carrello
Carrello vuoto



Prestazione di servizi su aree appartenenti al demanio aeroportuale

Spetta al Consiglio di Amministrazione dell'E.N.A.C. (Ente Nazionale Aviazione Civile) la competenza circa la richiesta di spazi all’interno dell’aerostazione da parte di un prestatore di servizi a terra, in quanto questa rientra tra le richieste di sub-concessione di spazi demaniali.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL CODICE DELLE CONCESSIONI DEMANIALI
anno:2017
pagine: 5772 in formato A4, equivalenti a 9812 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 50,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> DEMANIO AEROPORTUALE

In materia di beni del demanio aeroportuale, il concessionario non può invocare l'art. 37 cod. nav. per sostenere che non potrebbe essere indetta una procedura ad evidenza pubblica per l'affidamento dell'area in concessione, perché la norma, oltre a riguardare il demanio marittimo, non appare costituire un ostacolo alla indizione di procedure di evidenza pubblica, né risulta prevedere un diritto di insistenza del precedente titolare della concessione.

In materia di concessione di beni del demanio aeroportuale, anche se il rapporto non è riconducibile alla disciplina del D. Lgs. 163/2006, non essendo qualificabile né come appalto di servizi (non configurandosi un contratto passivo) né come concessione di servizi ex artt. 3, co. 12, e 30 cod. contr. pubbl., stante l'assenza, per un verso, di quel nesso di "strumentalità qualificata" e l'insussistenza, per altro verso e più in generale, di un'attività di servizio pubblico (vale a dire "esercitata per erogare prestazioni volte a soddisfare bisogni collettivi, ritenuti indispensabili in un determinato contesto sociale"), sussiste l'obbligo ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...one di procedura competitiva, pena l'introduzione di una barriera all'ingresso al mercato e conseguente lesione dei principi di parità di trattamento, di non discriminazione e di trasparenza.

L'art. 7 D.P.R. 53/2013, ove prevede che l'Aero Club federato debba disporre di un idoneo aeroscalo, non impedisce di bandire una procedura di evidenza pubblica che abbia ad oggetto un'area in precedenza assegnata in concessione ad un Aero Club, dal momento che proprio tale previsione contempla la possibilità di disporre di dette aree anche in via non esclusiva.

L'ENAC ha il potere di regolamentare la concessione dei beni del demanio aeroportuale, in quanto tale ente ai sensi dell'art. 693 c.c. è assegnatario dei beni del demanio aeronautico civile statale in uso gratuito per il successivo affidamento in concessione al gestore aeroportuale.

Non sussiste alcuna norma, né principio sulla scorta del quale i soggetti già titolari di concessioni del demanio aeroportuale possano vantare una preferenza al rinnovo della concessione sulle medesime aree.

In ambito aeroportuale, le attività "non aviation" relative a servizi commerciali offerti ai passeggeri, la cui mancata offerta non sembra... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...i impedire o di pregiudicare in modo significativo il regolare esercizio del trasporto aereo, esulano dall'area delle concessioni di pubblico servizio.

L'attività di ristorazione è prettamente commerciale e non collegabile neanche in via indiretta ad alcuna servizio di carattere complementare alle attività del vettore aereo in ambito aeroportuale, con conseguente sottrazione della sua procedura di affidamento dall'applicazione del Codice dei Contratti Pubblici (Settori Speciali), in quanto la fattispecie si pone al di fuori dei servizi di "gestione aeroportuale" e, quindi, del raggio di azione del Codice, trattandosi di attività da considerare nei "settori esclusi" e non in quelli "speciali".

La gestione di un aeroporto turistico è solo in parte equiparabile ad una concessione di bene demaniale, essendo ad essa connessi anche l'erogazione di servizi pubblici indispensabili per mantenere aperto e funzionante il sedime aeronautico e per lo svolgimento e l'assistenza alle attività di navigazione turistica o sportiva.

La gestione di un bene demaniale (nel caso di specie un'area aeroportuale) richiede una concessione traslativa da parte dell'amministrazione.

È legittimo il pro... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...con la quale l'E.N.A.C. rigetta la domanda di concessione di area aeroportuale che sia motivato sulla base della volontà della P.A. di non consentire ulteriori sviluppi alle attività aeronautiche svolte all'interno dell'aeroporto, se non subordinatamente all'approvazione di un nuovo piano regolatore aeroportuale, in ragione delle particolari limitazioni di traffico a cui è sottoposto lo scalo aeroportuale.

La richiesta di spazi all'interno dell'aerostazione, da parte di un prestatore di servizi a terra va configurata in termini di sub-concessione di spazi demaniali: la competenza ad adottare i relativi provvedimenti, pertanto, è del Consiglio di Amministrazione dell'E.N.A.C..


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI