Carrello
Carrello vuoto



Quando la domanda risarcitoria per occupazione illegittima da parte della P.A. è di competenza del G.O.?


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:GIURISDIZIONE E COMPETENZA GIURISDIZIONALE nell’ambito del governo del territorio
anno:2016
pagine: 3023 in formato A4, equivalenti a 5139 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 45,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


Sintesi: Sussiste la giurisdizione del GO sulla domanda risarcitoria qualora l’occupazione sia intervenuta dopo la scadenza del termine di efficacia del decreto di occupazione, ossia in assenza di qualsiasi provvedimento che legittimI l’apprensione del bene del ricorrente.

Estratto: «Il Consiglio di Stato, con recentissima decisione della V Sezione del 12 giugno 2009, n. 3677, ha statuito: “Ciò discende, d'altro canto, dai chiari insegnamenti della Corte Costituzionale, secondo la quale la linea di demarcazione tra la giurisdizione ordinaria e amministrativa è determinata dalla presenza e dalla mediazione, nella singola vicenda, di un atto amministrativo: la giurisdizione amministrativa, a questa stregua, è esclusa nei soli casi di occupazione usurpativa, cioè quando l'attività di immissione in possesso di un'area e le eventuali trasformazioni della stessa siano riconducibili alla mera via di fatto”.E questa stessa sezione, con sentenza del 2 marzo 2009, n. 1198, ha affermato: “Per tal guisa resta confermato un risalente e pacifico indirizzo della giurisprudenza amministrativa in forza del quale la controversia concernente la sopravvenuta inefficacia del decreto prefettizio di occupazione, a seguito di sc... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...termine fissato perla sua esecuzione, è questione devoluta alla giurisdizione del giudice ordinario, giacché la relativa doglianza si traduce nella denuncia del potere ablatorio a tutela di una posizione giuridica del privato che, proprio per la sopravvenuta inefficacia, ha riacquistato natura e consistenza di diritto soggettivo (C. di S., IV, 7 aprile 1989, n. 229).Indirizzo siffatto poteva essere indubbiamente scalfito con l'entrata in vigore dell'art. 34 del D.L. vo n. 80/1998, ma, ciò, soltanto prima che sulla innovazione normativa in parola intervenisse la Corte Costituzionale con le fondamentali sentenze n. n. 204/2004 e n. 191/2006”.Nel caso di specie il giudice adito non può che dichiarare il proprio difetto di giurisdizione in quanto, come affermato dal medesimo ricorrente, l’occupazione è intervenuta dopo la scadenza del termine di efficacia del decreto di occupazione, ossia in assenza di qualsiasi provvedimento che legittimasse l’apprensione del bene del ricorrente.»



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI