Carrello
Carrello vuoto



Abusi su beni culturali: ordine di reintegrazione


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:BENI E VINCOLI CULTURALI ARCHEOLOGICI, STORICI, ARTISTICI nel governo del territorio
anno:2018
pagine: 256 in formato A4, equivalenti a 435 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 20,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


I poteri ministeriali di provvedere in caso di abusi su beni culturali mediante esecuzione d'ufficio a spese dell'obbligato (art. 131 D. Lgs. 490/1999) sono subordinati alla inottemperanza all'ordine di ripristino impartito al responsabile dell'abuso e non alla inerzia del comune, il quale, beninteso, può sempre attivarsi nell'esercizio dei propri poteri di controllo dell'attività urbanistica ed edilizia, il che spiega la ragione del suo coinvolgimento nella procedura.

In caso di abuso su bene culturale è illegittimo il provvedimento che ordini la rimozione dell'intera opera e non contenga alcuna valutazione sulla possibilità di limitare il ripristino alle sole parti difformi.

La violazione del termine per l'adozione del provvedimento sanzionatorio di cui all'art. 59, co. 2, legge 1089/1939 non determina l'illegittimità dell'ordine di ripristino, poiché non è un termine previsto a pena di decadenza.

È illegittimo il provvedimento adottato in applicazione dell'art. 160 d. lgs. 42/2004, secondo cui il responsabile di danni arrecati ai beni culturali derivanti dalla violazione degli obblighi di protezione e di conservazione è sanzionato con l'esecuzione a sue spese delle opere... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... alla reintegrazione, qualora il responsabile non potesse avere conoscenza del carattere storico artistico del bene per la mancanza della trascrizione nei registri immobiliari della declaratoria di interesse storico-artistico.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI