Carrello
Carrello vuoto



Beni di interesse culturale


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:BENI E VINCOLI CULTURALI ARCHEOLOGICI, STORICI, ARTISTICI nel governo del territorio
anno:2018
pagine: 256 in formato A4, equivalenti a 435 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 20,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


Le norme della l. 1089/1939 e quelle conformi del T.U. 490/1999 hanno registrato un'interpretazione non uniforme quanto all'esatta individuazione dei criteri in base ai quali i beni di proprietà di un ente pubblico vanno ritenuti sottoposti a tutela come beni di interesse culturale.

Dal contesto normativo della legge n. 1089 del 1939 emerge chiaramente che le cose ritrovate o scoperte fortuitamente, per appartenere allo Stato, devono essere cose distinte rispetto al bene in cui il rinvenimento viene effettuato: devono avere una identità propria ed una autonoma configurazione rispetto all'immobile o alla cosa in cui il rinvenimento o la scoperta sono avvenute.

Il collegamento materiale degli affreschi con l'immobile conferisce a questi la qualificazione giuridica di beni immobili per destinazione ai sensi dell'art. 414 del previgente codice civile e di pertinenze dell'immobile alla stregua dell'articolo 817 del vigente codice. Trattandosi di vincolo pertinenziale, caratterizzato dal materiale collegamento tra l'immobile e l'affresco, destinato ad ornamento del medesimo, mai venuto meno, non può ritenersene la proprietà dello Stato a seguito del suo fortuito ritrovamento.

L'immobile avente più di 50 ann... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...levato a 70 con il d. l. n. 70 del 2011), appartenente a un ente ecclesiastico civilmente riconosciuto e oggettivamente privo d'interesse religioso (non risultando destinato a esigenze di culto ma a scopo abitativo) è escluso dal campo di applicazione ddll'art. 9 d.lgs. 42/2004 e inquadrato nell'area di applicazione del combinato disposto di cui agli articoli 10, comma 1, e 12, commi 1 e 2, del medesimo d.lgs. 42/2004.

L'articolo 52 del 'Codice dei beni culturali e del paesaggio' (in tema di "Esercizio del commercio in aree di valore culturale e nei locali storici tradizionali") non può essere in alcun modo inteso nel senso di impedire agli organi ministeriali di attivare i diversi e più generali strumenti di tutela riconducibili alla previsione di cui all'articolo 20 del medesimo 'Codice': fra i due tipi di tutela esiste infatti un rapporto di integrazione e complementarietà e non certo un rapporto di esclusione ed alternatività.

Deve escludersi che un bene di natura storico-artistica possa ritenersi assoggettato al regime del demanio pubblico solo in virtù delle sue caratteristiche intrinseche.

Un immobile di interesse storico, archeologico od artistico può ritenersi incluso nel deman... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...identale dello Stato, delle province o dei comuni soltanto alla duplice condizione che appartenga ai suddetti enti e che l'indicato interesse sia stato dichiarato o riconosciuto, a seguito di specifico giudizio valutativo da parte della P.A..

Il riconoscimento del valore storico, artistico o archeologico di un bene deve provenire dall'amministrazione a ciò competente e, ai fini dell'assoggettamento al regime del demanio pubblico, è irrilevante la destinazione urbanistica.

Se il bene culturale è un bene immobile, esso rientra nel demanio comunale ai sensi degli artt. 822 comma 2 e 824 c.c..

La nozione di bene culturale per il giurista non può che essere una nozione aperta, non rinvenibile direttamente nella normativa, ma mediante rinvio a discipline non giuridiche, di tal che la formula normativa non può che essere riempita dai contenuti offerti da altre discipline - storiche, estetiche, etc. -, che si evolvono nel progressivo evolversi della storia, degli interessi che, nella categoria dei beni c.d. «culturali», l'ordinamento intende garantire.

Se il legislatore nazionale ha previsto una nozione di bene culturale che si fonda sul corrispondente ampliamento del concetto di c... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...unque, in ultima analisi, della coscienza culturale del popolo, cui si connette una disciplina di livello statale avente valore ricognitivo del patrimonio riconosciuto, non può che trovare altresì riconoscimento una norma di rango regionale, che, nel dettare le disposizioni uniformi sul territorio per la realizzabilità degli interventi edilizi, riconosca la specificità del potere dell'Autorità comunale di garantire la tutela dei contesti architettonici particolari.

Ai sensi del D. Lgs. 42/2004, si può prescindere dal procedimento di verifica dell'interesse culturale in relazione ai beni culturali ma solo ai fini della applicazione delle specifiche norme che ad essi si riferiscono e non ad altri fini, come la necessità di autorizzazione per l'alienazione.

L'elenco descrittivo delle cose immobili e mobili che presentano interesse artistico, storico, archeologico e demo-etno-antropologico non ha un valore costitutivo. Di conseguenza, forme di protezione e di tutela di cui al D. Lgs. 42/2004 possono scattare sui beni di proprietà pubblica o di enti no profit, anche a prescindere dall'inclusione nell'elenco, purché essi presentino comunque un interesse culturale come tale riconosciuto e appre... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... amministrazione.

Il R.D. 1357/1940 non trova applicazione in materia di beni culturali, ma solo di beni paesaggistici.

Pur esistendo indiscutibili momenti di interferenza tra i «beni culturali» e i «beni paesaggistici», le due categorie restano distinte sul piano categoriale e funzionale e della disciplina giuridica, posto che i «beni culturali» sono tutelati per le proprie caratteristiche intrinseche, mentre i «beni paesaggistici» sono tutelati per il loro rapporto con il territorio tutto, tanto che una vera e propria attività pianificatoria è prevista soltanto con riferimento a questi ultimi.

Su uno stesso bene possono certamente coesistere un vincolo paesaggistico e un vincolo culturale, poiché tali provvedimenti presuppongono valutazioni diverse.

Una cava può ben essere un «sito minerario di interesse storico e antropologico» ed essere sottoposta a vincolo culturale ex art. 10, co. 4, lett. h), D. Lgs. 42/2004 poiché essa può assumere rilievo quale testimonianza storica ed antropologica, in relazione ai rapporti con la comunità che intorno alla stessa si è sviluppata.

Può essere ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... culturale» qualunque emergenza significativa sotto il profilo storico/culturale/antropologico, persino una zona priva di valore artistico o estetico, laddove la P.A. intenda valorizzare, sulla base di elementi di fatto oggettivi, la sua portata fortemente caratterizzante in relazione ad aspetti quali l'intenso rapporto con il territorio ed il suo legame con l'evoluzione storica dello stesso.

Un bene immobile di interesse storico artistico appartenente ad un ente pubblico è "necessariamente" un bene demaniale.

L'ordinamento giuridico ha recepito una nozione ampia di «bene culturale», con il riconoscimento di nuove categorie di beni che siano «testimonianze aventi valore di civiltà» (art. 2 del D.Lgs. n. 42/2004). Il valore culturale non è più rappresentato dall'oggetto materiale nella sua estrinsecazione fisica, ma si concretizza nella funzione sociale del bene, visto come fattore di sviluppo intellettuale della collettività e come elemento attorno a cui si definisce l'identità della comunità locale.

Le leggi regionali possono individuare nuove tipologie di beni culturali per soli scopi di valorizzazione, mentre per scopi di tutela con i connessi vincoli e... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...oni proprietarie la competenza a siffatte individuazioni resta riservata alla legislazione statale.

DEMANIO E PATRIMONIO --> BENI CULTURALI E ARCHEOLOGICI --> AREE E PARCHI ARCHEOLOGICI

In caso di un'area di interesse archeologico ma coltivata non può di certo sostenersi la prevalenza della normativa agraria di cui alla l.n. 203/82 sul d.lgs. 42/2004.

Non è conseguenza immediata che un bene che ricade in un'area di interesse archeologico sia per se stesso un bene di interesse archiologico.

DEMANIO E PATRIMONIO --> BENI CULTURALI E ARCHEOLOGICI --> ATTESTATO ART. 68 D. LGS. 42/2004

Ai fini del rilascio dell'attestato di libera circolazione, non assume rilievo l'allegato A del d. lgs. 42/2004, che tra le norme a cui si riferisce non richiama l'art. 68.

L'art. 1 Reg. CE 3911/1992 è relativo all'esportazione di beni culturali all'esterno della Comunità, pertanto non interferisce con l'art. 68 d. lgs. 42/2004 che invece ne disciplina la circolazione all'interno degli Stati membri.

DEMANIO E PATRIMONIO --> BENI CULTURALI E ARCHEOLOGICI --> AUTORIZZAZIONE ART. 21 D. LGS. 42/2004

L'art. 21 del d.lgs. 42 del 2004 prevede, pe... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...zzazioni aventi ad oggetto interventi su beni culturali, un regime temporale specifico ed incompatibile con l'inefficacia automatica prevista per le autorizzazioni paesaggistiche dall'art. 146 d.lgs. n. 42 del 2004.

La sottoscrizione da parte del Soprintendente per i beni architettonici e culturali del verbale dell'incontro da cui risulta la presa d'atto da parte di questi della necessità di demolire un bene culturale è sufficiente ad integrare il presupposto dell'autorizzazione di cui all'art. 21 D. Lgs. 42/2004.

DEMANIO E PATRIMONIO --> BENI CULTURALI E ARCHEOLOGICI --> BENI MOBILI

L'art. 44, comma 1, della l. n. 1089 del 1939, nel disporre che le cose ritrovate appartengono allo Stato, si riferisce ai ritrovamenti effettuati a seguito di ricerche archeologiche e, inequivocabilmente, ai soli beni mobili: è dunque illegittimo il decreto che, in forza di questa norma, dichiara l'appartenenza allo Stato di un ritrovamento esclusivamente immobiliare (nella specie, una grotta con i relativi muri interni).

Le monete antiche ma di modesto valore, nonché ripetitive (in quanto vi sono in giro diversi esemplari uguali), non rientrano nel demanio culturale ex art. 10 d.lgs. 42/2004.

[Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...E PATRIMONIO --> BENI CULTURALI E ARCHEOLOGICI --> BIGLIETTI DI INGRESSO

Il concessionario del servizio di emissione dei biglietti per l'accesso ai beni culturali agisce in nome e per conto della P.A., titolare del denaro riscosso, la determinazione del prezzo del biglietto (tariffa) soggiace ad una disciplina pubblicistica e gli introiti sono acquisiti con vincolo di specifica destinazione.

Il servizio di biglietteria non è a rigore ascrivibile ai servizi aggiuntivi: soltanto apparentemente esso, a differenza dei servizi di pulizia e di sorveglianza, è finanziato dagli utenti, perché il suo costo è carico delle risorse della P.A., se si considera che parte del prezzo del biglietto, invece di essere versato, è trattenuto dal gestore del servizio.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI